Cinema, Film e Serie Tv

Spyfall, part 2: una brusca svolta in Doctor Who

Spyfall, Parte II prende sicuramente una brusca svolta. Col senno di poi, nonostante i suoi letterali simboli natalizi, sembra giusto posizionare Spyfall come uno “speciale per le vacanze”. È stato progettato consapevolmente come un “gioco di parole” o un “runaround”, con tutta una serie di omaggi a qualcosa che il pubblico conosce. Nel caso di Spyfall, parte I (di cui vi ho già parlato qui), quel pezzo di cultura pop sembra essere il franchise di James Bond. In Voyage of the Damned, era The Poseidon Adventure. In A Christmas Carol, era … beh, indovina. In The Doctor, the Widow and the Wardrobe, era The Chronicles of Narnia . Nel ritorno del dottor Mysterio, erano quasi tutti i film dei supereroi.

È retroattivamente possibile identificare Spyfall, Parte I come parte del genere “episodio festivo” dello spettacolo a causa del modo in cui Spyfall, Parte II si allontana dalle caratteristiche distintive dell’avventura precedente. Il regista Jamie Magnus Stone è sostituito da Lee Haven Jones, che molto probabilmente è il risultato della programmazione dei blocchi di produzione. La pianificazione dei blocchi di produzione riflette le distinzioni tra Spyfall, parte I e Spyfall, parte II, perché Spyfall, parte I deve utilizzare il Sudafrica come luogo di ripresa mentre Spyfall, parte II viene prodotta in un modo più tradizionale.

Per essere onesti in Spyfall, parte II , non c’è nulla di sbagliato nello stravolgere il proprio cliffhanger. Il classico Doctor Who è pieno di storie che cambiano drasticamente direzione nel primo cliffhanger, con l’episodio di apertura in gran parte interpretato come un prologo esteso. Episodi come The Ghost Monument e The Tsuranga Conundrum hanno suggerito che lo scrittore Chris Chibnall ha una costante affinità con il classico scrittore Terry Nation, e il desiderio di saltare da una storia all’altra su un cliffhanger era una specialità di Terry Nation.

In effetti, non sarebbe del tutto irragionevole suggerire una connessione tra la caotica struttura del “inseguimento nel tempo” di Spyfall, parte II e il classico di Terry Nation intitolato The Chase . Probabilmente, Chibnall scambia semplicemente un nemico ricorrente e iconico con un altro quindi sostituendo i Dalek con il Maestro. Modificando anche alcuni dei sottotesti ricorrenti preferiti da Nation, compensando l’assenza dei Dalek aggiungendo…i nazisti.

Più precisamente, lo showrunner Steven Moffat ha probabilmente scoperto che la chiave per creare un moderno Doctor Who veramente buono in due parti era garantire una certa varietà tra le due parti. Questo è più ovvio con il suo lavoro sulla nona stagione, che è stato costruito – Sleep No More a parte – lungo una serie di storie (almeno concettualmente) in due parti. La maggior parte di quelle storie si muovevano in modo drammatico tra le parti, in particolare La ragazza che è morta e La donna che è sopravvissuta o Under the Lake e Before the Flood variavano le posizioni tra le due parti.

Tuttavia, la chiave del successo di Moffat con questo approccio è sempre stata la comprensione del nocciolo della storia raccontata e dell’unità tematica che tiene insieme queste narrazioni. Heaven Sent e Hell Bent sono episodi radicalmente diversi in termini di ambientazione, portata e cast degli ospiti. Tuttavia, sono un’ unica storia radicata nella fissazione monomaniacale del Dottore che salva Clara. Dark Water e Death in Heaven sono episodi molto diversi in termini di tono e contenuto, ma sono costruiti attorno alla separazione di Clara da Danny Pink.

Quindi qual è il filo di collegamento tra Spyfall, Parte I e Spyfall, Parte II ? Non può essere il Maestro, poiché ha trascorso la maggior parte di Spyfall, parte I nella persona di “O!”. Non può essere la trama del viaggio nel tempo, come Spyfall, parte I riguardava il girovagare per la Terra piuttosto che viaggiare nel tempo. Il tessuto di collegamento più evidente tra i due episodi è Daniel Barton e la sua trama per il dominio del mondo. Dopotutto, Lenny Henry appare in entrambi gli episodi, ottenendo una considerevole introduzione in Spyfall, parte I e una conclusione del suo arco in Spyfall, parte II.

Evidentemente Barton non è il punto focale di Spyfall, parte II. Il personaggio è affermato con fermezza come antagonista secondario piuttosto che come cospiratore comune.

Mentre il Maestro insegue il Dottore nel tempo, Barton è incaricato di dare la caccia a Ryan, Yaz e Graham nel presente. Questo porta a una ricostruzione piuttosto dura di The Sound of Drums, come se il Maestro stesse addirittura rivivendo le sue vecchie trame al suo scagnozzo. Più precisamente, Ryan, Yaz e Graham sono completamente inutili nel contrastare la trama malvagia di Barton. L’invasione aliena non viene fermata da Ryan, Yaz e Graham. Viene fermato dall’arrivo del Dottore, il che rende completamente inutile la caccia a Barton per il trio.

Ad essere onesti, Spyfall, parte II riconosce la totale inutilità di Ryan, Yaz e Graham nei loro sforzi per fermare l’invasione aliena. Tuttavia, questo ha lo sfortunato effetto collaterale di ridurre Barton a nient’altro che una faccia sullo schermo che offre provocazioni compiaciute poiché gli eroi non riescono ad avere un impatto significativo sui suoi piani. Barton si sente meno come un vero antagonista e più come un’ ombra della puntata precedente.

Potrebbe essere possibile sostenere che la trama malvagia di Barton fornisca una certa coesione tematica o narrativa tra le due parti. Dopotutto, Spyfall, Parte I e Spyfall, Parte II sono almeno collegati nelle loro ansie dai social media e dalle moderne tecnologie. Tuttavia, non esiste una vera coesione interna al di là di un senso generale di terrore e ansia, spesso apertamente articolato attraverso i dialoghi piuttosto che espresso attraverso la storia.

Non è difficile collegare trama e tema all’interno di una storia come questa. Dopotutto, Doctor Who ha ripetutamente sottolineato la tesi di Barton nell’ultimo decennio e mezzo. Rise of the Cybermen e The Age of Steel presentavano una nota ironica sul fatto che l’umanità avrebbe dovuto abbandonare la propria vita a favore del prossimo upgrade, creando una backdoor per i Cybermen. Anche The Bells of St. John ha suggerito che le persone si sono fatte bersaglio dei cattivi dell’episodio facendo clic sul wifi gratuito e condividendo le loro informazioni in quel modo. Anche l’uso della tecnologia da parte di Barton per tracciare i compagni proviene da The Sound of Drums .

Il piano malvagio di Barton è quello di convertire la Terra in una gigantesca server farm utilizzando i corpi umani come banche dati. Questa non è una cattiva idea, sia tematicamente che narrativamente. C’è molto potenziale per l’orrore nell’idea che i corpi umani siano solo macchine fatte di carne e quindi possono essere riprogrammate come qualsiasi altro oggetto meccanico. C’è anche qualcosa di interessante nell’idea che cedere i dati di una persona sia una strada a doppio senso.

Sfortunatamente, l’idea è solo brevemente discussa. Non è preso in considerazione. Non è impostato. Sotto Davies e Moffat, molti episodi hanno seminato abilmente le loro insane rivelazioni nelle prime trame, consentendo a un piano malvagio come questo di sembrare il culmine di un grande arco. Potrebbe essere stato possibile, ad esempio, seminare la capacità di stoccaggio del DNA umano all’inizio nei due parter, creando l’idea che potrebbe essere “riformatati” al culmine di Spyfall, la Parte II come uno sviluppo logico (ma ancora folle) di quel concetto.

Invece, è tutto goffo e scaricato in un grande discorso malvagio che viene inevitabilmente interrotto e contrastato. Il pubblico non ha tempo di pensare davvero alle implicazioni dell’idea prima che venga accuratamente respinta. Inoltre, questa non è una sorpresa. Come per Spyfall, parte I, non ha senso in Spyfall, parte II che Chibnall comprenda effettivamente le idee con cui sta lavorando e che la narrazione e la vaghezza tematica dell’episodio siano una conseguenza di quella mancanza di coinvolgimento con i concetti.

Il commento in Spyfall, Parte I e Spyfall, Parte II non è più profondo di quello scherzo in Risoluzione su ciò che accade quando Internet va in fumo. Hakim Khan raccoglie il suo mouse wireless e incolpa una “cospirazione” per quello che è successo, ma non ha senso che l’episodio abbia una visione più profonda. Barton si dimostra un magnate dei social media moderno poco convincente, scritto nello stile di un archetipo più vecchio e obsoleto. “Ho bisogno di informazioni su tre persone” , abbaia al telefono. “ Il più velocemente possibile. Questi sono i loro nomi. ” La maggior parte dei miliardari della tecnologia moderna potrebbe farlo nel sonno da un laptop, indossando una felpa con cappuccio.

In effetti, è interessante come i Cybermen sembrano perseguitare Spyfall, Parte I e Spyfall, Parte II . La manifestazione del Kasaavin come “fantasmi” ricorda l’imprinting dei Cybermen sul mondo in Army of Ghosts and Doomsday . Data l’ovvia ispirazione che Chibnall sta attingendo dalle vette dell’era Davies, i parallelismi sono sorprendenti. Inoltre, i Cybermen sono spesso trattati come l’endpoint logico di una società che ha abbandonato l’empatia e ha abbracciato l’idea del processo tecnologico a tutti i costi, facendoli sembrare una misura perfetta per il malvagio piano di Barton. Il Master ha anche collaborato con loro di recente.

In effetti, Chibnall sembra capirlo. Se uno si sentisse estremamente generoso nei confronti del doppio episodio, il parallelismo della compagnia tecnologica di Barton con il cosplay nazista del Maestro potrebbe essere letto come un commento sul modo in cui i social media hanno consentito e incoraggiato la diffusione di ideologie estremiste. Sfortunatamente, Spyfall, Parte II non offre nulla a supporto di quella possibile lettura, niente che rafforzi la connessione o stabilisca un punto tematico. In Spyfall, parte II , questi due thread della trama sono solo due cose che stanno accadendo.

Invece, Spyfall, Parte II offre un messaggio abbastanza generico e inoffensivo sull’ascesa del totalitarismo. Il Dottore assicura Noor Inayat Khan prima di lasciarla torturare e giustiziare dai nazisti. (In un altro cenno all’era di Davies, Chibnall impiega la pulizia mentale non consensuale di Journey’s End .) Spyfall, Parte II fa di tutto per far tornare alla caratterizzazione in gran parte passiva del Dottore. Ritorna allo strano pseudo-pacifismo del Decimo Dottore, dicendo severamente a Lovelace “Non approvo” dopo che Lovelace le ha salvato la vita sparando al Maestro.

Questo sembra un ritiro consapevole dalle posizioni politiche più radicali dell’era Moffat, dai sentimenti sinceramente rivoluzionari di The Impossible Astronaut e Day of the Moon fino al punzonamento razzista di Thin Ice e al rovesciamento del capitalismo di Oxigen. È un approccio molto generico e molto passivo agli orrori del male sistemico. Questo è stato un appuntamento fisso del Tredicesimo Dottore, in particolare in episodi come The Ghost Monument o Arachnids in UK o Kerblam!. Spyfall, parte II applica solo questa logica alla Germania nazista.

Certo, il Tredicesimo Dottore è una specie di ipocrita, proprio come il Decimo Dottore davanti a lei. Dopo il suo confronto con il Maestro sulla Torre Eiffel, disabilita il “filtro di percezione” che consente al cattivo di passare come un ariano tra i soldati del Terzo Reich. Sembra una scelta narrativa incredibilmente volgare. Ovviamente, il Dottore sta armando l’oppressione sistemica e il genocidio per soddisfare i suoi bisogni. È molto imbarazzante che ciò accada al Maestro nella sua primissima storia come incarnazione non bianca.

Sulla carta, è una trama abbastanza standard, un’ingegnosa inversione drammatica. Il Dottore sta effettivamente colpendo il Maestro col suo stesso gioco, rivoltando il suo piano contro di lui in modo spettacolare. Questa è una narrazione polposa standard, simile alla morte di Ra’s Al Ghul durante il suo attacco terroristico in Batman Begins o persino il Cyberman di legno che viene ingannato a suicidarsi in The Time of the Doctor. Più precisamente, il Dottore che lascia il Maestro in una situazione orribile è un trofeo di Doctor Who, presente in storie come Planet of Fire. L’annullamento del Maestro è colpa sua, che è solo un’ironia drammatica di base.

Tuttavia, fondamentalmente rompe anche la logica interna di Doctor Who. Nel mondo della serie, il Maestro è un cattivo molto più grande di Adolf Hitler. Ha collaborato con i Daleks in Frontier in Space. Ha spazzato via enormi parti dell’universo a Logopolis. Ha tentato di trasformare tutti sul pianeta in una copia di se stesso in The End of Time, Part I e The End of Time, Part II. Spyfall, Parte II termina con la rivelazione che il Maestro ha spazzato via Gallifrey, e lo usa come gancio per un arco di stagione sul “Bambino senza tempo”. Rispetto al Maestro, nel mondo della seria, i nazisti sono dilettanti.

Quindi riconoscere che vestirsi con un’uniforme nazista è un tipo speciale di male significa infrangere la logica interna dello spettacolo in un modo che Spyfall, la Parte II non è disposto a fare. La sconfitta del Maestro da parte del Dottore dipende sia dal trambusto dell’avventura dell’eroe che inverte il piano del cattivo, sia dalla realtà che il Maestro è ora un uomo di estrazione asiatica che molto probabilmente sarebbe stato mandato in un campo di concentramento. È una scelta narrativa straordinariamente mal giudicata, rafforzata dalla decisione di interpretare la cattura del Maestro come uno scherzo.

Il Maestro sfugge all’Olocausto proprio come è fuggito da qualsiasi altro momento di morte certa durante il suo periodo in Doctor Who. Spyfall, Parte II riduce l’Olocausto all’equivalente della fuga dallo Xeraphin in Time-Flight. Il Maestro si presenta al culmine di Spyfall, dopo aver preso “la strada più lunga “. Viene trattato come uno scherzo. È solo un po’ più arrabbiato e furbo per quell’esperienza. Non ha senso il motivo per cui la Francia occupata dai nazisti fosse diversa da qualsiasi altro punto stretto in cui il Maestro si fosse trovato, nonostante i dubbi del Dottore (e del pubblico).

Questo problema è rafforzato dall’enfasi dell’episodio sull’idea di sovrapposizione tra identità culturale e patrimonio genetico durante il messaggio finale del Maestro al Dottore alla fine dell’episodio. Avvertendo il Dottore della minaccia rappresentata da “The Timeless Child”, consiglia: “È sepolto in profondità in tutti i nostri ricordi, nella nostra identità”. Sembra strano che Spyfall, Parte I e Spyfall, Parte II ponga tanta enfasi su geni e identità mentre sembrano anche avvertire dei pericoli del fascismo. (Dopotutto, le spie avevano il loro DNA riscritto in Spyfall, parte I , e l’episodio si basa sull’idea che ciò che è alieno è malvagio.)

L’episodio vuole riconoscere gli orrori e le atrocità della vita reale, ma rifiuta di esplorarli o soffermarsi su di loro. Vuole offrire un messaggio di benessere su come il bene alla fine trionferà sul male citando la seconda guerra mondiale come esempio, ma senza riconoscere sia la scala reale dell’orrore di quella battaglia e la realtà che il fascismo non è stato completamente sconfitto.

È chiaro che Chibnall ha il cuore nel posto giusto. Spyfall, la Parte II vuole chiaramente essere una storia che affronta gli orrori e le tragedie della guerra e che mette in luce un numero di donne in gran parte cancellate dalla storia moderna. Questo è encomiabile. Allo stesso modo, l’impegno di Chibnall nei diversi casting continua a essere lodevole e degno di essere celebrato. Tuttavia, Chibnall fa fatica a seguire le sue idee fino alla loro conclusione, portando a sequenze giudicate errate, incoerenze tonali e sottotesto rendendo la puntata insipida.

I Kasaavins sono appena sviluppati o esplorati. Non hanno una personalità o una prospettiva distintiva, né un’agenda unica. In realtà, Spyfall, parte II riscrive anche maldestramente l’intera trama di Spyfall, parte I . Perché i Kasaavin stavano prendendo di mira le spie? Perché apparentemente quelle reti di spionaggio se ne erano accorse sulla Terra. Non si spiega mai perché i Kasaavins non siano riusciti a armare il viaggio nel tempo contro i loro avversari. Dato ciò che Spyfall, la Parte II rivela dei Kasaavins, la loro trama in Spyfall, la Parte I è decisamente noiosa.

Spyfall, Parte II sembra riconoscere fugacemente quanto poco i compagni conoscano effettivamente il Dottore. “Abbiamo trascorso tutto questo tempo con lei e non sappiamo ancora da dove viene”, afferma Yaz. Graham chiarisce: “Non per mancanza di domande, eh. E lo chiederemo ”. Questo è un ritmo strano, perché sottolinea quanto poco lo sviluppo del personaggio reale abbia avuto i protagonisti durante la prima stagione. Fornisce inoltre un chiaro contrasto tra i compagni più curiosi e di genere delle epoche di Davies e Moffat – personaggi come Clara Oswald e Bill Potts.

Più precisamente, Spyfall Parte II porta quella sensibilità “alle origini” un po’ troppo alla lettera. C’è una sequenza estesa in Spyfall, parte II in cui Graham discute il concetto di “rigenerazione” come una novità. La rigenerazione è stata una novità in Bad Wolf e The Parting of the Ways perché il Nono Dottore è stato introdotto dopo la rigenerazione. Al contrario, la rigenerazione del Tredicesimo Dottore fu una parte enorme di The Woman Who Fell to Earth. Il pubblico sa già come funziona. Non è un grosso problema quindici anni dopo The Christmas Invasion .

Spyfall, Parte I e Spyfall, Parte II rivelano che il maestro ha distrutto Gallifrey, apparentemente motivato dall’orrore di “The Timeless Child”. Il pianeta natale del Dottore è “polverizzato, bruciato, rovinato; tutto quanto sopra. ” Se questo sembra del tutto familiare, è perché quello era l’arco del Dottore come stabilito in The End of the World . Gallifrey fu distrutto nell’ultima grande guerra del tempo, perduto per sempre dal Dottore.

Ancora una volta, questa è stata una geniale (e pragmatica) giocata da Davies, che ha appena usato l’Ultima Grande Guerra come scusa per spostare Gallifrey (e la sua continuità associata) fuori dal tabellone. Steven Moffat ha preso la decisione di riportare Gallifrey in The Day of the Doctor, a simboleggiare la guarigione del divario tra la serie originale e quella rinnovata. Ha anche permesso al Dottore di tornare a Gallifrey in Listen and Hell Bent , anche se in modo tale da impedire al pianeta di intromettersi nel resto dello spettacolo. È stata una decisione intelligente e pragmatica.

Certo, è del tutto possibile che la stagione “resetterà” la distruzione di Gallifrey, che sarà rivelata come uno stratagemma o un trucco o che sarà annullata nel finale di stagione. Tuttavia, nel contesto di Spyfall, Parte I e Spyfall, Parte II , funge da fonte di pathos economico e cinico per il Dottore. Segna il desiderio di tornare alla caratterizzazione solitaria e meditabonda che ha definito il Nono e il Decimo Dottore. È una scelta di “ritorno alle origini” che considera l’era Davies come l’ideale platonico di Doctor Who .

C’è qualcosa di molto cinico in tutto questo, che ricorda il modo in cui Star Wars: Episodio XI – The Rise of Skywalker ha effettivamente ignorato le idee più stimolanti di Star Wars: Episode VIII – The Last Jedi a favore del tentativo di tornare al confort di Star Wars: Episodio VII – The Force Awakens. È il risultato del desiderio di compiacere il pubblico ricostruendo un terreno familiare, ignorando la realtà che i tempi e il pubblico cambiano.

Un Commento

  1. “Certo, è del tutto possibile che la stagione “resetterà” la distruzione di Gallifrey, che sarà rivelata come uno stratagemma o un trucco o che sarà annullata nel finale di stagione. Tuttavia, nel contesto di Spyfall, Parte I e Spyfall, Parte II , funge da fonte di pathos economico e cinico per il Dottore. Segna il desiderio di tornare alla caratterizzazione solitaria e meditabonda che ha definito il Nono e il Decimo Dottore. È una scelta di “ritorno alle origini” che considera l’era Davies come l’ideale platonico di Doctor Who.”

    Sì, pls, rivoglio RTD!
    No, dai, scherzo. Circa. Ho amato moltissimo l’era di Moffat, Eleven e Twelve, pur apprezzando pochissimo l’ottava stagione. Però RTD manteneva maggior coerenza interna, Moffat è spettacolare nelle brevi distanze ma sui lunghi archi si perde.
    Che dire dell’Impossible Girl sprecata in pochi episodi, per esempio?

    Parlando di Spyfall 1 e 2, ho adorato questi episodi e non sono d’accordo sul giudizio negativo che traspare da questa recensione. Sarà che riprende tanto di RTD, sarà che 13 ricorda 10 ma con meno melodramma e un pizzico della “scemenza” di 11, sarà che il nuovo Master è M E R A V I G L I O S O (e a proposito: è post Missy? Perché è di nuovo bad? Prima di venire ammazzata da se stesso Missy voleva stare “with the Doctor”…), ma sono molto molto molto contenta e fiduciosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close