Humor e Varie

Stare in forma con i semi: ecco come

Il detto “essere sano come un pesce” ha radici antichissime. Si pensa che venisse utilizzato in quanto osservare un pesce ammalato non era possibile ed infatti lo studio delle malattie dei pesci si è sviluppato da poco.

Come pure è relativamente recente, anche se rapidissima, la contaminazione del pianeta da parte dell’uomo, a causa delle sue “impronte inquinanti”. Non si può dire che i semi siano sempre “sani” e di altissima qualità. Come ogni altro prodotto della natura è soggetto ad invecchiamento e le sue caratteristiche nel tempo si degradano.

A ben vedere, però, quando si parla di semi e delle caratteristiche che posseggono non si può fare a meno di parlare degli effetti positivi che hanno sulla mente e sul corpo dell’uomo.

Per quanto sono piccoli è incredibile che l’uomo riesca ad acquisire attraverso di essi una tale quantità di composti nutritivi utili al suo benessere.

C’è anche chi li colleziona e trova un’ampia varietà di semi di cannabis su Sensoryseeds e gli altri shop online esperti del settore.

Naturalmente anche per collezionarli bisogna rivolgersi a chi può fornire semi di cannabis di una certa qualità, comprare semi troppo vecchi non è la stessa cosa.

Ugualmente, chi li mangia, andrà a comprare semi di cannabis sani, che possano apportare alla propria dieta quella integrazione che favorisce equilibrio e ricchezza nella propria alimentazione.

Perché scegliere di mangiare semi di cannabis

I semi di cannabis non sono pillole magiche, la scelta più salutare è quella di garantire a sé stessi una dieta varia che contenga una vasta selezione di sostanze nutrienti.

Si possono trovare molte ricerche che suggeriscono collegamenti tra i semi di cannabis e gli effetti positivi per il benessere delle persone ma in genere gli studi tendono a utilizzare “estratti” che contengono alte concentrazioni di semi, a livello quantitativo.

Quindi, nel momento in cui si fa riferimento alle ricerche e si vogliono considerare i risultati di studi scientifici è importante ricordare che i ricercatori utilizzano per lo più un estratto di semi di cannabis, piuttosto che i semi interi.

Chi si muove allo scopo di raggiungere obiettivi specifici dovrà sempre e comunque rivolgersi ad un nutrizionista, perché comporre una dieta è cosa da esperti del settore.

In ogni caso, aggiungere semi di cannabis ad una dieta equilibrata sembra essere un’ottima idea.

E’ possibile acquistare i semi sotto varie “forme”: sgusciati, macinati, divisi, cuori di cannabis. Per chi volesse di persona rimuovere i gusci esterni dei semi perché troppo duri, in genere le persone utilizzano un mortaio come quello per produrre il pesto oppure, ormai, il classico robot presente in quasi tutte le cucine.

Naturalmente mangiare semi di cannabis per intero ha un’azione differente perché nei gusci è contenuta la fibra. Quindi mangiarli integri o macinarli completamente significa aggiungere anche le fibre alla dieta.

E si sa che le fibre generalmente sono utili perché possono aiutare nella fase di digestione oltre che ad assorbire meglio le sostanze nutritive.

Integrare i semi di cannabis in una dieta salutare ed equilibrata

I semi di cannabis hanno un ricchissimo profilo nutrizionale. Questi contengono grandi quantità di antiossidanti e di acidi grassi, oltre ai minerali e alle vitamine.

Per integrare i semi di cannabis nella propria alimentazione ci sono una varietà di opzioni, dipende tutto dalla fantasia e dai gusti personali. Per esempio:

  • si possono spargere semi interi o macinati sullo yogurt insieme ai cereali
  • si possono aggiungere nei frullati
  • selezionare una serie di semi preferiti e cuocerli nel forno insieme ai semi di cannabis
  • utilizzare semi interi per produrre latte di cannabis fatto in casa utilizzando
  • infine, per una ricca insalata, oltre alle classiche noci si possono aggiungere i semi di cannabis ogni volta che si desidera

I semi di cannabis, oltre ai negozi online, sono reperibili in alcuni supermercati e nei negozi dedicati ai prodotti naturali

Questi negozi generalmente offrono diversi prodotti derivati dai semi di cannabis.

Per esempio, appunto, il latte di cannabis già pronto che si può arricchire con altre sostanze nutrienti come la frutta.

C’è l’opzione delle proteine di semi in polvere, che può essere considerata una degna alternativa, a base vegetale, alle proteine del latte comunemente usato.

Le fibre e i semi di cannabis

Cosa sono e a cosa servono le fibre presenti nei semi di cannabis?

Le fibre sono innanzitutto un complesso di sostanze e sono contenute all’interno di quegli alimenti che hanno origine vegetale, ovvero la frutta e la verdura.

Si possono classificare in fibre non solubili, fibre solubili e lignani.

Le fibre, come accennato prima, risultano utili al fine di equilibrare la flora intestinale, ma anche allo scopo di abbassare la quantità del livello di colesterolo presente nel sangue.

Buona parte della fibra dei semi di cannabis si trova nel suo guscio, quindi nella parte esterna.

Dunque, quando possibile, sarebbe opportuno acquistare semi di cannabis con guscio e assicurarsi che questi siano intatti. Non devono essere perfetti, ma sicuramente è possibile notare quando si sta per acquistare un prodotto di qualità piuttosto che qualcosa di malandato.

Rimane il fatto che, pur senza gusci, i semi di cannabis risultano essere una fonte di fibre. Tre cucchiai possono contenere circa 1,2 grammi.

Quello che si sa è che consumando abbastanza fibre grazie ad una dieta quotidiana completa ed equilibrata, si può accedere ad una serie di effetti positivi:

  • La riduzione del desiderio di mangiare prodotti troppo dolci nei momenti di stress, perché le fibre saziano
  • Possono aiutare quindi nella gestione del peso del corpo
  • Creano un equilibrio che tende a stabilizzare gli zuccheri utili nel sangue
  • Promuovono il lavoro dell’intestino

Leggi anche:
Cannabis legale: consumi in aumento nelle settimane di lockdown

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.
Back to top button