Cinema, Film e Serie Tv

The Irishman: la recensione Hardcore del film

“Il tempo passa così in fretta”, riflette Frank Sheeran a una giovane infermiera in ritardo. Aggiunge “Capirai quando ci arriverai”.
Certo, l’infermiera non comprende del tutto il passare del tempo come Frank. “Sei giovane” , spiega. “Hai tutta la vita davanti a te.” Al contrario, l’intera vita di Frank Sheeran sembra essere lasciata alle spalle. Quando The Irishman presenta il pubblico al suo personaggio centrale, è già ben oltre il suo apice. Sta riposando in una comunità di pensionati. Comincia a narrare la sua storia attraverso un monologo interno, ma decide di rivolgersi direttamente alla telecamera. Dopotutto, non è rimasto nessuno che potrebbe essere esposto o svergognato dalle sue reminiscenze. Se ne sono andati tutti da tempo.

Il pubblico sente davvero il passare del tempo in The Irishman. Sta rivelando che il possesso più prezioso di Frank sembra essere il suo orologio. L’orologio stesso cambia come la situazione di Frank, diventando più appariscente con l’aumento delle sue conoscenze. Ancor più che l’anello che indica la sua accettazione nella confraternita criminale clandestina, Frank tiene a quell’orologio. Misura i secondi che compongono i minuti, i minuti che compongono le ore, le ore che compongono una vita.

L’ovvio punto di paragone per The Irishman saranno le altre epopee sulla criminalità organizzata di Martin Scorsese, Goodfellas e Casino , al punto che il film minaccia di sostituire The Wolf of Wall Street come terza puntata di quella trilogia non ufficiale. Questo ha senso. L’irlandese fa ri-squadra Goodfellas e Casino veterani Robert De Niro e Joe Pesci con Scorsese. Inoltre, la musa del ventunesimo secolo di Scorsese, Leonardo DiCaprio, non si vede da nessuna parte nel film.

al pacino the irishman

Tuttavia, The Irishman è una specie di bestia molto diversa da quella dei film precedenti. Anche con i loro lunghi tempi di autonomia, Goodfellas e Casino tendevano a comprimere il tempo, spesso attraverso il montaggio. Qui sembra un epilogo. È troppo presto per dire se questa sarà l’ultima collaborazione tra Scorsese e DeNiro, ma sarebbe una pietra miliare adatta per una collaborazione che risale ai primi giorni della loro carriera. Anche senza considerare l’argomento, c’è qualcosa di funerario in The Irishman .

Anche in questo caso, Irishman si scaglia contro un altro cliché critico, è “il tipo di film che non fanno più.” E’ chiaramente il tipo di “cinema” che Scorsese aveva in mente quando ha paragonato i film del Marvel Cinematic Universe a un “parco a tema”.  The Irishman è il tipo di dramma incentrato sui personaggi che è una rarità nel cinema moderno, il tipo da cui i grandi studi stanno lontani, perché non sono più i guadagni infallibili nell’era dei tentacoli e dei film evento.

Certo, è facile sopravvalutare la questione. Il cinema sta cambiando, proprio come il cinema è sempre cambiato . Alcuni di questi cambiamenti fanno paura, ma alcuni di questi cambiamenti sono benvenuti e attesi da tempo. E ovviamente, film come The Irishman evidentemente continueranno ad essere realizzati. Progetti personali, inclini agli adulti e rischiosi dal punto di vista commerciale verranno ancora finanziati, prodotti e distribuiti – solo attraverso canali diversi. Certo, ci sono ragioni per essere cinici sul modello di Netflix , ma questa non è la fine del mondo. Tuttavia, questo contesto circostante si aggiunge al tono funebre di The Irishman .

the irishman

C’è la sensazione che questa potrebbe davvero essere la fine della strada per questo tipo di film, una celebrazione elegiaca di questo tipo di epicità guidata dall’autore. The Irishman è un film che sembra passare gran parte del suo tempo a contemplare la mortalità e l’inevitabilità. Una delle sequenze più surreali che colpisce trova Frank che visita uno showroom per acquistare la sua bara. “Non vuoi andare a casa in qualcosa del genere?” Chiede il venditore. Frank rimpiange la propria morte, respingendo la possibilità di cremazione. “È troppo definitivo” , riflette. Spera di essere sepolto.

Il passare del tempo è intessuto nelle trame di The Irishman . Molto è stato sfruttato a livello di CGI per dare vita alle versioni più giovani di Robert De Niro , Joe Pesci e Al Pacino. Come in quegli altri film, gli effetti sono occasionalmente inquietanti. I personaggi sembrano a posto in movimento, ma c’è un effetto gommoso nei primi piani che Scorsese gira occasionalmente. La pelle appare un po’ troppo liscia, un po’  troppo senza macchia. Tuttavia, questo sembra intenzionale o, per lo meno, appropriato. Scorsese è molto selettivo nel suo uso della tecnologia.

Al di fuori del trio principale, gli altri membri del cast possono invecchiare in modi più tradizionalmente cinematografici. Bobby Cannavale viene presentato nel ruolo del gangster Felix DiTullio a un’età vicina alla sua. Mentre il film procede, Cannavale è invecchiato attraverso l’applicazione del trucco. Lucy Gallina interpreta la figlia di Frank Peggy da ragazza, sostituita da Anna Paquin da adulta. Nonostante utilizzi effetti speciali per manipolare i volti dei suoi uomini principali, Scorsese lancia attori per interpretare vari personaggi storici come Richard Nixon o Bobby Kennedy o Don Rickles, piuttosto che comporre i suoi attori in filmati esistenti.

the irishman cast

Il risultato è di suggerire una certa qualità statica a questi personaggi. Il film usa questa stasi per scopi diversi. Jimmy Hoffa è un’icona nel mondo del film, e in particolare per Frank. “Negli anni cinquanta, era più grande di Elvis”, spiega Frank. “Negli anni sessanta, era più grande dei Beatles”. In quanto tale, ha senso che Hoffa sarebbe rimasto un po’ congelato nel tempo, almeno nella memoria di Frank. Al contrario, personaggi come Frank Sheeran e il suo “rabbino”  Russell Bufalino rimangono congelati nel tempo perché non riescono ad apprezzare il cambiamento del mondo che li circonda. Non si muovono con i tempi. Sono congelati.

C’è una profonda malinconia in Frank. The Irishman suggerisce che Frank è una specie di roccia. È stoico. È affidabile. Non ha vere aspirazioni. Non ha una vera ambizione. Il film si basa fortemente sull’idea che lo sviluppo di Frank si sia bloccato durante il suo servizio nella seconda guerra mondiale. L’unico flashback del film al tempo di Frank in Italia sottolinea l’evidente connessione tra ciò che ha fatto agli ordini dei suoi superiori nell’esercito e quello che fa al servizio di vari boss della mafia.

A un certo punto, un criminale di basso livello assume Frank per aiutarlo a gestire un’azienda rivale. “Eri un soldato”, afferma il criminale. “Sai cosa fare.” Segue gli ordini. Durante tutto il film, Frank fa esattamente quello che gli viene detto di fare. Quando Jimmy Hoffa parla dell’importanza di trovare un secondo in comando senza ambizioni “in modo da poter camminare davanti senza essere pugnalato” , potrebbe anche parlare di Frank. Frank è un soldato in cerca di un generale. Dopo la sua prima conversazione con Jimmy Hoffa, confessa:  “Pensavo di parlare con il generale Patton”.   Frank è una nave vuota per le ambizioni degli uomini “maggiori” .

Frank corre solo per una posizione di alto profilo nei Teamsters perché Hoffa glielo dice, desiderando un uomo di cui si possa fidare in una posizione di autorità. Frank obbedisce a Russell Bufalino dal momento in cui si incontrano. La parte fondamentale della storia del film vede Frank che guida Russell attraverso il paese. La cosa più vicina all’autorità che Frank esercita è l’attenta mappatura del percorso con una lente d’ingrandimento e un indicatore rosso, e anche questo viene annullato. Lungo la strada, Frank ricorda come si sono incontrati, Russell lo avverte di sostituire un tappo sul motore del suo camion. Naturalmente, Frank seguì le istruzioni di Russell. Il motore riparte.

robert de niro

Naturalmente, Frank commette molti peccati nel corso di The Irishman. Tuttavia, Scorsese tiene la macchina fotografica in gran parte distaccata dalla violenza che Frank commette. I suoi omicidi sono presentati come rapidi e brutali, la macchina da presa spesso scivola e nasconde il massacro. Lo shock deriva dalla dissonanza; la sensazione che questa violenza sia solo un altro giorno in ufficio per un uomo come Frank. Il film trascorre spesso tanto tempo con Frank che spiega i meccanismi dell’atto – l’arma, l’approccio, il programma – mentre si muove sull’atto stesso. La violenza non si sente mai sensazionalista. Non sembra mai sbagliata.

A modo suo, The Irishman suggerisce che la violenza di Frank non è il suo peccato cardinale. Il film implica che questo potrebbe essere il risultato di un numero qualsiasi di fattori: gli orrori a cui ha assistito durante la seconda guerra mondiale, o forse è solo innato per lui. Dopotutto, un primo incontro che coinvolge Peggy dimostra che la violenza di Frank non è puramente al servizio della folla. C’è la sensazione che questa violenza sia solo una parte di chi è Frank. La brutalità in sé non è il peccato. Verso la fine del film, Frank si rifiuta molto esplicitamente di chiedere perdono a Dio per uno qualsiasi degli omicidi che ha commesso.

Al contrario, l’Irishman sembra suggerire che il più grande peccato di Frank sia quello della complicità passiva. La disponibilità di Frank ad andare d’accordo con le cose è descritta come la sua più grande debolezza. Le sue cadute sembrano essere in gran parte passive. In rapida successione, due dei momenti più desolati di The Irishman hanno coinvolto Frank e un telefono. Ricevendo notizie di un successo particolarmente personale, Russell avverte severamente Frank, “Non chiamarlo”. La sequenza successiva si concentra su un Frank irrequieto che giace nel letto, fissando un telefono. Sarebbe il più piccolo atto di autonomia o coscienza, ma Frank non è in grado di farlo perché gli è stato ordinato di non farlo.

Dopo che il colpo è avvenuto, Frank chiama la vedova per offrire compassione e sostegno. Non perché pensa che sia la cosa giusta da fare e non perché abbia fatto una scelta. Invece, Frank chiama perché è stato diretto. “Perché?” Chiede Peggy, in tono accusatorio. Quando Frank chiede cosa sta chiedendo, chiarisce, “Perché non hai chiamato?” Naturalmente, non è proprio quello che sta chiedendo. Tuttavia, è un’accusa espressa nella passività morale di Frank. Come osserva Frank, questo è l’ultimo scambio tra padre e figlia. Opportunamente, mentre la sua fine si avvicina, l’unico rimpianto di Frank comporta quella telefonata; il più semplice degli atti.

william bufalino

In tale contesto, ha senso l’uso di effetti speciali per assordare Robert De Niro. Frank non è cambiato molto nel corso dei trenta o quaranta anni che formano la maggior parte di The Irishman . Quei tre o quattro decenni sembrano un singolo momento prolungato per Frank. Ancor più di Goodfellas o Casino, The Irishman è inquadrato attraverso la lente della memoria. Il passato e il presente si mescolano e si intersecano. Mentre il loro viaggio li porta oltre il luogo in cui si sono incontrati per la prima volta, Russell e Frank rimuginano sul significato di tutto ciò. “Quali sono le probabilità?” Chiede Russell. La mente di Frank vaga da un ricordo all’altro, il passato si scontra e si sovrappone.

Naturalmente, The Irishman si svolge in un periodo tumultuoso della storia americana. Il vero Frank Sheeran è stato descritto come “il Forrest Gump del crimine organizzato” e il suo resoconto degli eventi è molto contestato. Tuttavia, The Irishman prende a cuore questa descrizione. Nel corso del film, Frank si ritrova al centro di una storia oscura dell’America del dopoguerra. La storia di Frank si interseca con tutto, dalla Baia dei Porci all’assassinio di Kennedy a Watergate fino alla scomparsa di Jimmy Hoffa.

Tuttavia, come uno specchio scuro di Forrest Gump, Frank è segnato dalla sua passività. Anche quando Frank si sporca le mani, il film è chiaro per negargli qualsiasi colpa. Nel corso di The Irishman, Frank si ritrova seduto in stanze esclusive con uomini che si considerano gli uomini più potenti del mondo. “Solo tre persone al mondo hanno un anello come questo”, dice Russell a Frank presentandogli un segno di stima. Più tardi, nella stessa conversazione, Russell osserva minacciosamente: “Se possono colpire un presidente, possono colpire il presidente di un sindacato”. Questi sono gli uomini che hanno plasmato la storia americana.

Questo è uno dei paradossi interessanti di The Irishman. Nella forma, il film è riconoscibilmente un’epopea. La lunghezza è un omaggio, così come la grande storia storica della narrazione. Tuttavia, questi stessi elementi servono a fornire un senso di scala per sminuire questi personaggi. Il film sottolinea ripetutamente quanto poco di tutto ciò sia importante. Questi uomini sono bloccati nel tempo mentre il mondo cambia intorno a loro. Indipendentemente da quanto si alzi, Russell può ancora essere trovato nel suo negozio di quartiere, preoccupato per il tessuto.

Nonostante tutto ciò che i personaggi di The Irishman possono affermare di aver plasmato la storia, nessuno di loro può articolare direttamente chi sono o cosa hanno fatto. Occasionalmente sembra che la durata di tre ore e mezzo del film sia dovuta al semplice fatto che nessuno di questi uomini ha mai effettivamente detto quello che vogliono dire, invece ha messo i loro pensieri in vaghi eufemismi come “è quello che è”. I personaggi sono offuscati e dissimulano. Più di una volta in un film, i personaggi si premono l’un l’altro per dettagli che non possono dare.

joe pesci

Certo, riconoscere chi ha fatto cosa sarebbe assumersi la responsabilità, rendere conto di sé. All’inizio del film, Frank sottolinea l’importanza della percezione dell’autonomia in un esecutore di mafia, la capacità di agire senza la necessità di coinvolgere nessuno nella catena alimentare.

The Irishman è basato sul libro I Hear You Paint Houses . Il titolo è ovviamente un eufemismo. All’inizio Frank rimpiange l’ingenuità del suo io più giovane. “Pensavo che i pittori delle case verniciassero le case” , riflette. La linea viene pronunciata ad alta voce al telefono da Jimmy Hoffa, che capisce chiaramente cosa fanno realmente questi uomini, anche se non sarebbe mai così volgare da dirlo ad alta voce. In effetti, il taglio di The Irishman proiettato al London Film Festival includeva il titolo “I Hear You Paint Houses” suddiviso su tre carte del titolo, tagliato contro il filmato di una strada che si svolgeva. “Tu” prende la sua carta del titolo, incorniciata quasi come un’accusa.

Anche le minacce sono spesso inquadrate in termini astratti. A un certo punto, Russell prende da parte Jimmy Hoffa per avere una conversazione importante – per esprimere le proprie frustrazioni con l’ostruzione del veterano organizzatore dei suoi interessi finanziari. Anche allora, sta attento a evitare di inquadrare direttamente il proprio dispiacere. “Alcune persone – non io, ma alcune persone – pensano che potresti dimostrare un fallimento nel mostrare apprezzamento.” La minaccia è sospesa in aria, ma Russell non riesce a esprimersi direttamente. Quando Frank esprime il dispiacere della mafia a Hoffa, Hoffa deve passare due minuti a cercare di accreditare quell’avvertimento prima che Frank citi una fonte.

Gran parte di The Irishman viene speso nel tentativo di evitare la responsabilità, il che rende tutto insignificante. Jimmy Hoffa si ritrova mandato in prigione per manomissione della giuria, insieme a un giovane associato di nome Anthony Provenzano. Provenzano si interroga sulla sua pensione ed è scioccato nello scoprire che il suo casellario giudiziario significa che non ha più accesso ad essa. Tuttavia Provenzano è scioccato nello scoprire che Hoffa ha ancora accesso alla propria pensione. Hoffa sostiene che il suo caso è diverso. Non è proprio un criminale.

Hoffa si affida alla folla per la forza, ma si vede anche come al di sopra di loro. Nella mente di Hoffa, esiste distinto dai sistemi che lo hanno portato al potere. Gran parte della tragedia di Hoffa è radicata in un insulto razziale casuale fuori mano pronunciato in un momento inopportuno, respingendo Provenzano e i suoi associati come “voi persone”. C’è evidente razzismo dietro l’osservazione, ma sottolinea solo la distinzione artificiale che Hoffa ha creato tra se stesso e la folla. Come gli eufemismi impiegati da Russell e Frank, questa logica mantiene Hoffa separato dall’impero della realtà che ha costruito.

Questa è la grande tragedia di The Irishman, e l’intero peso del passare del tempo. I personaggi di The Irishman sono molto orgogliosi di ciò che hanno costruito, nei loro ruoli di modellatori della storia, sia dietro le quinte che davanti alla cinepresa. Anche abbandonato in una casa di riposo, Frank parla con molto orgoglio delle sue passate associazioni. Hoffa si trova in conflitto con la folla quando rifiuta di rinunciare al controllo dell’Unione dei Teamsters. C’è un senso di arroganza in questo, ma anche un senso di inutilità. Tutto ciò che questi uomini hanno costruito sarà abbattuto, l’uno dall’altro o dal tempo.

È qui che entra in gioco la lunghezza di The Irishman. Ci sono relativamente poche sorprese in The Irishman, e questo è la progettazione. I personaggi vengono spesso introdotti con frammenti di testo che rivelano il loro destino finale prima di pronunciare una sola sillaba di dialogo. Mentre la telecamera si inclina verso Jimmy Hoffa durante la sua sequenza introduttiva, dando il benvenuto ai lavoratori sindacali, Frank spiega che l’unica cosa che la maggior parte del pubblico moderno sa di Jimmy Hoffa è il fatto che “è scomparso”. Da quell’introduzione, il suo destino è segnato. Il film è quasi la lunga strada che porta lì.

In effetti, una delle sequenze più efficaci del film prevede un semplice viaggio in auto. Scorsese segue un’auto mentre guida dall’aeroporto oltre una fermata del camion e in una tranquilla casa di periferia. Scorsese quindi segue l’auto di ritorno da casa fino alla fermata del camion. Alla fine, segue le cure del camion che si ferma di nuovo a casa. In ogni viaggio, Scorsese utilizza le stesse angolazioni e posizioni della telecamera. Il viaggio sviluppa un ritmo. Il pubblico capisce quanto tempo impiega il viaggio e quanto velocemente si avvicina la destinazione. La volontà di Scorsese di prendersi il proprio tempo rende questa inevitabilità ancora più inquietante.

the irishman

È questo senso di erosione e decadimento che distingue The Irishman dai film di Scorsese con cui ha la parentela più vicina: Goodfellas , Casino , The Wolf of Wall Street . Quei film tendevano a finire con una nota un po’ ambivalente. I personaggi coinvolti hanno spesso perso tutto, inevitabilmente affrontandosi con la follia di fidarsi delle persone che sono egocentriche e auto-motivate quanto loro. Tuttavia, c’era anche la sensazione che le cose continuassero a funzionare. Henry Hill si ritira per assistere alla protezione. Sam Rothstein ha continuato a fare soldi per la folla. Jordan Belfort ospita ancora seminari di consulenza finanziaria.

The Irishman offre forse la conclusione più desolante di questi film, ma forse la più affermativa. Nella sua seconda metà, The Irishman medita sull’idea che nessuna di queste grandi istituzioni può durare. Tutto evapora. Nella seconda metà del film, il tempo ricomincia a scorrere per personaggi come Russell o Frank. Scorsese si allontana dagli effetti digitali e ritrae invece l’età in modo cinematografico più convenzionale. DeNiro e Pesci si trovano sottoposti a pesanti trucchi, con il passare del tempo su di loro. Non potevano rimanere congelati in quel momento per sempre.

Il film offre davvero al suo pubblico il senso del passare del tempo. Il tempo è come un oceano e The Irishman gli permette di infrangere la costa. Il film osserva che l’oceano ha eroso gli imperi dei castelli di sabbia che questi uomini hanno costruito per se stessi. Dirigendo gli agenti federali a indirizzare le loro richieste al suo avvocato, Frank è scioccato nel sapere che è morto. “Chi l’ha preso?” Chiede Frank. “Cancro”, arriva la risposta. Chiedendo a Frank di fare chiarezza sui suoi peccati, gli agenti affermano semplicemente: “Non è rimasto nessuno”.

Questo è il motivo per cui The Irishman si sente come un elogio così adatto per film come Goodfellas , Casino e The Wolf of Wall Street . Durante la sua carriera, Scorsese è stato accusato di glorificare e rendere glamour i suoi soggetti, di romantizzare questi uomini brutali. L’argomentazione non è mai stata del tutto convincente, ma sembra aver modellato molto la produzione del ventunesimo secolo di Scorsese. In particolare, Il lupo di Wall Street contiene due personaggi significativi che esistono in gran parte per rimproverare moralmente il protagonista. Tuttavia, The Irishman offre la propria risposta a tale critica, accettandola come una sfida.

The Irishman suggerisce l’inutilità di questo tipo di fantasia del potere maschile, dimostrando quanto sia insignificante nel grande schema delle cose. “I bambini di questi tempi, non sanno chi sia Jimmy Hoffa”, osserva Frank nella sua introduzione al potente boss sindacale. Questa osservazione è confermata in una scena successiva quando un’infermiera sfoglia alcune delle vecchie foto di famiglia di Frank. “Chi è quello?” Chiede quando trova la foto di un gentiluomo sorridente accanto alla figlia di Frank. “Non sai chi sia?” Chiede Frank, cercando di non essere troppo offeso. È, naturalmente, Jimmy Hoffa.

Suggerisce che Frank si dedicò così tanto alla costruzione di qualcosa che non poteva durare che perse l’opportunità di costruire qualcosa di veramente significativo. Se il pubblico crede al suo resoconto degli eventi, la vita di Frank era “importante” nel grande schema delle cose. Frank finisce per allontanarsi dalla sua famiglia, alienato dalle sue figlie, veramente solo. Frank sacrificò le connessioni significative nella vita per un ideale superiore, ma quell’ideale superiore fu costruito su fondamenta di sabbie mobili. Alla fine Frank non ha nient’altro che oscurità e inevitabilità.

The Irishman è un tour de force di tutti i soggetti coinvolti. Sembra una celebrazione molto consapevole e palese della filmografia di Martin Scorsese. È stato sostenuto che il 2019 è “il finale della serie per la cultura pop geek” , e questo sembra applicarsi qui. È altamente improbabile che questo sia l’ultimo film di Scorsese. Anche se Scorsese avesse annunciato la sua pensione, sembra probabile che sarebbe lo stesso tipo di pensione di cui gode Steven Soderbergh. Tuttavia, The Irishman ritiene che potrebbe funzionare come pietra miliare per la carriera di Scorsese.

Il film è costruito sull’intersezione tra il vecchio e il nuovo. È il tipo di epica elegiaca vecchio stile che raramente viene realizzata, ma va anche direttamente a un servizio di streaming. Riunisce Joe Pesci e Robert De Niro, nonostante Pesci si sia ufficialmente ritirato. Riunisce Scorsese con uno dei suoi primi collaboratori Harvey Keitel per la prima volta da The Last Temptation of Christ , ma segna anche la prima collaborazione di Scorsese e Pacino nonostante numerosi quasi incidenti. Il film impiega immagini generate al computer per assecondare i suoi attori principali, ma usa anche effetti pratici di trucco per invecchiarli.

Come tale, c’è qualcosa di profondamente affermante nel modo in cui l’Irishman offre a Pacino e DeNiro un’altra possibilità per dimostrare la loro abilità. Pacino è fantastico come Jimmy Hoffa, in quella che è senza dubbio la sua migliore interpretazione dopo Insomnia . Interpretato da Pacino, Hoffa è un uomo complicato e contraddittorio; qualcuno che ha una profonda comprensione delle altre persone pur rimanendo completamente cieco al proprio ego. Come personaggio, Hoffa si presta ai punti di forza di Pacino. Sempre oratore pubblico, Hoffa offre a Pacino moltissime opportunità di parlare ad alta voce. Tuttavia, Hoffa consente anche a Pacino di dimostrare il suo lato più tranquillo, la sua gamma più sottile.

the irishman

Pacino è così bravo, e la sua esibizione così perfetta, che minaccia di mettere in ombra DeNiro. La natura di Frank Sheeran significa che DeNiro offre prestazioni più silenziose e discrete. Gran parte dell’Irishman è speso guardando Frank pensare e guardando le sue sottili reazioni alle mutevoli circostanze che lo circondano. I momenti più potenti di The Irishman sono quelli tranquilli, la fotocamera focalizzata su Frank mentre si trova di fronte a una scelta. Come in tutte le grandi tragedie, quella scelta viene sempre fatta prima che Frank realizzi; la sua natura determina come risponderà. Tuttavia, DeNiro suggerisce profondità nascoste.

The Irishman è un trionfo. È un momento culminante della fine della carriera per molti dei suoi partecipanti, e il raro film di tre ore e mezza di cui non senti il passare del tempo e ne vorresti ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close