Humor e Varie

Un ristorante giapponese mette a tavola dei pupazzi giganti per rafforzare il distanziamento sociale

Trasformare una cosa brutta, come un obbligo dovuto a un male, in qualcosa di carino e divertente, è senza dubbio una buona dote. Ed è quello che sta accadendo proprio in questi giorni in un ristorante giapponese che ha deciso di aiutare il distanziamento sociale limitando le sedute al suo interno in un modo particolare. Come? Facendone occupare una buona parte da dei teneri enormi pupazzi.

Molti ristoranti ed altre attività sono alle prese proprio in questi giorni con le misure anti-covid per via delle tante riaperture. Sanificare totalmente gli ambienti prima e dopo l’uso è un esempio, ma anche limitare gli ingressi per permettere il distanziamento sociale che nei luoghi chiusi dovrebbe essere tale da permettere agli avventori di stare a quasi due metri l’uno dall’altro. 

Il ristorante giapponese con i pupazzi giganti

Impresa non facile in un ristorante, se non che stiamo parlando del Giappone; e i nipponici, si sa, hanno idee che penzolano tra la soglia della follia e della genialità, come ad esempio tentare di frenare il COVID-19 vietando le urla sulle montagne russe o facendoti mangiare il tuo pranzo accanto ad un gigantesco capibara di peluche

Accade presso il Forest Animal Restaurant Gibbontei, il più grande tra i ristoranti dello Izu Shaboten Zoo di Shizuoka.

Lo zoo in questione è famoso proprio per avere il un gran numero dei grossi roditori appena menzionati tra i suoi residenti, e di questo il ristorante si è chiaramente sempre fregiato.

Vi basti pensare che uno dei loro piatti più richiesti è il gustoso capyburger, un panino che ha la forma proprio di un capibara. 

Un capibara come amico

E proprio il sopracitato animaletto (che di “etto” ha poco, essendo il roditore più grande esistente al mondo e potendo raggiungere il ragguardevole peso di 60 kg – più di certe persone) è stato sfruttato in una nuova forma.

Perché togliere le serie quando puoi farle occupare ad un tenero peluche di capibara a dimensioni naturali (cioè quasi umane: parliamo di oltre un metro di lunghezza per 50-60 centimetri al garrese, dimensioni da fare invidia ad un cane da pastore tedesco e pericolosamente vicine a quelle di un alano)? 

S andate in Giappone, adesso, esiste un posto abitato da capibara in cui potrete mangiare un panino a forma di capibara seduti accanto ad un pupazzo di un capibara, dunque direi che se siete amanti dei capibara forse dovreste visitare il paese del Sol Levante (che potrebbe essere più facile di quanto pensaste, se veramente sarà possibile farlo a metà del prezzo normale come si sente dire in questi giorni) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close