Guide

Una panoramica sui sistemi antincendio: differenza tra attivi e passivi e l’importanza della manutenzione

Un sistema antincendio, come è facilmente intuibile dal nome, è un impianto atto a prevenire un incendio o quanto meno a contenere i danni, consentendo alle persone di mettersi in salvo e chiamare in tempo utile i soccorsi.

La loro struttura e la loro complessità possono variare a seconda dell’edificio in cui andrà inserito. Un sistema finalizzato a proteggere un magazzino o una grande azienda sarà più complesso e strutturato rispetto ad uno destinato a prevenire gli incendi in una casa.

Allo stesso modo un impianto antincendio installato in una galleria o in un deposito di materiali infiammabili avrà caratteristiche diverse a seconda del rischio che si sviluppi un incendio.

Bisogna poi differenziare le misure di prevenzione da quelle di protezione. Le misure di prevenzione sono finalizzate a ridurre e minimizzare i rischi che si sviluppi un incendio. Le misure di protezione sono invece quelle messe in atto, dopo lo sviluppo di un incendio, per limitare i danni.

Le misure di protezione a loro volta si suddividono in attive e passive.

La protezione attiva prevede interventi attivi da parte dell’uomo oppure di un dispositivo antincendio, tra i quali rientrano estintori, sprinkler, evacuatori di fumi e calore, segnalazioni acustiche e visive, sistemi di pressurizzazione e altri ancora.

La protezione passiva comprende invece tutte quelle misure finalizzate a ridurre le conseguenze di un incendio, senza però l’intervento dell’uomo o l’attivazione di qualche impianto.

Tra i sistemi di protezione passiva più comuni ci sono le porte tagliafuoco, che impediscono il passaggio di fumi e fiamme da una stanza all’altra o da un ambiente all’altro.

Tra questi sistemi rientrano anche elementi strutturali o materiali a basso grado di combustibilità che bloccano le fiamme, o quanto meno ne ritardano la propagazione.

In questo modo i presenti hanno il tempo di mettersi in salvo e i soccorritori possono intervenire tempestivamente per salvare le persone e contenere le fiamme, limitando il più possibile danni agli oggetti.

Per innalzare il livello di protezione contro gli incendi, che sia in una casa privata, in un’azienda, in un ufficio pubblico, in una scuola o in un museo, è necessario verificare che tutti i sistemi antincendio, attivi o passivi, siano perfettamente funzionanti e a norma di legge.

Non avrebbe senso spendere fior di quattrini per installare un sistema antincendio, se poi questo non funziona correttamente. Sarebbero soldi spesi a vuoto, ma soprattutto non si garantirebbe la protezione delle persone in caso di incendio.

Ecco perché è fondamentale sottoporre i sistemi antincendio a manutenzioni periodiche e continue, affidandosi a realtà specializzate del settore come GSSI, azienda leader operante da anni nel settore degli impianti antincendio su Torino e provincia.

Con interventi programmati si ha la certezza di avere un sistema antincendio perfettamente funzionante, a norma di legge e in grado di adottare tutte le misure necessarie per prevenire e contenere un incendio.

Leggi anche:
Distrutta da un incendio la fattoria della famiglia di Jennifer Lawrence
Mission Impossible 7: un incendio causa due milioni di danni sul set (FOTO)
Clint Eastwood: incendio negli studios, tutti in fuga tranne lui
Una meteora cade su una casa nel luogo più tranquillo d’America

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.
Back to top button