Scienza

Sonno del neonato, i consigli per la nanna e per il suo benessere

Nella maggior parte dei casi, il sonno del neonato non è regolare e ogni notte si svegliano più volte. Gli esperti evidenziano che nei primi cinque anni, il sonno dei bambini è interrotto da alcuni risvegli notturni fisiologici con frequenze differenti.

Ogni bambino ha un carattere che si sta formando, così come le sue preferenze per il sonno e anche per l’abitudine che dovrà prendere man mano. I piccoli passano molto tempo nella fase REM ed è facile che si svegli più volte, così come i suoi genitori.

A tutto questo si aggiungono le variabilità individuali, perché ci sono persone alla quale bastano poche ore di sonno e altre che necessitano di una lunga notte riposante. Insomma, bisogna armarsi di pazienza e fare attenzione ad alcuni fattori che possono aiutare a ritrovare il sonno notturno del bambino.

Come si regola il sonno del neonato?

Un bambino che si sveglia frequentemente durante la notte è del tutto nella norma. Come anticipato, la fase REM è più lunga per questo motivo vengono invitati a svegliarsi per fame, rumori, noia o perché non ha ancora compreso come gestire il suo sonno/veglia.

Soprattutto durante le prime settimane, il bambino deve trovare il suo ritmo tra pappa e nanna. I genitori dovranno avere pazienza e conoscere le esigenze personali del bimbo, modificandole ove possibile.

Ci sono poi tanti pareri contrastanti su cosa fare quando il piccolo si sveglia di notte, non per mangiare. Alcuni esperti invitano a non prenderlo in braccio per non viziarlo, altri invece sostengono questa teoria perché il contatto con i genitori lo tranquillizza. Qualsiasi sia la scelta di un genitore è sicuramente quella giusta, perché fatta con amore e attenzione al benessere del bambino.

Cosa interferisce e aiuta il sonno dei neonati?

Nonostante gli studi e le supposizioni, non esiste una magia che possa andare bene a tutti i bambini. Ogni famiglia troverà il proprio modo di affrontare la notte ed equilibrare il sonno dei bambini. Tuttavia, ci sono alcuni fattori che possono migliorare – o interferire – con il sonno dei neonati come l’eruzione dei dentini, fame improvvisa, rumori o malattie.

Da tenere in considerazione sin dal primo giorno che il neonato arriva a casa:

  • La posizione per fare nanna

Nei primi mesi della sua vita, il neonato andrebbe messo a dormire sulla schiena. Anche se alcuni lo preferiscono, meglio non lasciarlo a pancia in giù o sul fianco;

  • Lettino sicuro

Il materassino è rigido e non c’è cuscino fino a quando non cresce. Adottare dei paracolpi per la culla e lasciare sgombro dai vari giocattoli. A seconda della stagione preferire piumini e lenzuola leggeri, con abbigliamento comodo per muoversi liberamente;

  • Fumo di sigaretta

Nella camera dove dorme il bambino è meglio che non ci sia del fumo di sigaretta. Il bimbo non dovrebbe mai essere esposto a tale odore, ma nella sua camera dovrà esserci un buon profumo e ricircolo continuo di aria;

  • Temperatura della stanza

La temperatura ideale della camera è 20°, in estate e in inverno.

Leggi anche:
I consigli più pratici per crescere bambini intelligenti
Inglese per bambini – Come farlo bene
Cani di taglia piccola e il loro rapporto con i bambini
Ricomincia la scuola, ecco quali gadget possono aiutare i tuoi bambini

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.
Back to top button