Scienza

La Musica evoca 13 emozioni chiave: gli scienziati le hanno mappate

Uno studio tra USA e Cina per mappare le emozioni musicali di culture diverse

Tutti noi, quando ascoltiamo un brano musicale, proviamo infinite emozioni differenti. La musica ci avvolge ogni giorno e attraverso tantissimi canali, ma vi siete mai chiesti se quella stessa sensazione l’ha già provata qualcuno nel resto del mondo?

La neuroscienza, tra tante altre, vuole darvi una risposta. Gli scienziati della UC Berkeley hanno analizzato le reazioni e le emozioni di 2500 persone tra Stati Uniti e Cina a migliaia di brani dai generi più disparati. Rock, heavy metal, folk, jazz, musica classica, musica sperimentale e così via.

Da questo studio è emersa una mappatura statistica di questi brani secondo 13 sentimenti fondamentali. Tra questi gioia, tristezza, calma, divertimento, ansia, fastidio e motivazione.

Nella stessa lista troverete le Quattro Stagioni di Vivaldi e Rock the Cashbah dei Clash, Somewhere over the Rainbow e la colonna sonora de Il Signore degli Anelli.

A descriverlo è l’autore principale Alan Cowen, dottorando in neuroscienze della UC Berkeley.

Immaginate di organizzare una libreria musicale estremamente eclettica per emozioni e di individuare la combinazione di sentimenti associati a ciascuna traccia.

Musica e Neuroscienze: i risultati

Sicuramente interessante è il risultato di questa ricerca. Cowen e gli altri ricercatori, tra cui Xia Fang e Disa Sauter dell’ Università di Amsterdam, hanno realizzato una mappa audio interattiva che permette di vedere in che modo gli spezzoni dei brani selezionati si individuano.

mappa emozioni musica

Nella pagina si può muovere il cursore sulle lettere del grafico e ascoltare i piccoli stralci oppure aprire un link al brano completo. Oltre ad una media totale, il grafico può essere anche visualizzato in maniera relativa alle due aree geografiche.

Dalla mappa si individuano alcuni dati comuni tra i partecipanti americani e cinesi, ma anche tante differenze. Ad esempio entrambi provano paura ascoltando la colonna sonora de Lo squalo, ma differiscono nel percepire un emozione se positiva o negativa.

Persone di diverse culture possono essere d’accorso sul fatto che una canzone trasmetta rabbia, ma possono divergere sul fatto che quel sentimento sia positivo o negativo.

Cowen

Questa differenza di percezione in spazi differenti, in psicologia viene espressa dal concetto di valenza.

Applicazioni

Ma in che modo si potrebbero applicare queste informazioni? Un modo per cui questi dati potranno essere utili è da individuarsi nelle sedute e nelle terapie psicoanalitiche. Si potrebbero utilizzare questi brani per enfatizzare meglio le emozioni e aiutare i pazienti.

Oppure in ambito informatico potrebbero contribuire allo sviluppo di algoritmi più mirati nei servizi di streaming musicali come Spotify per consigliare qualcosa che rispetto lo stato d’animo del cliente.

In ogni caso questo è un primo passo per comprendere al meglio un linguaggio universale e il mistero delle emozioni umane.

Grazia Margarella

Studio Informatica presso l'Università degli Studi di Salerno e condivido le mie passioni per la scienza, il cinema, i libri e la cultura nerd grazie ai ragazzi de Il Bosone. Il mio motto è: Ad astra per aspera, exploro semper. Stay tuned ⚛️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close