Luoghi e Avventure

Trekking ed escursioni: i più bei itinerari in Italia

Chi ama il trekking e le escursioni in generale, è alla ricerca di percorsi ed esperienze naturalistiche sempre nuove. Queste, sono bellissime passioni da coltivare perchè ci mettono in contatto con la natura incontaminata, donano pace e soprattutto sono un ottimo modo per smaltire lo stress e staccare la spina dal mondo quotidiano. E l’Italia è colma di sentieri e itinerari da percorrere per sentirsi un tutt’uno con ciò che ci circonda.

Di seguito, proponiamo alcuni dei più bei cammini in Italia da fare almeno una volta nella vita, sia per i più esperti e audaci che per le famiglie e i bambini.

Obereggen, Val d’Elga

E’ un luogo meraviglioso e si trova a Val d’Elga in Alto Adige ai piedi del Letamar, una catena montuosa che si estende per tutto il Trentino e racchiude ben 20 km di sentiero dove fare trekking. Tra i posti consigliati da visitare c’è il Lago di Carezza e il rifugio alpino Oberhotz, inoltre, a Obereggen si trovano piste e impianti sciistici d’eccellenza e ben 49 km da percorrere in scii o snowboard.

Bosco delle Navette, Valle Tanaro

E’ uno dei paesaggi più suggestivi e belli in ogni stagione, con larici e pini che incantano i visitatori; fare trekking ma anche una semplice passeggiata lungo i sentieri del Bosco delle Navette non può che essere un’esperienza di pace totale. La vegetazione, in tempi lontani, veniva utilizzata per costruire imbarcazioni, mentre oggi è la dimora di una ricca fauna tra cui il lupo.

Man mano che si prosegue lungo il percorso, si raggiunge la Colletta delle Salse, considerato uno dei più bei punti panoramici che si affacciano sulla Liguria e il mare.

Anello delle Grotte di Aisone, Valle Stura

Le Grotte di Aisone racchiudono testimonianze storiche neolitiche, grazie ai numerosi reperti e ritrovamenti di ossa risalenti a quel periodo e custoditi oggi nel Museo Civico di Cuneo. La Valle Stura è stata dichiarata Riserva Naturale nel 2019 e incamminandosi lungo i sentieri ci si imbatte dapprima in delle splendide sculture: sette cervi realizzati in alluminio! Ma per arrivare alle grotte c’è un pò di strada da percorrere, addentrandosi nella vallata di Rio Borbone e arrivando nella radura della Comba (qui ancora case con tetti di paglia e monoliti, ripari risalenti a tempi a noi lontani) fino ad arrivare all’Anello delle Grott di Aisone. Queste sono delle cavità di origine calcarea frequentate dai neolitici e in tempi recenti dai pastori; oggi invece sono meta per escursionisti ed amanti della natura dove si possono osservare svariate specie di flora.

Sentiero del Lupo, Valle Gesso

Il Sentiero del Lupo è un itinerario particolare; si estende per 75 Km tra Francia e Piemonte e per chi è appassionato di trekking, questo è sicuramente uno dei percorsi consigliati. Tuttavia, si adatta anche alle famiglie e bambini (un’esperienza da fare almeno una volta nella vita) in quanto presenta diverse tappe e sentieri di difficoltà diverse. Si chiama Sentiero del Lupo per un buon motivo: qui i lupi hanno avuto la fortuna di riprodursi senza l’intervento dell’uomo ma ripopolando la zona in modo spontaneo. Quindi sì, i lupi ci sono ma si tengono ben distanti dalle persone mentre si possono osservare facilmente camosci e marmotte. Per i più piccoli, a San Giacomo di Entracque si trova un centro faunistico (e da qui inizia il percorso di trekking per chi vuole addentrarsi e percorrere l’intero itinerario) dove possono ammirare la fauna, compresi lupi, in totale sicurezza.

LEGGI ANCHE:
Come la Natura ha ripreso i propri spazi durante la pandemia
Le Volpi: curiosità che ignoravi su questi fantastici animali

Back to top button