Attualità

Shockdom: il comunicato dopo l’aggressione allo stand

La redazione unita nel dire no a chi soffoca con la 'Coca-Cola' la libertà di satira

A seguito dei fatti avvenuti nella giornata di ieri al Romics, dove sono state danneggiati volontariamente le copie di ‘Qvando C’era LVI‘, fumetto satirico di Daniele Fabbri e Stefano Antonucci che rivede in chiave ironica la figura di Mussolini ed il Fascismo, noi dello redazione del Bosone.com ci schieriamo a sostegno della casa editrice e degli autori stessi. Prossimamente il nostro periodico online pubblicherà ulteriori approfondimenti legati alla vicenda ed allo stesso fumetto. Qui di seguito potrete leggere il comunicato stampa ufficiale emesso che troverete anche sulla pagina di Facebook della Shockdom.

«Domenica 10 Aprile, nel tardo pomeriggio, durante la manifestazione Romics 2016, tre uomini si sono avvicinati allo stand Shockdom, con una videocamera. Uno di essi, fingendo un inciampo, ha versato della coca cola su alcuni volumi. Nel momento in cui gli standisti si sono avvicinati per pulire le copie, queste tre persone hanno iniziato a lanciare alcune pubblicazioni contro lo staff riprendendo il tutto con la videocamera. Nel fare questo hanno chiesto del fumetto “Quando c’era LVI”.
Un visitatore presente in quel momento allo stand, anche lui bersaglio del lancio delle copie, ha risposto che il fumetto era finito, invitando con tono deciso le tre persone ad andare via. Gli eventi si sono svolti molto velocemente, per cui lo staff, colto di sorpresa e anche intimorito dal comportamento dei tre uomini, non ha avuto tempo e modo di fare loro fotografie e/o riprese.
Per fortuna non ci sono stati scontri fisici e quindi nessuna conseguenza per le persone. La casa editrice ringrazia lo staff presente per il proprio comportamento che non ha ceduto alla provocazione ricevuta.
La polizia è subito intervenuta raccogliendo testimonianze e prove dell’avvenuto. Shockdom ringrazia l’organizzazione del Romics per il supporto avuto, consapevole che un fatto come questo non sia prevedibile da parte della sicurezza di un evento.
I danni ai volumi sono stati valutati tra i cinquecento e i mille euro.
Shockdom sporgerà denuncia contro ignoti».

La posizione di Shockdom.

«Shockdom è una casa editrice indipendente e pubblica fumetti, anche di satira. La pubblicazione di “Quando c’era LVI” di Daniele Fabbri e Stefano Antonucci ha scatenato forti reazioni, specie sul piano dialettico e mediatico, come è giusto che sia. Siamo in un paese democratico, in cui vige la libertà di parola ed espressione. Probabilmente l’argomento di cui tratta l’opera, il fascismo e il Duce, è ancora un nervo scoperto per una parte degli italiani e l’emotività può portare a comportamenti non leciti. Shockdom è aperta a qualunque opera di qualità, indipendentemente dal colore politico, dal credo religioso, dall’appartenenza etnica e siamo da sempre disponibili al confronto purché rientri nella discussione aperta e costruttiva e ovviamente nell’ordine della legalità.
La pubblicazione dei quattro numeri di “Quando c’era LVI” andrà avanti con la programmazione già definita e non subirà rallentamenti o modifiche».

Source
Shockdom

Lucia Anselmi

Nata e cresciuta in Toscana sopravvive in attesa della tesi di laurea nel ridente paesino di Casola in Lunigiana, che ha ribattezzato con l’allegro nomignolo di Melancholia. Negli anni ha sviluppato notevoli dipendenze per le serie tv, i film di Lars Von Trier e i fumetti Marvel. Dopo aver confutato l’inestienza effettiva della scuola per mutanti del professor Charles Xavier, ha deciso di buttarsi nel mondo del giornalismo dove sta terminando il praticantato da pubblicista.
Back to top button