Cinema, Film e Serie Tv

Somewhere Over The Rainbow cantata nella lingua dei Klingon

Video a fine articolo

Vi siete mai chiesti come suonerebbe Somewhere Over The Rainbow in lingua Klingon, l’idioma ideato dall’omonima razza aliena di Star Trek? Beh, c’è chi l’ha fatto e ne ha ricavato una cover quanto mai originale.

La versione ideata da The Klingon Pop Warrior

Molti di voi avranno certo un ricordo ben diverso dal brano che stanno per ascoltare.

La popolare canzone Somewhere Over The Rainbow, colonna sonora del celeberrimo The Wizard of Oz, è stata musicata da Harold Alern, sulle parole di E.Y. Harburg.

Nel film, una tenera Dorothy Gale, alias Judy Garland, tutta codini e fiocchetti, canticchia il brano immaginando di trovarsi in un mondo ideale, dove tutti sono felici.

Più creativa, e decisamente meno stucchevole, è la versione di Jennifer Usellis-Mackay, attrice e cantante meglio nota come The Klingon Pop Warrior, oltre che membro del Klingon Language Institute.

L’artista ha dichiarato di essersi totalmente innamorata degli extraterrestri dalle fattezze umanoidi di Star Trek e della loro parlata, dopo aver visto lo spettacolo A Klingon Christmas Carol.

Il classico natalizio è stata la prima rappresentazione teatrale ad essere totalmente messa in scena in lingua Klingon, nell’ormai lontano 2007.

Somewhere over the Rainbow alternativo

The Klingon Pop Warrior ha cantato la versione di Somewhere Over The Rainbow in klingon in occasione di Improvised Star Trek, un format che esplora le nuove forme di comedy riguardante l’universo della serie ideata da Gene Roddenberry, sia in podcast che dal vivo.

Ad accompagnare la splendida voce di Jennifer Usellis-Mackay, il suono della chitarra di The Red Shirt a.k.a. Joe Mizzi.

La traduzione del testo in lingua klingon, invece, è a opera di Admiral qurgh, ovvero Christopher Lipscombe.

Durante l’esibizione, il pubblico ha dimostrato il proprio apprezzamento con sonore e fragorose risate, specialmente in occasione della pronuncia di suoni aspirati e decisamente inconsueti, che hanno reso la cover di questo brano tutto fuorché poetica!

Leggi anche:
Patrick Stewart elogiato per l’interpretazione di Jean-Luc Picard: è la stella polare della nuova serie di Star Trek

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close