Scienza

Nei templi greci esistevano le rampe per disabili (STUDIO)

Nell’immaginario comune, pensiamo agli antichi greci così come loro si rappresentavano, attraverso le statue che raffiguravano corpi perfetti e muscolosi e forme armoniose e delicate. Tuttavia l’arte ci racconta, tramite le immagini, anche figure imperfette nella loro umanità. Vasi o bassorilievi ci raccontano di uomini o donne curvi e muniti di bastone. Inoltre, erano molte le offerte in argilla che raffiguravano gambe o piedi, lasciate nei templi greci dedicati ad Asclepio, il dio greco della guarigione.

santuario greco

A quanto pare, gli antichi greci avevano anche una certa sensibilità per queste persone. L’archeologa Debby Sneed, docente Dipartimento di Classici alla California State University, ha condotto uno studio nel quale afferma che i santuari di questa civiltà erano forniti di rampe per disabili.

La scoperta sui Templi Greci

Ciò che oggi è considerato un segno di progresso e sensibilità nei confronti dei disabili, esisteva già da prima del IV secolo a.c. In questo modo nei templi, soprattutto nei santuari curativi, potevano accedere anche persone con difficoltà motoria.

templi greci

La dottoressa Sneed ha dichiarato:

Sembra chiaro che la spiegazione più ragionevole per queste rampe è che avevano lo scopo di aiutare i visitatori con problemi di mobilità ad accedere agli spazi in cui svolgevano la guarigione religiosa. Questo non dovrebbe sorprenderci, in realtà i Greci hanno costruito questi spazi per disabili e hanno costruito gli spazi in modo che questi specifici visitatori potessero accedervi.

L’esistenza delle rampe non è una novità, gli studiosi ne erano a conoscenza, ma le ritenevano parte della struttura a scopo costruttivo per aiutare a portare i materiali da costruzione, animali sacrificali o dediche votive.

Tuttavia molte rampe si trovavano proprio in prossimità dei templi greci frequentati da persone disabili. Probabilmente anche donne gravide, anziani e bambini utilizzavano le rampe, ma poiché si ritrovano proprio in prossimità dei templi frequentati per scopi curativi, è probabile che venissero costruite o che comunque fossero pensate proprio per loro.

Avevo familiarità con le rampe, ma la maggior parte dei santuari religiosi (non curativi) ha solo una rampa, forse due”, ha detto la Sneed continuando:

Quando ho visto il santuario curativo più importante della Grecia, il Santuario di Asclepio a Epidauro, ho scoperto che c’erano almeno 11 rampe di pietra permanenti che consentivano l’accesso a nove diverse strutture.

L’installazione di rampe richiedeva risorse e denaro e anche questo fa pensare che le rampe erano costruite proprio con questo scopo. Questo tipo di struttura trova la propria diffusione nel Peloponneso, nel cuore dell’antica Grecia e forse hanno avuto una durata limitata.

Tuttavia la sensibilità dei Greci per questo tema è indubbio, lo conferma Sneed:

la città forniva un regolare pagamento di mantenimento per i cittadini adulti maschi che erano disabili e non potevano sostenersi a causa della loro disabilità. Conosciamo questo pagamento principalmente perché abbiamo un discorso, pronunciato da un uomo che dice di camminare con l’aiuto di due stampelle.

Tuttavia, chiarisce ancora l’archeologa: “Voglio essere chiara, l’antico mondo greco non era un’utopia progressista, ma vediamo alcune soluzioni interessanti” e questo, noi lo troviamo molto confortante.

Leggi anche:
Scoperte Astronomiche ‘impossibili’ fatte dagli Antichi Greci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button