Fumetti, Comics e Manga

PET – L’amore che non volevo: Shockdom racconta le relazioni violente

Uscirà il 12 marzo nelle librerie e fumetterie. la graphic novel “PET – L’amore che non volevo“, edita dalla casa editrice Shockdom. L’opera è incentrata su una relazione sentimentale fatta di violenza, racconto realistico e tristemente attuale. La giovane protagonista della vicenda sprofonda in un baratro di angoscia a causa della sua relazione tossica e malsana.

l'amore che non volevo

Come nasce “PET – L’amore che non volevo”

Il volume è stato presentato in anteprima al Nerd Show di Bologna e sarà presto disponibile per essere acquistato. “PET – L’amore che non volevo” è stato scritto da Angelo Toso e disegnato da Nicole NIM Ballini. Toso è nato nel 1989 a Reggio Emilia. Dopo la laurea in psicologia nel 2015 ha deciso di dedicarsi a progetti creativi, frequentando la Scuola Internazionale di Comics e la Bottega Finzioni. Ballini è nata nel 1994 a Correggio. Nel 2016 si è diplomata in Colorazione Digitale e Fumetto alla Scuola Internazionale di Comics di Reggio Emilia. I due artisti sono al loro esordio con la graphic novel “PET – L’amore che non volevo”.

pet

La casa editrice Shockdom è stata fondata da Lucio Staiano nel 2000 e si dedica alla ricerca di nuovi talenti da scoprire e valorizzare. Shockdom ha lanciato molti autori che oggi appartengono al panorama del fumetto italiano. Tra questi ci sono Sio, Loputyn, Bigio, Angela Vianello, Labadessa, Antonucci e Fabbri, Giulio Rincione, Dado, Prenzy, Eriadan. La casa editrice Shockdom ha un primato nel suo approccio alla tecnologia: ha pubblicato per prima webcomics, e non solo. È stata la prima ad andare su cellulare, a creare una piattaforma di blog incentrata sui fumetti, oltre che a fare fumetti in realtà virtuale aumentata.

l'amore che non volevo

La trama del nuovo romanzo a fumetti

Questa è la storia di un legame doloroso, fatto di malintesi, bugie, misticismo, fino ad arrivare a quella sofferenza che diventa disagio, angoscia, paura di vivere. Eppure quando Aria incontra Dani le sembra un ragazzo normale, forse un po’ misterioso, non l’ambiguo manipolatore che poco a poco dimostra di essere. La violenza non è solo fisica e Aria lo imparerà sulla propria pelle.

Un’iniziativa lodevole che veicola attraverso l’arte un messaggio importante, che forse potrà aiutare le donne vittime di una relazione malsana a riconoscersi nella protagonista della graphic novel.

Back to top button