Internet e Dintorni

Il segreto del famoso meme del duct-tape gamer svelato da un documentario

Foto a fine articolo

I social network aiutano a diffondere una gran quantità di immagini, alcune di queste passano alla “storia” e diventando famose ovunque anche se, spesso, la loro storia rimane oscura e segreta (tranne nel caso di Success Kid che abbiamo debunkato con successo). Il meme del gamer appeso al soffitto, è una di queste immagini. La fotografia ritrae un ragazzo intento a giocare al PC, letteralmente appeso ad una trave con del nastro adesivo. Oggi un documentario svelerà il retroscena di quella fotografia diventata famosa tra i giocatori della rete.

La storia dietro al gamer nastrato al soffitto

Nel 2003, internet era agli albori, i computer erano apparecchi grandi e lenti. I gamers nascono molto presto nel mondo del virtuale, inizialmente si trattava di studenti universitari che avevano accesso a molti computer e che potevano collegare tra loro creando dei “LAN party“.

In quel periodo, i giochi più utilizzati erano Command & Conquer Renegade, Red Alert 2 e Starcraft ma c’erano anche molti sparatutto storici come Call of Duty e Counter Strike. Nel frattempo, faceva la sua apparizione anche Battlefield 1942, a cui, però, potevano accedere in pochi perché richiedeva più RAM di quanta se ne trovasse sui PC maggiormente in uso. Il 29 marzo del 2003, Drew Purvis si ritrovò con gli amici a Mason, in Michigan per giocare a Counter-Strike e finì per ritrovarsi appeso ad una trave dove gli fecero la foto che lo avrebbe reso famoso col nome di “duct-tape gamer“. Su quella foto sono nate molte leggende metropolitane e molti si sono spacciati per gli autori di quelle gesta.

Oggi, Purvis e Brian Schaeffer, autore della foto sul videogiocatore appeso, saranno i protagonisti di un documentario che ci racconterà quella prodezza.

Non si tratta di un segreto“, ha dichiarato Schaeffer “Ma buona parte del divertimento è vedere la foto spuntare su internet e tutte le storie che le persone si inventano, ‘Oh sì, conosco quelle persone’. No, non è vero! Era una piccola città, un piccolo gruppo di amici e un giorno divenimmo letteralmente folli.

Era ancora mattina e le persone era già abbastanza sbronze“, ha dichiarato Nick Wellman, un altro giocatore presente.”C’erano circa dieci persone e stavamo giocando a tre o quattro giochi diversi. Tyler si è guardato attorno e ha detto ‘Penso che possiamo legare qualcuno a quella trave’“.

duct taped gamer
Lo scatto leggendario

Quindi hanno recuperato il materiale e legato Drew al soffitto. Al primo tentativo, il nastro adesivo ha ceduto dopo 10 minuti, quindi si sono organizzati con cuscini e maggior nastro adesivo e Drew è rimasto appeso al soffitto per circa due ore, poi, a causa del caldo, è sceso. Questa foto ci riporta ad un periodo che non esiste più, molto lontano dal modo di giocare di oggi (e dal modo di essere gamer) e per questo provoca un po’ di nostalgia.

La data di uscita del documentario non è certa, ma potrebbe essere il 29 marzo 2020, giorno in cui la foto compirà 17 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close