Tecnologia

NOSEiD: la nuova app per ritrovare i nostri amici a quattro zampe

Nessun amante degli animali augurerebbe mai a qualcuno di perdere un amato animale domestico, nemmeno al proprio peggior nemico. Anche lo smarrimento temporaneo del proprio amico non umano è una faccenda devastante e orribile. Se vi fosse mai capitato di setacciare il quartiere in lungo ed in largo alla ricerca di un cagnolino in fuga, saprete molto bene di cosa stiamo parlando. Di solito non ci sono molte soluzioni dopo aver radunato una squadra di ricerca e tappezzato la città di volantini. Ma da oggi avremo un aiuto in più per ritrovare il nostro amico perduto, soprattutto se si tratta di un amico peloso a quattro zampe.

L’app in questione ha un nome decisamente appropriato: NOSEiD. Il naso di un cane è l’equivalente di un’impronta digitale umana, è unico e come tale può potenzialmente aiutare a identificare un cane scomparso sprovvisto di medaglietta o cip. Finanziato dalla società di alimenti per animali domestici IAMS, NOSEiD offre proprio questa opportunità: una libreria di scansioni del naso di cani con i relativi dati dei proprietari.

Ma come funziona? E’ piuttosto semplice: il proprietario del cane scansiona il naso del suo amico tramite l’app (sempre che riesca a farlo rimanere fermo nel mentre). Una volta effettuata la scansione del tartufo, andranno quindi inserite le informazioni di domicilio o di contatto. Questa misura preliminare garantirà che l’ID del vostro cucciolo rimanga in archivio a tempo indeterminato. Quindi, se mai si dovesse perdere o dovesse fuggire, il buon samaritano che lo dovesse trovare potrebbe utilizzare l’app per scansionare il naso del vostro amico ribelle e trovare i vostri dati per potervi contattare.

Ovviamente non è la soluzione definitiva: cercare di far rimanere fermo un cane sconosciuto trovato per la strada per fargli la scansione del naso non sarebbe il più semplice dei compiti, anche se si ha dimestichezza con gli animali. Ma se questa app servisse a riunire anche un solo cane smarrito con il suo angosciato compagno umano, si sarà dimostrato una soluzione degna di nota.

In ogni caso ci teniamo a ricordarvi di dotare sempre il vostro amico a quattro zampe del microchip sottocutaneo di identificazione obbligatorio dal 2005, in modo da renderne più semplice il riconoscimento alle persone preposte che vi contatteranno in caso di ritrovamento.

Leggi anche:
Benefici scientificamente approvati del possedere un Cane
Perché il tuo cane ti segue ovunque? Esistono varie risposte
Animali domestici al lavoro, ecco alcuni consigli per tenerli con noi

Back to top button