Festa della liberazione: polemica sulla pagina di Orgoglio Nerd

Oggi è la festa della liberazione, il 25 aprile.

Giornata di festa nazionale dedicata al ricordo per la fine del nazi-fascismo, avvenuto nelle ultime fasi della Seconda guerra mondiale (1945).

La data però, è rappresentativa di un processo più lungo. L’occupazione, infatti, non terminò nel giro di 24 ore ma avvenne con una lenta ritirata dei soldati tedeschi e fascisti, spinti dalla rivolta popolare e dalle organizzazioni partigiane.

Ci sarebbe molto altro da dire, in ambito storico, e in realtà ben poco di cui esserne consapevoli.

Il fatto è: questo che stai leggendo, amico mio, è storia. Fatti accaduti realmente.

La festa della liberazione rappresenta una questione di libertà, non di politica.

Il passato ci insegna come ogni forma di dittatura sia lesiva per non dire auto-distruttiva nei confronti della dignità e della vita dell’uomo.

E’ per questo che ci chiediamo come nel 2017, sia ancora possibile imbattersi in polemiche come questa che vedete qui di seguito:festa della liberazione

Questa mattina, infatti, Orgoglio Nerd – che non ha bisogno di presentazioni, speriamo – ha cambiato il tema grafico della propria pagina facebook in riferimento alla citazione di Porco Rosso, film d’animazione giapponese di Hayao Miyazaki, in cui il protagonista, un maiale antropomorfizzato, dice:<<meglio maiale che fascista>>.

Il punto non è il fascismo. Ciò che è stato fatto, le conseguenze di quanto accaduto che hanno portato orrore e miseria nella vita di milioni.

E’ ora di darci un taglio con i discorsi da “ma sono state fatte anche cose buone”. Beh, ho una brutta notizia per voi: non è vero. I dittatori e relativi governi non fanno mai cose buone per il popolo.

Probabilmente, se ad occupare l’Italia, fosse stato un governo comunista, il 25 aprile festeggerebbe la liberazione dal comunismo e non dal nazi-fascismo.

Quindi, l’altra gettonatissima argomentazione e cioè “ancora con sto fascismo? E il comunismo? Elefoibbe?“, non regge. That’s all folks.

Ma la cosa persino più fastidiosa rispetto a cosa discusso poc’anzi è la totale intolleranza nel veder trattare da un sito a tema nerd, un argomento del genere…

Qual è il problema? Seriamente.

Forse è il caso di schiarirvi la memoria, citandovi una serie di opere, notoriamente conosciute in ambito nerd, che trattano appunto di “totalitarismo”.

  • Cloud Atlas: film tratto dal romanzo L’atlante delle nuvole di David Mitchell. Temi ricorrenti nel film, così come nel romanzo, sono la reincarnazione e il destino, elementi che legano indissolubilmente i personaggi e le situazioni dei sei episodi ambientati in epoche diverse attraverso numerosi richiami e citazioni interne.
  • Il Signore degli Anelli: la storica opera di J. R. R. Tolkien, notoriamente ispirata dalle vicende socio-politiche del tempo (il romanzo è stato pubblicato nel 1955).
  • 1984: capolavoro letterario di Georgo Orwell, un punto di riferimento della fantascienza. Inutile anticiparvi i dettagli. Parla di libertà di pensiero e parola (viene pubblicato nel 1949).

E poi: The Island con Ewan McGregor, The Interview con Seth Rogen, V per Vendetta con Hugo Weaving e tanti ma tanti altri.

Adesso, veniteci a spiegare perché un nerd non potrebbe festeggiare la festa della liberazione come meglio crede. Anche se lo dovesse dichiarare su Facebook.

Qui il Bosone, passo e chiudo.

Dave

Un tipetto alquanto permaloso, soprattutto quando è davanti al suo pc. Vive un rapporto dualistico, di amore e odio, nei confronti della tecnologia. Ama scrivere al computer, per esempio. Ma non prova le stesse emozioni quando perde 300 cartelle word a causa di interruzioni improvvise causate da chissà quale maledizione fantozziana. Vive di libri, muore di cinema e per l’odore dei pop-corn. Il grande schermo è la sua più grande passione, ammesso che riesca ad arrivare in sala in orario. I suoi frequenti ritardi (per adesso solo in ambito di tempistiche) sono il motivo per cui quando lo incrocerete vi sembrerà un mandarino che rotola. Ha fatto il giornalista ed è anche un bel ragazzo. Bello davvero. E questa descrizione non è stata scritta da lui, eh.
Close