Scienza

La Sirenetta nera: per una biologa, Ariel ha un perfetto senso scientifico

Sicuramente, anche per errore, vi sarete imbattuti nelle polemiche a sul remake live action della Sirenetta.
Come tutti ricordiamo, nella pellicola originale la sirenetta era bianca e dai capelli rossi mentre nel remake, intrepretato da Halle Bailey, la protagonista è nera; questa scelta ha fatto infuriare molti fan.

La polemica nasce dal fatto che non hanno voluto rimanere fedeli al film di animazione, affermando pure che Ariel non può essere altro che bianca essendo un essere marino che non vede quasi mai la luce del sole; queste polemiche lasciano ovviamente il tempo che trovano ma a controbattere ci aiuta direttamente la scienza.

La Sirenetta Ariel nera? Ha un fondamento scientifico

La biologa Karen Osborn spiega a BuzzFeed come sia scientificamente corretto che Ariel sia scura essendo una creatura che vive in fondo all’Oceano.

Ci spiega come in acque poco profonde le creature marine siano tendenti spesso al blu perché spesso riflettono il cielo sopra di loro, altri invece sono dotati di squame specchiate che fungono da sistema di mimetizzazione.

Andando in profondità la situazione cambia, le creature assumono una pigmentazione di un rosso profondo, ma non solo molti sono pure marroni o di un nero estremamente intenso; pigmentazione vantaggiosa sia per le prede che per i predatori essendo dei colori che assorbono la luce.

Essere neri, prosegue, è dunque un ottimo camuffamento, una volta scesi sotto i 300 metri diventa davvero buio e la quantità di organismi bioluminescenti aumenta, l’86% di essi sono tali in funzione della ricerca di prede.

Alcuni di loro, come la rana pescatrice, sono dotati di esche bioluminescenti che attirano la preda a sua volta divorata dal predatore, è perfettamente plausibile che se una preda non voglia farsi vedere debba assorbire quella luce attraverso la sua pigmentazione.

Concludendo, la biologa afferma che idealmente parlando, le sirene dovrebbero essere trasparenti per poter sopravvivere alle varie avversità dei differenti habitat marini.
La scienza, dunque, ci fornisce una risposta chiara. Ovviamente la disputa tra i fan continua, chi rimane fedele all’originale e chi invece non intacca la scelta dell’attrice. Voi cosa ne pensate?

Leggi anche:
Gargoyles Disney: remake di Serie TV, Videogioco e Live Action in arrivo!
Ironheart, anticipazioni della nuova serie Disney Plus
Raya e l’ultimo drago: un’impressione sul film Disney (RECENSIONE)

Matteo Nakhil

Ciao a tutti! sono Matteo Nakhil ho vent'anni e da che ne ho memoria sono appassionato di gaming, fumetti, serie tv e di qualsiasi cosa circoli nel mondo Nerd! Al momento studente universitario di Padova, adoro scrivere e disegnare, e spero un giorno poter lavorare nel mondo dell'editoria!
Back to top button