Tecnologia

Surface Neo e Duo: Microsoft presenta la tecnologia dual-screen per tutti

Microsoft presenta due dispositivi che hanno davvero destato tantissima meraviglia e stupore agli occhi di tutti. I dispositivi in questione sono: Surface Neo con Windows 10X e lo smartphone Surface Duo, basato su una versione ampiamente personalizzata di Android. Cosa hanno di speciale? Entrambi sono “pieghevoli”, ovvero funzionano in dual-screen!

Ma per parlare di questi nuovi dispositivi dobbiamo fare un piccolo passo indietro di un decennio.

ECCO IL SURFACE

Circa 10 anni fa, Microsoft parlava di un dispositivo dotato di doppio schermo, ma a cui nessuno dava credito.

Visto gli innumerevoli problemi con alcuni sistemi operativi – senza fare nomi o numeri – e progetti per l’Xbox cancellati nonostante fossero in fase di sviluppo – tipo Scalebound – la cosa passo abbastanza inosservata, giustamente.

Dopo 10 anni – giorno più giorno meno – questo progetto è diventato realtà grazie al Surface Neo, il primo prodotto a utilizzare la nuova versione del sistema operativo Windows 10X, versione destinata alla nuova gamma denominata, appunto, Surface.surface neo

Quello presentato sul palco è ancora un prototipo, ma una sua commercializzazione è quasi certa, oggi, grazie anche all’ottimo riscontro ottenuto dalla sua prima entrata in scena.

Come ripetono i portavoce dell’azienda di Redmond, Surface Neo è un prodotto nuovo, mai visto prima sul mercato, un prodotto estremamente versatile ma soprattutto considerabile di “categoria superiore”.

Uno sguardo veloce alle feature e al “duo”

Ovviamente per saperne di più, toccherà aspettare le prossime settimane, ma basta uno sguardo a Surface Neo per capire una cosa fondamentale, Microsoft ha preferito usare due schermi piuttosto che uno solo pieghevole, rendendo il dispositivo in grado di trasformarsi con gesto.

Non supera i 5,6 mm di spessore e pesa appena 655 grammi; Microsoft Surface può essere usato come  tablet, un device ad ampio schermo, lo si può convertire per disporre di una tastiera fisica e chissà quanto altro.

Oltre alla già nota tastiera digitale, è molto interessante vedere all’opera la sua Surface Pen; si tratta di un oggetto a parte dal design snello ma solido al tempo stesso e può essere fissata con i contatti magnetici integrati; può essere, inoltre, “piegata” e posizionata sopra uno degli schermi.

In questo caso il monitor mostra altre opzioni di input e il display diventa utile per l’inserimento di informazioni extra (oppure può essere usato come trackpad). Ovviamente si può usare anche separatamente per avere una visione su entrambi gli schermi.

All’interno troviamo un processore Intel Lakefield personalizzabile, definito da Microsoft come un “ibrido” in grado di controllare entrambi gli schermi grazie alla GPU di undicesima generazione.

Parlando di Windows 10X e  dell’interfaccia in uso, notiamo un nuovo menu Start ed una barra delle applicazioni rinnovata.

Carmen Zlateff – ingegnere capo per lo sviluppo del software – ha spiegato che di base, le applicazioni vengono lanciate sullo schermo dove vengono attivate. È possibile avere un’applicazione su un display e una seconda sull’altro insomma.

E sembrava  tutto finito con la presentazione di Neo, ma Microsoft ha sorpreso tutti con la presentazione di Surface Duo, uno smartphone dual screen equipaggiato con Android.surface duo

Probabilmente lo vedremo sul mercato a partire da dicembre 2020; quel che di certo sappiamo, è la notevole somiglianza con il “cugino più grande” ma su scala ridotta.

Il Surface Duo è dotato di due display da 5,6 pollici che possono ruotare di 360 gradi, permettendo al device di diventare un mini tablet da 8,3 pollici quando completamente aperto.

Un annuncio gradito e notevolmente interessante che riporta Microsoft sui vertici del mercato dopo la momentanea assenza del 2017.

Leggi anche:
Che sta combinando Microsoft? Il punto della situazione
Microsoft umilia Sony dopo l’annuncio della Playstation Classic
Bill Gates raccontato da una miniserie Netflix

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close