Internet e Dintorni

Un papà giapponese apre un bar in casa per suo figlio durante il lockdown

Quella che segue è una storia che poteva nascere solo con una concomitanza di fattori piuttosto singolari: una pandemia in corso che ha messo il Giappone in lockdown, come del resto gran parte del globo e l’inventiva di un comico di professione come Yarushikane Morikawa, già parte del duo comico Hopemans.

Il lockdown, sebbene sia servito a salvare milioni di persone, ha messo a dura prova le usuali dinamiche familiari, sia tra congiunti che tra genitori e figli piccoli.

Mamme e papà di tutto il mondo sono stati costretti a darsi da fare per distrarre i propri figli, cercando di far capire loro la particolare situazione che stavano vivendo.

L’impossibilità di uscire, andare all’asilo o semplicemente andare un po’ al parco a giocare ha certamente stressato i più giovani.

Morikawa, per non far patire troppo l’isolamento forzato al proprio figlio di 5 anni, Yushi, ha pensato bene di aprire un bar in casa in stile yatai, il famoso tipico carretto che vende tradizionale streetfood giapponese.

Gli yatai in Giappone aprono dopo il tramonto e chiudono a tarda notte e vendono ramen, gyoza e tempura e non fanno mancare agli affamati anche bevande come birra, sake e shōchū.

Lo yatai di papà Yarushikane non era itinerante e non si trovava per strada, ma nel salotto dell’abitazione della famiglia Morikawa.
Il comico, reinventatosi venditore, offriva al suo unico cliente Yushi succo di frutta, rigorosamente bevuto nei tipici bicchierini da sakè, accompagnato da yogurt, oppure una classica ciotola di oden, la tradizionale minestra invernale giapponese.

Le avventure casalinghe dei due sono state condivise sul canale YouTube di Yarushikane, Morikawa Papa Channel. Qui sotto vedete uno dei video.

In alcune occasioni, Yushi è diventato il venditore e i due ruoli sono stati scambiati; Yarushikane ha infatti affermato: “voglio che Yushi ed io siamo capaci di interagire come pari”, dando nel frattempo al figlio anche un’idea di come il mondo del lavoro, là fuori, funzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close