Natura e Ambiente

Il riscaldamento globale sta alterando l’asse terrestre

Il cambiamento climatico, si sa, sta provocando problemi di una certa gravità al nostro pianeta e, tra questi, gli scienziati ne hanno individuato recentemente un altro, sicuramente da non trascurare: l’alterazione dell’asse terrestre.

Tale fenomeno non sembra essere del tutto nuovo. Già negli anni ’90 del secolo scorso gli scienziati avevano constatato lo spostamento dei poli della Terra, ma non se ne erano comperse le cause. Scoprirle è stato complicato per il mondo scientifico che oggi, tuttavia, ne è venuto a capo e può darci delle maggiori informazioni su questo fenomeno che va avanti già da 30 anni.

Il riscaldamento globale sta alterando l'asse terrestre

La rotazione della Terra sul suo asse è determinata, almeno in parte, dalla distribuzione del peso delle acque intorno al globo. Lo scioglimento dei ghiacciai e delle calotte glaciali, causato dal riscaldamento globale, avrebbe provocato una drastica variazione delle masse d’acqua, seguita dalla ridistribuzione delle stesse; ciò sarebbe alla base dell’alterazione del peso, principale causa della deriva dei poli nord e sud e, dunque, dell’alterazione dell’asse terrestre.

 A tutto ciò, pare si sia aggiunto anche il pompaggio di acqua da serbatoi sotterranei per finalità agricole. Tale attività, a causa della fisica della rotazione, soprattutto nelle latitudini medie, sembra avere un effetto particolarmente gravoso sulla deriva polare.

Insomma, ancora una volta si parla di fenomeni causati dall’uomo. Questi cambiamenti, che non sono certamente evidenti nel breve termine né tantomeno nella nostra vita quotidiana, potrebbero anche alterare la durata della giornata di un millisecondo circa ci dice Vincent Humphrey, scienziato dell’Università di Zurigo.

L’obbiettivo degli scienziati che si sono occupati della recente ricerca, guidati da Suxia Liu, idrologa dell’Accademia cinese delle scienze, è quello di studiare la deriva polare anche per poter scoprire dove, originariamente, si trovasse l’acqua.

Leggi anche:
I futuri che non vorremmo: disastri ambientali nella cultura pop
Nuovo iceberg gigante si distacca dall’Antartide
Andrea Boscherini, una chiacchierata sull’essere naturalista oggi (INTERVISTA)

Back to top button