Cultura e Società

Samhain, la vera storia di Halloween

Siamo ormai vicini ad una delle feste più popolari degli ultimi tempi e ho così deciso di accompagnarvi in questa attesa con una rubrica dedicata alle origini dei miti e dei mostri maggiormente temuti!

Ma per prima cosa, quanti di voi in realtà conoscono la vera genesi di questa festa?
Forse lo sapete già ma Halloween è una tradizione che non è nata negli USA ma affonda le sue radici nel periodo celtico, antico popolo delle isole britanniche, nello specifico dell’Irlanda.

La vera storia di Halloween è legata in qualche modo ai cambi di stagione che i celti credevano fossero principalmente due: Beltane (corrispondente di primavera ed estate) e Samahin (autunno e inverno).
L’anno nuovo veniva collocato al primo giorno di novembre con l’arrivo del nostro autunno. Il passaggio coincideva anche con l’inizio della stagione fredda e cioè Samhain, festa caratterizzata dal colore arancione (che ricordava la mietitura) e dal nero che simboleggiava il buio dell’inverno.

ZUCCA

Per i Celti questo periodo era magico poichè essi credevano che quello era il momento dell’anno in cui il velo tra il mondo dei vivi e quello degli spiriti diventava ancora più sottile: i vivi potevano comunicare con i morti, ed i morti ritornavano sulla terra; essi credevano, inoltre, che esseri magici fossero ben visibili in questo periodo e spesso si pensava che tali creature fossero ostili agli uomini, poiché questi occupavano le loro terre.

Durante la notte, le creature vagavano nel mondo per attirare gli umani e portarli allo smarrimento verso realtà incantate, dove sarebbero rimasti intrappolati per sempre.
Ma i vivi, per scoraggiarli, rendevano le loro case poco accoglienti, spegnendo i fuochi nei camini, e mascherandosi da mostri orrendi.

I Romani conquistatori cercarono di cristianizzare l’Irlanda e le altre isole celtiche.
Divenne però chiaro alla Chiesa, molto presto, che i Celti, nonostante la loro apparente sottomissione continuavano ad aderire testardamente ad alcuni elementi del loro vecchio credo. Così, nel settimo secolo d.c. la Chiesa spostò il giorno di Ognissanti, (in onore dei primi martiri) da maggio al primo novembre, in modo da unirla agli antichi rituali celti del 31 ottobre, e si impadronì anche di molti dei simboli residui associati al Samhain assegnando a questi nuovi significati.
Si consolidò così la tradizione di celebrare il giorno di Ognissanti durante i riti di inizio dell’autunno ma senza successo, perchè si ottenne l’effetto contrario e cioè quello di rafforzare l’associazione del periodo di lutto agli antichi miti delle lande irlandesi.
Lo Spirito della festa, però, si trasformò con il passare del tempo: questi spiriti, considerati prima potenti creature magiche divennero simbolo di male e diavoleria. La chiesa affermava, infatti, che gli dei e le dee e tutti gli altri esseri soprannaturali delle religioni antiche fossero di impronta diabolica, che le forze spirituali con cui le persone venivano in contatto erano vere, ma che costituivano delle manifestazioni del diavolo, che conducevano l’uomo all’adorazione di falsi idoli.
A questo si deve la presenza, durante le celebrazioni per Halloween, di rappresentazioni di fantasmi, scheletri, simboli della morte, del diavolo e di altre creature maligne, come le streghe.

da-Le-streghe-di-Salem-a-Il-grande-e-potente-Oz-10-streghe-al-cinema-9

La vera storia di Halloween quindi  smentisce che tali credenze arrivino dall’America, infatti la festa di Halloween è arrivata negli USA molto più tardi, solo a metà ottocento, portata dagli emigranti irlandesi.

È così che nasce la tradizione per cui il 31 ottobre ci si traveste, e si decorano le case con scheletri di carta e zucche dal ghigno satanico, e piccoli gruppi di bambini, accompagnati dai genitori, fanno visita a tutte le case del vicinato pronunciando la fatidica domanda: “Dolcetto o scherzetto?” (Trick or Treat?).

DISNEY HALLOWEEN

La vera storia di Halloween, inoltre fa capire che la celebre frase non abbia origine dai celti ma da una pratica europea che vuole che nel giorno di Ognissanti (All Hallows Eve in inglese da cui deriva Halloween), i primi Cristiani vagassero di villaggio in villaggio elemosinando un po’ di dolci in cambio di preghiere in suffragio dei parenti defunti la cui ricorrenza era il giorno dopo, il 2 Novembre.

 

Al prossimo articolo per altre curiosità legate ai mostri che compongono il lore della festa! Continuate a seguirmi!

laura

Nata tra i “monti” dei castelli romani si è avvicinata sin da piccola alla fotografia improvvisando set dove fratelli e cugini venivano usati come modelli. Fortunatamente per tutta la parentela, con il passare degli anni, la sua attenzione si è spostata verso un’altra fonte di ispirazione: il mondo del Cosplay. La piccola Laura cresce tra uno scatto e l’altro e nutrendosi esclusivamente di pane e playstation! I suoi obiettivi: Finire Ghost Recon! Immortalare eventi e sperimentare con la grafica. Creare montaggi video mozzafiato! Ce la farà?
Back to top button