AttualitàScienza

SPILLONE, tanti auguri per i tuoi 62 anni

Il 4 marzo è un giorno speciale per gli appassionati di aviazione:

SPILLONE, tanti auguriOggi lo SPILLONE, nome con il quale è conosciuto in Italia il “Lockheed F-104 Starfighter”, compie infatti 62 anni.
Questo straordinario velivolo è stato (e probabilmente rimane) uno dei più grandi Caccia Intercettori di sempre. Dal lontano 4 Marzo 1954, data in cui si si alzò in volo per la prima volta, lo SPILLONE ha, infatti, collezionato una serie impressionante di  record militari:

da quelli di velocità, è stato il primo aereo a superare la velocità di Mach 2.0, fino a quelli di quota, tanto da essere l’aereo  scelto dalla NASA (l’ente spaziale statunitense) per l’addestramento dei propri astronauti.

In Italia, come detto, lo SPILLONE è un mito, amato e rimpianto da intere generazioni di piloti, di specialisti e di appassionati. Ha prestato servizio in forza all’Aeronautica Militare Italiana dal 1963 fino al 2005 e l’Italia, tra gli innumerevoli utilizzatori, è stato l’ultimo paese a “mandarlo in pensione”.

Nei lunghi anni di servizio lo SPILLONE si è guadagnato, oltre al rispetto di chi lo pilotava, anche la fama di aereo “difficile”, poco o per nulla propenso a perdonare gli errori di pilotaggio o le “avventure” fuori dei suoi parametri di volo (ne sono testimonianza, purtroppo, i numerosi incidenti che hanno costellato la sua vita operativa):

SPILLONE, tanti augurii soprannomi poco lusinghieri di “bara volante” o “fabbrica di vedove”, coniati dalla stampa appositamente per lui, riflettono bene questa caratteristica di aereo che richiedeva al pilota di essere trattato come un cavallo di razza e con tutto il rispetto che un “missile con le ali” (altro soprannome dell’aereo) richiede per essere  pilotato e, soprattutto, riportato a terra.

Ricordo con la nostalgia di un bambino il boato che accompagnava il volo dello SPILLONE e ne ricordo le evoluzioni.

Si era negli anni ’70 ed era di prassi sentirli passare sopra la testa in volo supersonico e vederli, rigorosamente in coppia, provenienti dalla base di Grosseto o di Rimini, sorvolare a bassa quota la campagna e le città della Toscana, dove vivevo.

SPILLONE, tanti auguriProprio parlando con uno dei piloti del “Quarto Stormo Caccia” di Grosseto, ho sentito la sua profonda nostalgia per lo SPILLONE:

nonostante il privilegio di poter volare con una “bestia” (parole sue) come l’EUROFIGHTER, rimpiangeva il 104 che “doveva essere pilotato e non perdonava nulla” (sempre parole sue).

Oggi lo SPILLONE, nonostante i suoi 62 anni, vola ancora, anche se non più in servizio operativo:

esiste, infatti, negli Stati Uniti una formazione di TF-104 restaurati e rimessi in condizioni di volo, usata in esibizioni e air-show. La cosa che lascia noi appassionati italiani con un po’ di amaro in bocca è che nonostante tutti i velivoli di questa “pattuglia” siano aerei costruiti in Italia su licenza, forse non li vedremo mai più volare sui nostri cieli.

In ogni caso, ancora tanti auguri, SPILLONE.

Back to top button