Miti e Leggende

Pensavamo fosse L’Unico Anello di LOTR e invece è solo una fake news

Era il lontano 2014 quando in Lituania uscì fuori da uno scavo un misterioso anello. Non era l’anello del conte (chi ha visto Boris si farà una risata), ma un qualcosa di estremamente più prezioso. Sopra questo piccolo quanto misterioso oggetto c’erano delle incisioni alla “Signore degli Anelli”, tanto che l’informazione uscita ben 9 anni fa venne subito collegata alla trilogia e all’unico anello. Tutto bello, se non fosse che l’archeologia è stata mischiata con una fake news per raccogliere click.

E’ sicuramente un anello unico ma non l’unico anello

Partiamo con ordine. Nel 2014, durante degli scavi venne ritrovato un misterioso anello d’oro. Fin qui tutto bene, se non fosse che a questo punto (di già?) iniziano le fake news. Ci troviamo in Lituania, a Vilnius precisamente, e da lì partono le foto di questo ritrovamento archeologico. Ad accompagnare gli scatti che vedete qui sotto, anche delle didascalie che riportavano informazioni poi scoperte come false. Vogliamo riportarle in ordine per capire bene la vicenda.

  1. è stato trovato un anello d’oro: bene, questa è l’unica informazione veritiera ;
  2. sopra l’anello ci sono iscrizioni misteriose: ecco la prima fake news. Non si tratta della Lingua Nera di Mordor (a proposito, avete visto la tastiera definitiva di LOTR?) bensì di un disegno floreale. L’informazione è stata decisamente modificata al fine di aumentare l’hype dietro questo ritrovamento archeologico;
  3. nessuno sa a chi appartenesse questo anello: anche qui, una fake news. È stato scoperto che l’anello d’oro apparteneva originariamente a Vytautas granduca di Lituania. È un personaggio storico che permise alla Lituania di prosperare fino al suo apogeo;
  4. non si sa da dove viene: falso anche questo. Il tutto viene dal Palazzo Reale dei Granduchi. Entrambe le immagini provengono da un comunicato stampa del dicembre 2014 dell’Università della Lituania sui loro recenti ritrovamenti;
meme unico anello
Uno dei meme incriminati

Insomma, abbiamo avuto modo di vedere come le fake news a volte si insinuano anche in settori della scienza (in questo caso, l’archeologia) che non meritano davvero di essere trattati in questo modo.

Fonte: https://www.valdovurumai.lt/en/activities/collections/erika-striskiene-archaeological-finds-at-the-palace-of-the-grand-dukes-of-lithuania#.V-GRPCErKCp

Pulsante per tornare all'inizio