Videogiochi e Gaming

Riot nasconde nel codice di Valorant un messaggio segreto: così recluta hackers per il proprio team di sviluppo

Riot Games, società di sviluppo di videogiochi conosciuta principalmente per League of Legends, annunciò lo scorso aprile quella che può essere definita la più grande taglia mai introdotta nel mondo del gaming. Riot promise un premio fino a 100 mila dollari per chiunque trovasse delle falle nella sicurezza del sistema anti-cheat di Valorant, l’ultimo titolo della software house.

Adesso gli sviluppatori hanno deciso di intraprendere una strada alternativa per fermare i fenomeni di cheating ed hacking. Oltre ad avvisi, ban e ingenti taglie, gli sviluppatori hanno infatti lanciato un concorso che suona più come una sfida. In cosa consiste? Molto semplice: la software house promette un impiego nell’azienda agli hacker che riusciranno a trovare un messaggio cifrato nei codici di gioco.

giochi riot

Valorant e il messaggio segreto di Riot…

Gli sviluppatori hanno lasciato il messaggio all’interno di un file chiamato packman nella sezione dedicata a Vanguard, il sistema anti-cheaters utilizzato da Riot. Packman è contenuto in tutti e tre i titoli di punta di Riot: ValorantLeague of Legends e Legends of Runeterra.

Il messaggio, completo di logo della compagnia in ASCII, recita:

Protetto da packman, un prodotto di Riot Games. Sviluppato con <3 dal team Anti-Cheat. Assumiamo sempre persone di talento. Se hai trovato questo messaggio, ti preghiamo di dare un’occhiata alla nostra pagina dedicata alla carriera in Riot, per vedere se qualcosa attira il tuo interesse: https://www.riotgames.com/careers.

Riot nasconde nel codice di Valorant un messaggio segreto: così recluta hackers per il proprio team di sviluppo

“La speranza è che le persone che lo fanno per hobby o perché sono curiose possano desiderare la possibilità di farlo come carriera, dice un dipendente di Riot intervistato da Vice sull’argomento “E le persone che lo fanno per vendere trucchi a scopo di lucro probabilmente non sarebbero interessate.”

Insomma, l’offerta è allettante, l’obiettivo è nobile, ci sono tutte le carte in regola per far sì che Riot riesca a metter su un team anti-cheat di eccellenza in questo modo. Restiamo sintonizzati per scoprire come evolverà la chiamata alle armi o se Riot si inventerà qualcosa di nuovo ancora per la lotta all’hacking.

Leggi anche:
Arriva Pokemon Unite, un MOBA per Switch e Mobile (VIDEO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button