Scienza

Ritrovata in Messico una maschera in pietra verde del tutto simile a quella del film The Mask

Vi ricordate The Mask? Sì, il film irriverente il cui protagonista, uno sfumeggiante Jim Carrey, indossava incautamente un’antica maschera verde trasformando il suo aspetto e la sua personalità in qualcosa diInsolito. Beh, qualcosa di altrettanto insolito lo ha anche questo ritrovamento. Ma partiamo dall’inizio.

The Mask è tra noi?

Usando un tunnel lungo circa 120 metri scavato dagli archeologi negli anni ’30 all’interno della ‘Piramide del Sole‘, una piramide antichissima di quasi 2000 anni situata in Messico, il più grande edificio di Teotihuacan, nonché la più grande struttura del suo genere nell’emisfero occidentale, un gruppo di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia del Messico (INAH) hanno fatto una scoperta sorprendente: un raro scrigno di tesori. Hanno trovato frammenti di terracotta, ossa di animali, pezzi di ossidiana, tre piccole figure umane e quattro maschere, delle quali una straordinaria realizzata con una pietra verde chiamata serpentino datata più di 2000 anni fa.

the mask

Sebbene siano stati rinvenuti pochi reperti sul posto durante gli scavi nel 2011, la Piramide è stata studiata approfonditamente dagli archeologi che sono sicuri che sia stata costruita intorno al 100 d.C..

In ogni caso, il ritrovamento è stato unico nel suo genere: questo è infatti il primo nella zona e le maschere in particolare sono paragonabili ai ritrovamenti delle maschere mortuarie egizie. La maschera in serpentino in questione, in particolare, è estremamente realistica, il che fa pensare che, in questo caso specifico, si possa trattare più probabilmente di una sorta di ritratto. Purtroppo il sito è stato precedentemente ampiamente saccheggiato, quindi i reperti ritrovati non sono molti.

Sebbene abbiano dimensioni variabili, le maschere di Teotihuacan sono altamente standardizzate: la parte superiore della testa è sempre squadrata; il viso è trapezoidale con orecchie anch’esse squadrate, sopracciglia marcate, occhi aperti, naso prominente e bocca aperta con labbra carnose. Gli occhi e la bocca erano probabilmente intarsiati e i fori presenti nelle orecchie potrebbero essere stati decorati con ornamenti. Le maschere di Teotihuacan mostrano indubbiamente una lavorazione di alta qualità‘ spiega lo Smithsonian National Museum of the American Indian.

Poiché la maschera non presenta fori per gli occhi, si pensa che fosse utilizzata solo come decorazione, anche se sarebbe interessante scoprire cosa potrebbe succedere ad indossarla, magari proprio in questo insolito 2020.

Leggi anche:
Perù: ritrovata una cacciatrice di 9000 anni fa che suggerisce una certa “equità ancestrale”
Scoperto nuovo disegno tra le Linee di Nazca, gli archeologi trovano un enorme gatto
Un antico signore della guerra anglosassone è stato portato alla luce dagli appassionati di metal detector
Pompei: archeologi trovano il tesoro di uno “Stregone”?
Jim Carrey si lascerà crescere la barba per tutta la durata della pandemia e incoraggia gli altri a fare lo stesso

Back to top button