Scienza

Primo volo su Marte: in corso i preparativi da parte della NASA

La NASA è ormai quasi pronta per un nuovo, grande passo avanti: far volare, per la prima volta in assoluto, un elicottero su un altro pianeta, Marte.

L’elicottero, battezzato Ingenuity, è arrivato su Marte lo scorso 18 febbraio, trasportato dal rover Perseverance, nel quale si trova ancora. L’obbiettivo della NASA è far decollare Ingenuity il prossimo 8 aprile, anche se bisognerà prima seguire tutta una serie di procedure complesse che assicurino la riuscita dell’impresa.

Primo volo su Marte: in corso i preparativi da parte della NASA
Ingenuity

Anzitutto, come luogo per il decollo è stata scelta una chiazza di regolite marziana che, per la sua piattezza e mancanza di ostacoli ed ostruzioni, si presenta come luogo ideale per la partenza dell’elicottero. Si tratta di una zona non molto lontana dal cratere Jezero, luogo dell’atterraggio del Perseverance. Il cratere probabilmente prima ospitava un lago e dunque si presenta come un luogo particolarmente ricco di possibili informazioni per gli studiosi. Ma non utile per il volo di Ingenuty, che dovrà raggiungere la piana prescelta dopo alcuni sol (giorni marziani) di viaggio.

In un secondo momento, sarà necessario attivare un dispositivo pirotecnico che consentirà ad Ingenuity di abbandonare la sua posizione orizzontale. Una problematica che gli scienziati stanno cercando di contrastare è la difficoltà di volo dell’elicottero, causata dall’atmosfera molto sottile del pianeta rosso. Ciò costringerà le pale in fibra di carbonio del velivolo ad una rotazione di almeno 2500 giri/min.

Il volo, per ragioni di sicurezza, non durerà più di 30 secondi. Soltanto dopo diverse prove e accertamenti si potrà pensare a voli più lunghi. E’ emblematico il fatto che, al momento del decollo, l’elicottero porterà con sé un pezzo di tessuto di mussola originale del primo aereo a volare sulla Terra dei fratelli Wright, decollato nel 1903.

Leggi anche:
E’ possibile ascoltare i suoni di Marte per la prima volta
Trovata la causa delle misteriose striature su Marte
Il Marte primordiale forse era ricoperto di calotte di ghiaccio

Back to top button