Attualità

Perché le aziende dovrebbero considerare la “retribuzione emotiva” una parte importante della loro politica

Per la popolazione attiva, i fattori emotivi che condizionano l'occupazione sono sempre più determinanti, insieme al fattore economico. Artesanía Cerdá condivide le sue implicazioni aziendali con il salario emozionale nel suo nuovo podcast "Life's Little Talks"

Una delle principali preoccupazioni delle aziende è quella di mantenere i propri dipendenti all’interno dell’organizzazione. A tal fine, il principale vantaggio che offrono è una retribuzione adeguata che soddisfi le aspettative.

Altre organizzazioni offrono benefici come l’assicurazione sanitaria o i prestiti per l’alloggio. Tuttavia, queste non sono le uniche misure per la fidelizzazione del personale.

I tempi sono cambiati. Al giorno d’oggi, la popolazione lavorativa apprezza sempre di più la possibilità di conciliare lavoro e vita privata, e che l’azienda offra dei benefit per raggiungere questo obiettivo. Per questo motivo, la retribuzione emozionale è così importante e molte aziende in Europa, come Artesanía Cerdá, l’hanno implementata.

Ma prima di tutto, cosa significa “retribuzione emotiva”?

Quando parliamo di retribuzione emotiva, ci riferiamo ai benefici non finanziari che un’azienda offre ai suoi dipendenti. Questi benefici si basano sul benessere emotivo e sulla salute sul lavoro, al fine di costruire organizzazioni che diano priorità al benessere del proprio personale.

Questo concetto deriva dalla teoria della motivazione-igiene di Herzberg, un importante sociologo aziendale che nel 1959 affermò che le prestazioni lavorative delle persone dipendono dal livello di soddisfazione che provano nel loro ambiente di lavoro.

Più di recente, l’OMS ha insistito sull’importanza della retribuzione emotiva dal 2007, ma è solo negli ultimi anni che ha acquisito rilevanza per le organizzazioni, che hanno iniziato ad applicarla con impegno nelle loro politiche.

Alcuni dei benefit che le aziende implementano come salario emotivo sono la flessibilità dell’orario di lavoro, i giorni di riposo, la possibilità di telelavoro, la presenza di aree di riposo e relax, di un asilo nido per i bambini o di una palestra.

La retribuzione emotiva comprende anche benefit come piani di formazione e sviluppo professionale, opportunità di crescita all’interno dell’azienda e riconoscimento dei risultati e degli obiettivi raggiunti.

L’obiettivo principale dell’offerta di tali benefit è far sì che i dipendenti vedano l’azienda sotto una luce positiva, per incoraggiarli a rimanere in azienda per molti anni a venire. Inoltre, per migliorare la loro vita personale e familiare. E di conseguenza, migliorare l’ambiente di lavoro e aumentare la produzione.

L’implementazione della retribuzione emozionale nelle organizzazioni.

Per implementare la retribuzione emotiva in un’organizzazione, occorre tenere presente che, per quanto l’azienda possa offrire al proprio personale ricompense non finanziarie, queste non potranno mai compensare un basso stipendio economico.

In fin dei conti, se le aziende vogliono trattenere i loro migliori talenti, devono offrire loro le giuste ricompense finanziarie. La retribuzione emotiva è qualcosa che si aggiunge alla retribuzione finanziaria. Non lo sostituisce.

In questo senso, Artesanía Cerdá, come parte del suo modello di impresa sana che stabilisce la salute del suo team come una priorità da un approccio globale, ha scelto di implementare il salario emozionale all’interno delle sue politiche aziendali.

L’azienda con sede a Valencia, in Spagna, offre, tra gli altri, i seguenti benefit: cesto di benvenuto per la nascita di un bambino di un membro del team, accordo con un’agenzia di viaggi, cesto di frutta alla pausa caffè ogni lunedì, sconti sui prodotti Cerdá, colazione con il management durante il processo di onboarding, implementazione del telelavoro e il lancio di una serie di attività nell’ambito del programma “Cerdá Te Cuida” che offre menù salutari settimanali, lezioni di yoga, sessioni di fisioterapia e workshop per smettere di fumare.

Cerdá condivide la sua visione aziendale sulla retribuzione emozionale nel primo episodio del suo nuovo podcast “Life’s Little Talks, con Juan Luis Ramos, Customer Success Project Manager di Cerdá, Carlota Sanz, International KAM della divisione PETS di Cerdá e Ismael Hernández, People & Talent Manager di Cerdá.

L’episodio sarà disponibile dal 20 settembre sul canale youtube.com/cerdagroup, rivolto a tutti i leader aziendali, dipendenti e imprenditori che desiderano conoscere il coinvolgimento di esperti nell’implementazione della retribuzione emozionale, la sua importanza e i suoi benefici per le aziende.

Leggi anche:
Come un’azienda locale ha raggiunto l’espansione internazionale: la storia di successo di Artesanía Cerdá
La guida definitiva ai podcast che devi assolutamente ascoltare!

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.
Back to top button