Cinema, Film e Serie Tv

Spyfall, part 1: Doctor Who ritorna con spettacolarità

Spyfall, Parte I offre un solido inizio di stagione, ed è anche spettacolare.
Per alcuni aspetti, lo showrunner Chris Chibnall sta costruendo questa dodicesima stagione rinforzando i punti deboli della sua precedente. La location in Sud Africa offre a Spyfall, parte I un impressionante senso di pathos. Come in episodi tra cui The Ghost Monument e Rosa, il Sudafrica è in grado di coprire una varietà di luoghi esotici che normalmente non rientravano nell’ambito di Doctor Who. Chibnall è in grado di lanciare Spyfall, Parte I come un’autentica avventura cinematografica.

Inoltre, è la produzione continua a sembrare sontuosa. Chibnall mantiene le lenti anamorfiche e le proporzioni modificate rispetto alla stagione precedente, conferendo alla serie un aspetto lucido e cinematografico. Le guest star di Spyfall, Parte I sono assolutamente allineate, soprattutto per gli standard di Doctor Who. Stephen Fry ha avuto una lunga relazione complicata con Doctor Who – recitando negli audiobook, scrivendo alcuni episodi, criticandolo – e finalmente fa la sua apparizione televisiva. Lenny Henry è un personaggio abbastanza grande, in particolare per il ruolo che alla fine interpreta.

Spyfall, Parte I è una buona avventura vecchio stile, costruita consapevolmente attorno a ritmi d’azione che sarebbero sembrati impossibili per Doctor Who anche dieci anni fa. Tuttavia, c’è qualcosa di semplicemente vuoto in tutto questo. Spyfall, Parte I è posizionato sia come premiere stagionale, uno speciale di Capodanno, sia il primo episodio di Doctor Who in onda da Resolution. E’ un nuovo inizio per la serie, ma sembra più un film che una serie tv.

Allo stesso tempo, è strano che Spyfall, Parte I, si senta come un evento slegato alla serie. Doctor Who è stato un appuntamento per le vacanze di Natale dal suo ritorno nel 2005, con Davies e Moffat che costruiscono una storia ogni anno a Natale. Episodi come The Christmas Invasion , The Runaway Bride , A Christmas Carol e Last Christmas sono stati tutti costruiti durante le vacanze. Chibnall ha evitato il Natale in favore del capodanno. Tuttavia, c’è molto poco in Spyfall, parte I, che sembra specifico per le vacanze in questione. Non c’è nulla che lo contrassegni come una storia “evento” , qualcosa che le famiglie o il pubblico possano guardare in un giorno speciale.

C’è qualcosa di leggermente deludente. Spyfall, Parte I apporta una serie di modifiche estetiche alla visione di Doctor Who di Chibnall, ritirandosi consapevolmente da alcune delle più audaci scelte stilistiche della prima stagione verso qualcosa di più in linea con le precedenti dieci stagioni del rinnovato Doctor Who. Ovviamente, è tornato il classico formato, una breve intro di pre-crediti dell’episodio che introduce la posta in gioco e la minaccia che guiderà la storia. La prima stagione l’ha evitato, a favore di un approccio più moderno di iniziare direttamente con la storia.

In effetti, Spyfall, Part 1 è ovviamente una serie di richiami al franchise di James Bond, unito a vari frammenti delle storie più vecchi di Doctor Who. La parte del navigatore satellitare ricorda The Sontaran Stratagem e The Poison Sky. La decisione di aprire la seconda stagione di uno showrunner con una storia in due parti ricorda The Impossible Astronaut e Day of the Moon. Anche il climax ambientato a bordo di un aereo in fuga evoca sia The Bells of St. John che The Zygon Invasion.

E senza dimenticarci del ritorno del Maestro. Ad essere sinceri, il ritorno del Maestro era inevitabile. Il Master è una parte iconica di Doctor Who. Non c’era modo che la sua morte in The Doctor Falls potesse essere definitiva. Il Maestro è stato il “miglior nemico” del Dottore per così tanto tempo che non c’era modo che la redenzione di Missy potesse durare. In effetti, la redenzione di Missy è tanto significativa per il fatto che il Dottore probabilmente non lo saprà mai. Moffat lo sapeva quando scrisse quel finale. L’ultima posizione di Missy diventa un esempio di virtù “in extremis”.

Quindi non c’è niente di sbagliato nell’idea di riportare indietro il Maestro, e certamente nulla di sbagliato nel riportare il Maestro come “miglior nemico del Dottore”. Avrà sempre successo, ed è stranamente in linea con la storia e la funzione del personaggio che dovrebbe semplicemente riapparire con un contesto o una configurazione minima, per non parlare del riconoscimento delle ramificazioni della sua precedente avventura. Sia Russell T. Davies che Steven Moffat hanno avuto la possibilità di mettere i propri timbri sul personaggio, è giusto che Chris Chibnall abbia la stessa opportunità. Ogni cambiamento di rigenerazione e showrunner è un riavvio graduale. Come dovrebbe essere.

Allo stesso tempo, c’è qualcosa di scoraggiante nel ritorno del personaggio. Più specificamente, c’è qualcosa di scoraggiante nel senso che Spyfall, Parte I vuole che il pubblico tratti il ​​ritorno del Maestro come un grosso problema. Il Master è stato assente solo per una sola stagione. Il personaggio era una minaccia ricorrente sia nell’ottava che nella nona stagione, e una guest star ricorrente durante la decima stagione. Quel finale di stagione presentava due incarnazioni del Maestro in guerra tra loro, un evento in miniatura di se stesso. Il ritorno del personaggio nella premiere della dodicesima stagione non è qualcosa su cui lo spettacolo può pretendere un cliffhanger.

Per essere onesti, Sacha Dhawan fa un buon lavoro. Domina la scena, probabilmente muovendo la sua interpretazione del Maestro come specchio deformato dell’undicesimo dottore di Matt Smith – che contrasta l’interpretazione di Jodie Whittaker sul decimo dottore di David Tennant. Interpretato da Dhawan, il Maestro diventa una grande palla di energia maniacale – la sua bocca si muove quasi alla stessa velocità della sua mente. In effetti, a detta dello stesso Chibnall, adora scrivere il personaggio.

Tuttavia, c’è qualcosa di vagamente vuoto in tutto questo. La prima stagione di Chibnall ha evitato molto consapevolmente di usare mostri ricorrenti. I risultati non hanno sempre avuto successo, ma l’approccio è stato rinfrescante. Si sosteneva che Davies e Moffat fossero diventati eccessivamente dipendenti dai vecchi mostri, e quindi c’era bisogno di una pausa. Il ritorno dei Dalek in Risoluzione sembrò un grosso problema, in gran parte perché furono i primi a tornare.

Chibnall ha detto che la sua seconda stagione sarà la stagione del ritorno dei mostri. Le foto pubblicitarie hanno chiarito che i Judoon riappariranno. E ci sarà anche il ritorno dei Cybermen. Le foto trapelate suggeriscono che i cattivi più iconici dello spettacolo torneranno in massa. È impressionante che il team di produzione sia riuscito a mantenere la sorpresa sul ritorno del Maestro, ma si sente in qualche modo un surplus rispetto al quadro generale. Nel contesto di una stagione che presenta sia grandi storie di Dalek che grandi storie di Cyberman, una grande storia del Maestro sembra superflua.

La rivelazione del Master in Spyfall, Parte I è frustrante per una serie di ragioni. Più ovviamente, è forse l’espressione più ovvia del ritiro dell’episodio lontano dall’estetica distinta della stagione precedente verso qualcosa che sembra più un “generico Doctor Who”. Ci sono stati molti problemi con la prima stagione di Chibnall come showrunner, ma le sue scelte stilistiche più audaci non erano tra queste. Sembra che Spyfall, Parte I abbia erroneamente diagnosticato i problemi con la stagione precedente e ritiene che possano essere risolti con semplici correzioni estetiche che rendono lo spettacolo più vecchio stile.

L’altro grosso problema con la reintroduzione del Maestro è che oscura gli aspetti più interessanti dell’episodio. Spyfall, Parte I ha molto da fare. È chiaramente costruito come un omaggio a James Bond. Il titolo allude chiaramente a Skyfall, così come il cecchino nella scena di apertura e il dispositivo di trama che coinvolge “una serie di attacchi agli agenti dell’intelligence in tutto il mondo”. Gli alieni che si rivelano in varie località internazionali ricordano The Spy Who Loved Me. Daniel Barton ricorda Elliot Carver di Tomorrow Never Dies. La sequenza dell’imbarco su un aereo in movimento ricorda persino Mission: Impossible – Rogue Nation.

Per essere onesti, c’è un modo in cui il Maestro si adatta molto, ovviamente, all’interno del modello di Spyfall, parte I . Il modo di scrivere di Chibnall su Doctor Who è fortemente influenzata dal mandato del produttore Barry Letts, un’era che è stata in gran parte definita dal lavoro di Dicks come sceneggiatore. Il Doctor Who di Chibnall è decisamente più “stabile” di quello di Andrew Cartmel, Russell T. Davies o Steven Moffat, e c’è una considerevole sovrapposizione tra il Tredicesimo Dottore e il Terzo Dottore.

Spyfall, Parte I si appoggia a quello. Sembra un po’ un richiamo troppo evidente all’era Pertwee. L’avventura è ambientata sulla Terra, come gran parte delle prime tre stagioni di Jon Pertwee. L’avventura si concentra su una strana invasione aliena, come gran parte delle prime tre stagioni di Jon Pertwee. Il Dottore deve lavorare con l’establishment politico per contrastare quell’invasione, come ha fatto ripetutamente tra Spearhead from Space e The Three Doctors. Il Maestro si coinvolge anche nella vicenda, anche se si sente in eccedenza rispetto ai requisiti, come ha fatto ripetutamente durante l’era Pertwee (è apparso in ogni storia della seconda stagione di Pertwee).

Questo è forse l’argomento più forte a favore dell’estetica generale dell’era Chibnall che serve in modo equivalente a quello che Barry Letts ha fatto con lo spettacolo nei primi anni settanta. Spinge lo spettacolo in avanti in senso tecnico, consolidandolo come fenomeno culturale. Barry Letts e Terrance Dicks hanno portato Doctor Who nel mondo della televisione a colori mentre imprimevano una versione del personaggio che sarebbe rimasta nella memoria popolare per decenni. Non era l’iterazione più forte, più audace o più coerente internamente dello spettacolo, ma era dichiaratamente populista.

Si potrebbe dire che l’era Chibnall stia facendo qualcosa di simile. Offre un aggiornamento alla trama e agli aspetti tecnici di Doctor Who, offrendo una versione dello spettacolo che è forse meno impegnativa e più accessibile rispetto alla serie dal suo ritorno in televisione nel 2005. È spudoratamente e apologeticamente popolare. Spyfall, Parte I è ovviamente una gigantesca lettera d’amore al franchise di James Bond mesi prima dell’uscita di No Time to Die come La Donna che cadde sulla Terra sembravava puntare sul fatto che Predators fosse un successo più grande in quel momento.  Risoluzione sembra essere un sogno febbrile in omaggio a Venom.

Ci sono alcuni elementi interessanti all’interno Spyfall, parte I. Il più ovvio è che Tredicesimo dottore sia diventato un po’ più diffidente nei confronti delle istituzioni. Questo è un gradito cambiamento dato il rifiuto del personaggio di combattere il razzismo sistemico in Rosa, il suo amichevole rimpianto di Lord Mountbatten in  Demoni del Punjab e il suo affetto per Amazon in Kerblam!. In particolare, non collabora con MI6 con entusiasmo, ma viene trascinata nella storia e quindi decide di perseguire di propria iniziativa usando le risorse dell’MI6.

Più precisamente, l’inganno del Maestro funziona solo perché il Dottore si fida completamente di lui e del sistema in cui opera. Presentando O al resto dell’equipaggio del TARDIS, il Dottore spiega: “L’ho incontrato una volta, ma sembrava davvero simpatico”. Sembra un giudizio di carattere altamente discutibile di qualcuno che lavora nello spionaggio, ed è bello che Spyfall sottolinei la mancanza di sano scetticismo da parte del Dottore. Anche quando scopre che O è una bugia, non è abbastanza acuta da mettere insieme i pezzi. O deve spiegarglielo. Non c’è momento di realizzazione.

Anche in questo caso, è troppo presto per trarre conclusioni da Spyfall, parte I. La storia non si è ancora conclusa, figuriamoci per la stagione più ampia. È possibile che queste piccole scelte non siano il riflesso di alcun intento autoritario consapevole, ma semplicemente il flusso necessario della storia che Chibnall sta cercando di raccontare. Forse è troppo tentare di leggere il significato in una storia che si sta ancora svolgendo, ma le piccole cause dell’ottimismo sono meglio di niente. Come tale, c’è qualcosa di molto intelligente e indicato nel modo in cui i misteriosi alieni si manifestano nell’ufficio di C, assumendo parte della trama degli oggetti attraverso i quali passano.

Doctor Who di Chibnall è decisamente meno palese nella sua politica rispetto a Andrew Cartmel, Russell T. Davies o Steven Moffat. Anche quando la politica dell’era Chibnall risplende, tendono ad essere più conservatori di quelle dei tre precedenti showrunner. Tuttavia, c’è qualcosa di molto evocativo nell’idea che il Dottore e i suoi compagni vengano attaccati al quartier generale dell’MI6 da alieni marchiati con una bandiera dell’Unione e il volto della regina Vittoria.

È interessante notare che Skyfall, parte I, raddoppia su una delle idee più interessanti in Risoluzione, che le vecchie istituzioni con le quali il Dottore ha lavorato – o fondato – sono tutte scomparse. All’inizio dell’episodio, C avverte il Dottore, “UNIT. Perfino Torchwood. Se ne sono andati tutti. ” Anche se potrebbe essere troppo leggerlo come un’analogia al nostro mondo, c’è qualcosa di deliziosamente ironico nell’implicazione che l’MI6 non è riuscito a riempire completamente la lacuna di sicurezza lasciata dallo scioglimento di tali organizzazioni. Dopotutto, questa è una nazione che ha votato per la Brexit senza avere idea di come gestirla.

Certo, Spyfall, la parte I è solo la prima parte di due. Probabilmente è troppo presto per trarne delle conclusioni. Se questa apertura a due parti deve fornire una dichiarazione di intenti per la stagione che seguirà, questo è un buon inizio. Leggi qui la parte 2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close