Humor e VarieScienza

Soli nell’universo? No, ci sono i microbi marziani

Finalmente oggi vi darò qualche buona notizia.

La prima è che pare le forze paramilitari francesi siano vicine alla cattura dei maggiori sospettati dell’attentato al Charlie Hebdo. Sono questi due bei faccini qua in mugshot:

912346-763c1ea8-9727-11e4-9bd9-740a91fb6db7I fratellini Said e Cherif Kouachi, rispettivamente 34 e 32 anni, sono i ricercati numero uno a causa del loro curriculum già macchiato con diverse rapine e sciocchezzuole varie. Se dovessero essere stati loro (e credo proprio sia così) non mi sorprenderebbe molto. E’ chiaro che si tratti di meri delinquenti e non idealisti di religione. Al momento, Thelma e Louise, sono in viaggio verso la libertà, fuggiaschi mentre la polizia trafuga i vari lancia granate e le molotov trovate nella loro abitazione. Intanto fermato anche un giovanotto in gamba di 18 anni, Hamyd Mourad, probabile complice degli assassini.

Bene, torniamo alle solite notizie poco serie de il Bosone!

Siamo soli nell’universo? No, e da dove veniamo? Come si è formata la vita? Chi l’ha creata? Ma soprattutto… perchè non trovo mai parcheggio se lo spazio è in continua espansione?

Alla NASA mi avrebbero risposto più o meno così:
NOOOO, non siamo soli!!! Sono 20 anni che ve lo diciamo, perchè non ci crede nessuno?!?! Ci avete scambiato per Mulder e Scully di X-files?!?

Lo sfogo sarebbe anche giustificabile dato che i cervelloni dietro il rover Curiosity sfornano prove dietro prove che in realtà basterebbero già per dimostrare che la vita potrebbe aver luogo al di fuori del nostro pianeta senza troppe complicazioni.

Il problema è che si tratta sempre di dati così minuti che al di fuori del contesto strettamente scientifico perdono la quasi totale attenzione dei media. Parliamo quindi di cosa è successo giusto qualche giorno fa.

Uno studio pubblicato durante settimana corrente sul giornale “Astrobiology” ha mostrato alcune immagini di “rocce marziane”. Ma non rocce normali bensì sassi che se osservati da un geologo susciterebbero questa reazione:<<wow, ma su questa pietra ci sono impronte di microbi ancestrali che probabilmente hanno popolato il letto di un fiume o di un lago!>>

894393-82d6a41c-96a5-11e4-985a-7acd3b83aa30

Sembra poco, ok, ma accontentatevi una buona volta! La scoperta rimane comunque un importante punto di riferimento per il prosieguo della missione.

Vi ricordo che i laghi di qua hanno le scorie radioattive invece che dei microbi, non farei tutta questa ironia…

Fonte notizia: qua

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close