Consigli per Gli Acquisti

Stazioni per l’home bodybuilding: perché acquistarle e come sceglierle

Anche se in tantissimi stanno acquistando le stazioni per il bodybuilding da utilizzare a casa di questi tempi, mentre siamo tutti chiusi a casa per via del Coronavirus, in realtà si tratterà di un prodotto che cambierà molte delle normali abitudini.

Una volta provata la comodità di potersi allenare a casa propria, infatti, senza dover andare in palestra, risparmiando così tempo e denaro sarà qualcosa a cui non si vorrà più rinunciare.

La stazione multifunzione

Gli attrezzi per il bodybuilding sono diversi, ma con una stazione multifunzione di qualità si potrà fare un allenamento sufficientemente completo. In una stazione si possono trovare racks, smith, attrezzi per l’allenamento dei muscoli della parte inferiore e anche quelli per la zona superiore, compresi panche, sbarre, dischi e manubri per la zona intermedia.

Ogni attrezzo permette di allenare una parte del corpo consentendo di mantenere la propria salute e incrementare (o conservare) il proprio tono muscolare. Basta sapere solo cosa usare e che genere di esercizio fare. Allenarsi nella tranquillità di casa, con la propria musica o davanti alla propria serie tv preferita trasformerà l’allenamento fisico in un vero e proprio momento di piacere.

Come si sceglie un buon prodotto?

Quando si intende acquistare un attrezzo per il bodybuilding per allenarsi a casa è indispensabile innanzitutto pensare per che tipo di esercizi lo si compra, ovvero per che zona del corpo. Se s’intende allenare solo i pettorali, non sarà necessario, ad esempio, adottare un macchinario che comprenda attrezzi per le gambe e così via. Se si vuole, però, fare allenamenti completi la cosa migliore è di certo quella di comprare una multistazione. In questo modo si avrà, per certi versi, una vera e propria palestra casalinga.

Quando si deve acquistare un prodotto di questo tipo il consiglio è quello di scegliere macchinari di alta qualità. Non solo perché le performance sono migliori, ma per non correre il rischio di farsi male sollevando grandi pesi. Se un macchinario funziona male o in modo, comunque, non soddisfacente si finirà col demotivare anche lo sportivo più affiatato e si tradurrà infine con un vero e proprio spreco di denaro.

Importanti in fase d’acquisto, per prendere una decisione, sono gli accessori: la leg press, la panca e/o il sacco box ad esempio. Gli elementi possono essere diversi in base alle proprie esigenze: in commercio oggi c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Alcuni prodotti consentono anche di essere accessoriati con elementi aggiuntivi anche nel corso del tempo, cosa che risulta essere molto comoda, sia per seguire l’evoluzione del corpo che cambia, sia per diversificare i propri allenamenti nel corso del tempo.

Importanti in apparecchi di questo tipo sono anche la robustezza e la stabilità, ecco perché è indispensabile cercare prodotti di alta qualità. Pulegge, guaine, cavi devono muoversi bene ed essere resistenti ed avere un peso massimo alto (che va sempre controllato e rispettato).

Tipologie di stazione multifunzione

Per acquistare il modello giusto di stazione multifunzione è indispensabile sapere che ci sono essenzialmente due tipologie in commercio. Quelle per l’allenamento a corpo libero che sono quelle per il bodybuilding e quelle per il fitness, che non consentono quindi l’utilizzo di peso. Queste seconde macchine sono per chi si allena ma non intende fare grandi sforzi per motivi di salute o altro. La massa muscolare aumenterà comunque, questo è chiaro, ma non in modo eclatante e comunque molto lentamente.

La stazione di allenamento per il bodybuilding è invece molto più articolata e permette l’utilizzo di bilancieri, pesi che sono normalmente integrati nel macchinario. Con questo tipo di stazioni multifunzione è possibile aumentare la propria massa muscolare rapidamente, diventando dei veri e propri body builder.

Leggi anche: L’allenamento degli attori Marvel

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close