Anime e Cartoni

Taika Waititi sgamato da Brie Larson a nascondere il suo Oscar

Avete seguito la notte degli Oscar? Beh, innanzitutto, se non lo aveste fatto, vi invito a dare un’occhiata al nostro sunto degli esiti: potrete così scoprire in mano a chi siano finite tutte le statuette dorate.
Poi che lo abbiate fatto o meno, potreste già sapere che Taika Waititi, regista già noto per Thor: Ragnarok, quest’anno si è distinto particolarmente con Jojo Rabbit, film che ha ottenuto la statuetta per la miglior sceneggiatura non originale.

Scritto, diretto, e perfino interpretato da Taika Waititi stesso che ha liberamente tratto la storia dal romanzo come semi d’autunno, Jojo Rabbit è un film che segue le vicende di un bambino di dieci anni durante la seconda guerra mondiale. Il giovane Jojo “Rabbit” Betzler infatti si trova ad affrontare un mondo spesso ostile rivolgendosi al suo amico immaginario: Adolf Hitler in persona, interpretato proprio dal regista del lungometraggio.

Una commedia nera che mette in risalto in modo comico alcuni dei più tragici aspetti della guerra e del nazismo, meritandosi un oscar probabilmente proprio grazie a questa audace contrapposizione.

Ma Taika Waititi che fa?

Veniamo al punto.
E’ la notte degli Oscar. La notte sarà ancora lunga e il regista neozelandese ha appena ricevuto la sua statuetta. Raggiunge il suo posto, si siede, e appoggia la statuetta sulle gambe. Certo però che pesa, questo Oscar. Lo tiene in una mano, poi nell’altra, adesso con entrambe, poi lo appoggia di nuovo sulle gambe.

Beh, a questo punto, sinceramente, a Taika Waititi viene un’idea. Genio!

Ed è così che il regista, per non dover tenere in mano l’oscar per tutta la sera, ha provato a nasconderlo sotto la sedia di fronte alla sua. Come facciamo a saperlo? Ma ovviamente dalle instagram stories di Brie Larson, che ha beccato l’insolito movimento ed ha registrato l’evento.

Date un’occhiata, dura solo qualche secondo… E vi potrete godere un Taika Waititi in atteggiamento furtivo che colto sul fatto, sembra indeciso se tornare sui suoi passi e pare proprio pensare starò facendo qualcosa di male?

No, Taika, non ti preoccupare. Anche a noi pesano le cose per le mani. Siamo dalla tua parte.

Back to top button