Scienza

Lavori di riparazione stradale ad Isernia portano alla luce una testa di marmo di Augusto

Isernia, terza città più popolosa del Molise nonché capoluogo di provincia, ieri (29/04/2021) è stata positivamente sorpresa da una grandiosa scoperta archeologica: una testa marmorea dell’Imperatore Augusto è stata ritrovata casualmente durante dei lavori.

Non sembrano esserci dubbi sull’identità dell’uomo ritratto: i tratti somatici e la capigliatura sono quelli tipici dell’iconografia raffigurante il grande, nonché il primo, imperatore romano.

La scoperta è stata del tutto inaspettata. Infatti, la testa pare essere letteralmente “spuntata” dal terreno durante alcuni lavori su Via Occidentale, presso il centro storico della cittadina; la strada è da almeno tre anni occupata parzialmente dal crollo di parte delle mura storiche della città, franate per intense piogge.

Lavori di riparazione stradale ad Isernia portano alla luce una testa di marmo di Augusto
Foto a cura della Sovrintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Molise

Ci troviamo, dunque, nella zona più antica della città, sicuramente non trascurabile sul piano storico-archeologico, come, del resto dimostra tale ritrovamento. La testa marmorea di Augusto, ritrovata in ottime condizioni, potrebbe avere un ruolo determinante nel documentare la forte presenza di Roma Imperiale nei territori isernini.

Attualmente, non sono molte le informazioni in merito a tale scoperta, considerando la “freschezza” del ritrovamento. Quel che è certo è che la zona coinvolta dai lavori adesso sarà studiata, dalle istituzioni competenti, con occhi diversi.

Leggi anche:
Lapis Niger: una scoperta archeologica velata di leggenda
Pompei: archeologi trovano il tesoro di uno “Stregone”?

Back to top button