Cinema, Film e Serie Tv

Star Wars: Episodio IX – The Rise of Skywalker: la recensione HARDCORE

Star Wars: Episodio IX – The Rise of Skywalker è probabilmente il film più debole tra i film di Star Wars. Che non è poco in un mondo dove esistono Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma e Star Wars: Episodio II – L’attacco dei cloni.

Ad essere onesti, alcuni dei problemi con The Rise of Skywalker sono legati da eventi esterni. Carrie Fisher è morta durante la produzione e non si può negare la sensazione che il terzo film della trilogia fosse destinato a concentrarsi su Leia nello stesso modo in cui Star Wars: Episodio VII – The Force Awakens si era concentrato su Han Solo e  Star Wars: Episodio VIII – Gli ultimi Jedi, su Luke. Di conseguenza, è comprensibile che il film stia cercando il modo migliore per colmare un vuoto.

Allo stesso modo, il regista JJ Abrams è sbarcato nel progetto all’ultimo minuto, dopo l’uscita di Colin Trevorrow. La nuova trilogia di Star Wars ha un ciclo di produzione ridotto, per cominciare, ma The Rise of Skywalker ha dovuto cambiare a metà. Di conseguenza, ha senso che ci sia una certa qualità approssimativa nella narrazione, con Abrams che eredita un film che non è stato edificato da lui.

Queste sono sfide serie e credibili per The Rise of Skywalker e ci vorrebbe un film impressionante per superare ostacoli logistici di tale portata. Per quanto Han Solo non voglia ascoltare le probabilità, quelle probabilità sono state accumulate contro The Rise of Skywalker sin dall’inizio del processo di produzione. E il film sembra profondamente consapevole di ciò.

Tuttavia, The Rise of Skywalker è gravemente compromesso da errori non forzati. Il film compie un numero elevato di catastrofiche scelte narrative, sia nella storia che decide di raccontare, sia nel modo in cui alla fine decide di raccontarlo. Ogni volta che The Rise of Skywalker raggiunge un incrocio narrativo, non manca mai di scegliere la più debole delle opzioni. Questo è di per sé negativo anche senza la sensazione che queste scelte siano guidate da motivazioni più bramose.

Come per i film quali Justice League, c’è una sensazione imbarazzante che The Rise of Skywalker sia stato modellato e informato ascoltando le voci più forti che imperversano sul Web e adattando un film per placare la loro sensibilità estetica. La grande tragedia di The Rise of Skywalker è che il tipo di fan da soddisfare, è ben lungi dall’essere soddisfatto. Inoltre, questi cinici sforzi per placare le aspettative di quei fan, servono ad alienare il pubblico reale. The Rise of Skywalker è tutto ciò che alcuni avrebbero desiderato da The Last Jedi. Non a caso, è quasi inattaccabile.

All’inizio del film, The Rise of Skywalker contrappone i suoi due protagonisti. Rey si sta allenando nella foresta e allo stesso tempo si consulta con Leia. Tenendola stretta, Leia le sussurra all’orecchio, “Sii sempre te stessa, Rey.” Nel frattempo, Kylo Ren intraprende una missione per trovare i resti mortali dell’Imperatore Sith, Palpatine. Sente la voce cinica del signore oscuro dentro di sé. È strano che The Rise of Skywalker scelga di ascoltare voci, anziché essere semplicemente se stesso.

C’è un’ansia comprensibile riguardo al fatto che The Rise of Skywalker sia un film che deve essere il finale per una saga di nove lungometraggi e un universo espanso. Come tanti moderni successi, il film è pieno zeppo di dettagli progettati per rendere il film a prova di critica –  come per Captain Marvel o Avengers: Infinity War. In effetti, The Rise of Skywalker è pieno di cose che accadono.

Questa enfasi sulla trama serve la pratica funzione secondaria di affollare altri elementi narrativi come il tema o il personaggio, le “grandi idee” che tradizionalmente sottolineano film di fantascienza o fantasy. Questo è uno dei trucchi narrativi chiave dei successi moderni, diffidenti nei confronti di idee grandi o scomode, come Godzilla: King of the Monsters. Ridurre la trama a una serie di eventi interconnessi che si svolgono in rapida successione lascia poco spazio al tipo di cose che le persone potrebbero discutere su Internet.

L’imbarazzo del concept di The Rise of Skywalker è una narrazione “preconfezionata”. La pergamena iniziale definisce il film in questi termini. Sia la Resistenza che il Primo Ordine stanno correndo contro il tempo (e l’un l’altro) per svelare una serie di indizi che li porteranno attraverso la galassia e in un gigantesco climax guidato dagli eventi. Ci sono molti inseguimenti. C’è molta corsa. Ci sono persino stormtroopers con jet pack. “Ora possono volare?” Chiede C-3PO. “Ora possono volare?” Ripete Finn. “Ora possono volare”, afferma Poe. Non c’è tempo per pensarci. Basta crederci.

Questo affollamento della narrativa gioca molto come una risposta a The Last Jedi. La parte centrale della trilogia di Rian Johnson è probabilmente il film più bello e più ambizioso della serie, ma ha avuto alcuni problemi di stimolazione significativi. Tuttavia, la volontà del film di rallentare se stesso ha permesso a Johnson di esplorare una serie di grandi idee, in particolare quelle intorno alle ipotesi fondamentali del franchise di Star Wars. Era un film in franchising relativamente audace, anche se era ancora abbastanza docile.

Naturalmente, The Last Jedi è stato un successo sotto ogni aspetto. Ha guadagnato ben oltre un miliardo di dollari. Ha ottenuto recensioni straordinariamente positive su Rotten Tomatoes e MetaCritic. Ha anche ottenuto buoni risultati con il pubblico secondo CinemaScore. Tuttavia, alcuni fan hanno fatto eccezione ad alcune delle ambizioni del film e hanno lanciato una campagna di alto profilo contro il film che prevedeva la produzione di modifiche “solo per uomini”.

Alcuni fan hanno una visione molto particolare di ciò che si aspettano da un franchising, e quindi si lamentano di tutto ciò che non corrisponde a tali aspettative. Tuttavia, invece di andare alla deriva come fanno i fan, quella minoranza vocale di appassionati si è fissata su The Last Jedi e la rabbia è diminuita.

The Rise of Skywalker si sente spesso come un atto di appagamento, progettato per fare appello a quella piccola ma vocale minoranza di fan che sono stati così aggressivamente antagonizzati dai suggerimenti apparentemente radicali di The Last Jedi che forse vale la pena ascoltare le donne in posizioni di autorità, o che forse un personaggio come Luke Skywalker potrebbe riflettere sulla sua vita e considerarsi un fallimento per non aver reso il mondo un posto sostanzialmente migliore o per aver osato suggerire che un eroe in una narrativa di fantascienza e fantasy potrebbe non aver bisogno di provenire da “linea di sangue” stabilita .

The Rise of Skywalker lavora rapidamente e furiosamente per “correggere” i punti della trama e le scelte narrative all’interno di The Last Jedi che in realtà non avevano bisogno di correzioni. Spesso sembra una lista della spesa arrabbiata. Per scegliere alcuni piccoli ma terribili esempi, The Rise of Skywalker si assicura di dare al pubblico una storia tardiva per il leader supremo Snoke, lavora molto duramente per riportare Kylo Ren nel suo cosplay di Darth Vader, anche se si apre con una sequenza estesa dell’addestramento di Rey – in modo che il pubblico sappia che non è una “Mary Sue”.

The Rise of Skywalker lavora duramente per emarginare le donne che hanno definito The Last Jedi. Rose Tico appare nel film ma soprattutto in modo che gli altri personaggi possano dirle che è un surplus rispetto ai requisiti – due volte. Durante una riunione del comando ribelle, un personaggio suggerisce che la loro unica opzione contro il Primo Ordine è quella di provare “la manovra di Holdo”. Poe lo rifiuta immediatamente, affermando: “È uno su un milione”. Invece, la Resistenza opta Il piano uno-su-un milione separato e distinto di Poe.

Questa emarginazione delle donne all’interno del film è giustapposta con una bizzarra fissazione sull’affermazione della virilità dei personaggi maschili, come se fosse preoccupata che alcuni dei giovani (e forse anche più anziani) spettatori maschili fossero a disagio con l’idea dei personaggi femminili assertivi introdotti in L’ultimo Jedi. Una delle preoccupazioni più strane e ricorrenti all’interno di The Rise of Skywalker è la sua fissazione nel rassicurare sul fatto che i suoi ruoli maschili sono vigorosamente capaci di fare sesso, ma sempre con le donne e principalmente con la stessa etnia.

Questo è più ovvio con i due protagonisti maschili. I fan hanno spedito insieme, a lungo, Finn e Poe, probabilmente a causa dell’intensa chimica carismatica tra John Boyega e Oscar Isaac. Tuttavia, The Rise of Skywalker fa di tutto per assicurare al pubblico che Finn è etero; il film ribadisce (ma rifiuta di sviluppare) la sua attrazione per Rey e introduce il personaggio di Jannah come partner di scena. Il film introduce anche Keri Russell nel ruolo di Zorri Bliss, un ex partner di Poe che indossa una tuta attillata e che flirta pesantemente con lui.

Tuttavia, non è solo la generazione più giovane a dimostrarsi virile ed eterosessuale. I momenti conclusivi del film suggeriscono che Lando è ancora in grado di sedurre una donna di età inferiore alla sua. Inoltre, l’intera trama di The Rise of Skywalker dipende dall’importanza del pubblico che sa che l’imperatore Palpatine ha fatto sesso. In effetti, una delle sequenze più assurdamente ridicole al culmine del film ha un personaggio più anziano che risuona orgasmicamente mentre lancia fulmini di forza dal suo cavallo nei cieli.

Per essere onesti, The Rise of Skywalker smette solo di approfondire (o affermare l’esistenza) della vita sessuale di Luke. Tuttavia, fa di tutto per far tornare il personaggio in un modo progettato per placare quei fan che si sono irritati irrazionalmente per la sua interpretazione in The Last Jedi. Dopotutto, l’intero arco di Luke in The Last Jedi riguardava la consapevolezza che si sbagliava. Tuttavia, c’è qualcosa di molto calcolato – anche nel consentire quel contesto – nel far apparire Luke letteralmente a Rey e dire: “Ho sbagliato”.

Inoltre, anche se Luke ha completato il suo arco in The Last Jedi e non ha motivo di apparire in The Rise of Skywalker, il film continua a trovare cose che Luke deve fare per affermare quanto sia fantastico il personaggio. The Rise of Skywalker rivela retroattivamente che Luke stava effettivamente dando la caccia ai Sith con Lando, che sembra una strana combinazione di personaggi.

Ovviamente la nostalgia attraversa l’intera trilogia del sequel, ma arriva fino alla fine in The Rise of Skywalker. L’X-Wing di Luke, sepolto sott’acqua in The Last Jedi, diventa cruciale per l’apice di The Rise of Skywalker. A un certo punto, Poe si prepara a svolgere effettivamente un compito significativo, solo per un personaggio della trilogia originale che insiste goffamente sulla necessità di prendere una pausa in modo che i veterani più anziani possano mostrargli come è fatto. Anche Kylo Ren è soppiantato dal suo ruolo di antagonista da un personaggio originale della trilogia.

Dopo che The Last Jedi ha lavorato così duramente per respingere l’idea delle linee di sangue come importanti, The Rise of Skywalker la raddoppia. C’è un senso in cui Abrams tecnicamente cerca di evitare di contraddire apertamente The Last Jedi ma tutto ciò sembra molto cinico e saggio.

The Rise of Skywalker ignora completamente qualsiasi idea lontanamente interessante in The Last Jedi. Dopotutto, The Last Jedi ha fatto alla trilogia del sequel, il favore di bruciare Star Wars: Episodio in modo sovversivo, offrendo ad Abrams una lista in bianco per The Rise of Skywalker. Nei contrasti, Abrams non può pensare a qualcosa di meglio da fare in The Rise of Skywalker, ma per riprodurre il climax di Star Wars: Episodio V – L’Impero colpisce ancora con un personaggio che riceve notizie sconvolgenti per essere salvato dal Millennium Falcon.

Questa è un sacco di responsabilità per un singolo film. The Rise of Skywalker non sta solo reagendo ai fan che odiano The Last Jedi ma si adatta consapevolmente a una risposta preventiva alla potenziale delusione contro di esso. All’inizio di The Rise of Skywalker, un personaggio principale viene ucciso. Tuttavia, quella morte si rivela un falso nella scena successiva, come se diffidasse dell’inevitabile contraccolpo di Internet. Un altro personaggio subisce l’amnesia obbligatoria della trama ma anche questo viene resettato; anche se gli eventi di The Last Jedi sono ancora nettamente cancellati.

Questa è una sciocchezza cinica, ma si adatta alle argomentazioni politiche astratte del film. The Force Awakens e The Last Jedi erano entrambi film che – con vari gradi di successo – erano interessati all’ascesa del fascismo nella cultura contemporanea. The Rise of Skywalker sembra aver goffamente raggiunto la conclusione che opporsi al fascismo moderno non è una decisione aziendale intelligente e molto rapidamente (e molto goffamente) cancella molte letture centrali di personaggi come Kylo Ren e Hux.

Invece di quel messaggio piuttosto inoffensivo di “fascismo e misoginia sono cattivi” che attraversa The Force Awakens e The Last Jedi, la morale di The Rise of Skywalker è più vicina a un generico centrismo “a misura unica”. I cattivi, in ​​questo film, non sono davvero fascisti. Sono solo arrabbiati. In effetti, la tesi politica centrale di Star Wars: The Rise of Skywalker è un facile “hanno tutti ragione”. Le persone dovrebbero semplicemente imparare ad essere meno arrabbiate, indipendentemente dalle opinioni che hanno. Le persone che vogliono imporre un ordine fascista sull’universo devono essere meno arrabbiate. Le persone che vogliono fermare quelle persone dovrebbero anche essere meno arrabbiate.

The Rise of Skywalker è così impegnato a reagire in modo eccessivo all’assurda risposta a The Last Jedi che a malapena ha il tempo di formare la propria visione coerente di ciò che dovrebbe essere. The Rise of Skywalker è una raccolta di cose che accadono con intensità crescente. Il film copre così tanto terreno, così rapidamente che non c’è mai davvero tempo per un coinvolgimento emotivo e che dettagli come l’entità dell’escalation dei cattivi si muovono appena.

The Rise of Skywalker è così chiaro su ciò che non è che fa fatica ad articolare ciò che è. Abrams è uno dei registi più affidabili del ventunesimo secolo ma sembra perso con tutto quello che sta succedendo. Il climax del film è essenzialmente una serie crescente di deus ex machina, con eroi e cattivi che pescano continuamente carte vincenti dal nulla. I cattivi rivelano di avere un piano, gli eroi in qualche modo lo contrastano, ma i cattivi hanno un altro piano segreto, ma gli eroi hanno un supporto più segreto.

Con tutto ciò che accade è un casino. I personaggi vengono catturati e salvati entro un quarto d’ora. Rey ottiene un scopo ma è del tutto in contrasto con ciò che è accaduto prima. Poe e Finn vagano per la trama, occasionalmente articolando il riepilogo puntato degli archi di personaggi, ma non recitando mai. Kylo Ren riesce effettivamente a colpire alcuni di quei punti, ma raramente in linea. The Rise of Skywalker sembra sempre ansioso di quanto possa o non possa spingere Kylo Ren in una determinata direzione e quindi opta per il percorso di minor resistenza.

L’ironia è che nulla di tutto questo riuscirà effettivamente a soddisfare quei fan arrabbiati che si lamentano di Star Wars su Internet. Niente soddisferà quei fan arrabbiati. Non accetterebbero mai un film che presenta Rey e Kylo Ren e sarebbero apertamente ostili a qualsiasi sforzo per legarli in modo aggressivo alla mitologia del franchising. Quindi tutto ciò sembra inutile, anche al di là degli altri modi in cui gioca come un grave errore di calcolo.

Tuttavia, nel tentativo di riconquistare quei fan, The Rise of Skywalker allontana gli spettatori che in origine erano attratti da personaggi come Rey e Kylo Ren a causa di ciò che rappresentavano e di ciò che intendevano, a causa di ciò che li rendeva unici. Gran parte di The Rise of Skywalker riguarda le generazioni più vecchie e affermate che conferiscono legittimità ai loro figli, come se convalidassero la generazione successiva. È un cinismo che manca al fatto che Star Wars dovrebbe essere una fantasia per i bambini piuttosto che per gli adulti arrabbiati.

The Rise of Skywalker è uno spettacolare incendio, arrivando a essere come uno dei successi più incomprensibili del decennio.

Un Commento

  1. Tra l’ altro alla fine dell’ VIII RJ aveva dato un elementare, ma succoso assist per far rivedere Luke come si deve ma JJA l’ ha bellamente ignorato! Sic! Lui e Ben ricordavano un pò Morgana e Merlino in “Excalibur”. Peccato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close