Cinema, Film e Serie Tv

La morale nel Gilliverse: Breaking Bad, El Camino e Better Call Saul

C’è sempre stata una forte moralità nei mondi del creatore di Breaking Bad, Vince Gilligan. Questi mondi sono governati da regole che non sono necessariamente legali, ma morali. All’inizio di Better Call Saul, Mike Ehrmantraut (Jonathan Banks), poliziotto trasformato in criminale, spiega questa logica all’aspirante criminale Daniel Wormald (Mark Proksch):

Ho conosciuto buoni criminali e poliziotti cattivi, preti cattivi, ladri onorevoli”, afferma. “Ora sei un criminale. Buono, cattivo? Dipende da te.”

C’è una desolazione nel mondo di Breaking Bad, con molti di quelli coinvolti nello scambio di metanfetamina di Albuquerque che incontrano fini orribili. Innocenti come Hank Schrader (Dean Norris) muoiono durante il loro dovere, ma criminali come Gus Fring (Giancarlo Esposito), Walter White (Bryan Cranston), Lydia Rodarte-Quayle (Laura Fraser) e persino Mike raggiungono i propri fini. Breaking Bad potrebbe essere classificato come un “neo-noir”, ma aderisce alla dura insistenza morale del classico noir sul fatto che il crimine alla fine non paga.

In Breaking Bad, Walter White è guidato dalla convinzione che “l’universo è casuale, non è inevitabile, è semplice caos; sono particelle subatomiche in una collisione senza fine e senza meta”. In “The Fly“, uno degli episodi più divisivi dello show, Walter lotta contro l’idea che forse l’universo non è del tutto arbitrario, che le decisioni hanno conseguenze e che le scelte che ha fatto hanno conseguenze. L’incapacità di Walter di assumersi la responsabilità delle proprie scelte è il suo tragico difetto.

breaking bad spin off

Confrontando Breaking Bad con altri spettacoli della “Golden Age”, come I Soprano, Mad Men e The Wire, il saggista Chuck Klosterman ha affermato :

(T) c’è una profonda differenza tra questa serie e le altre tre, e ha a che fare con il suo gestione della moralità: Breaking Bad è l’unico costruito sulla scomoda premessa che c’è un’inconfutabile differenza tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, ed è l’unico in cui i personaggi hanno un vero controllo su come scelgono di vivere.

Basato esclusivamente su Breaking Bad, la visione del mondo di Gilligan può rasentare il crudele e il cinico. “Sento una sorta di bisogno di espiazione biblica, o giustizia, o qualcosa del genere“, ha detto al New York Times nel luglio 2011 . “Mi piace credere che ci sia una punizione, che il karma si attivi ad un certo punto, anche se ci vogliono anni o decenni prima che accada. La mia ragazza dice questa cosa grandiosa che è diventata anche la mia filosofia: voglio credere che ci sia un paradiso ma non posso non credere che ci sia un inferno.”

Una delle controversie che circondano “Felina“, l’episodio finale di Breaking Bad, riguardava se Walter fosse stato infine redento dalla sua scelta di sacrificare la propria vita per salvare quella del suo longanime partner, Jesse Pinkman (Aaron Paul). Ad essere onesti, il team di produzione non è stato ambiguo sulla questione della redenzione di Walter nelle interviste dopo “Felina”. Peter Gould, che avrebbe continuato a dirigere Better Call Saul, ha chiesto : “Alla fine, lo redime? Come puoi riscattarti dopo tutta questa morte? Non credo sia redenzione. Ma penso che sia un minimo di intuizione. Ha avuto la possibilità più e più volte di essere un bravo ragazzo”. Gilligan ha dichiarato in modo più schietto: “Walt non si riscatterà mai“.

La morale nel Gilliverse: Breaking Bad, El Camino e Better Call Saul

Tuttavia, ciò che è veramente interessante dei vari post scriptum che Gilligan e Gould hanno aggiunto a Breaking Bad è il modo in cui affrontano queste domande. Breaking Bad era una storia di decisioni e conseguenze, con alcuni membri del pubblico che sceglievano di leggere la redenzione nel suo atto finale. Nelle storie che seguono “Felina”, come il film El Camino e il finale di Better Call Saul “Saul Gone”, Gilligan e Gould si impegnano più attivamente con l’idea della redenzione.

Se si accettano le argomentazioni di Gilligan e Gould secondo cui Walter era al di là della redenzione, allora El Camino e Better Call Saul offrono contrappunti per personaggi che sono capaci di redenzione o almeno capaci di raggiungerla. Se uno è d’accordo con Emily Nussbaum sul fatto che Breaking Bad ha offerto a Walter una redenzione immeritata, allora El Camino e Better Call Saul offrono un viaggio molto più sfumato, avvincente e guadagnato verso la riabilitazione e il recupero.

Mentre El Camino è scritto e diretto da Gilligan e “Saul Gone” è scritto e diretto da Gould, le due storie sono strutturate in modo molto simile. Entrambi iniziano con un flashback, in cui i protagonisti – Jesse Pinkman e Jimmy McGill (Bob Odenkirk) – discutono del concetto di rimpianto con l’ormai scomparso Mike Ehrmantraut. Entrambe le serie poi hanno portato i personaggi principali ai giorni nostri, in fuga dalle autorità. Entrambe le narrazioni sono interrotte da scene di flashback con altri personaggi ormai deceduti.

Entrambe le storie riguardano le conseguenze dirette di “Felina”. El Camino si unisce a Jesse negli ultimi momenti di Breaking Bad , mentre si allontana dal complesso dei suprematisti bianchi dove era stato tenuto prigioniero. Quasi immediatamente, le auto della polizia arrivano rombando all’orizzonte, arrivando come inevitabile conseguenza delle azioni di Walt. La trama odierna di El Camino segue Jesse mentre tenta di fuggire in Alaska, per liberarsi da tutto il dolore e la sofferenza che ha sopportato.

C’è un perverso senso di giustizia karmica in gioco in El Camino. Attraverso dei flashback, al pubblico viene ricordata la sofferenza che Jesse ha subito per mano dei suprematisti bianchi. Porta le cicatrici sul viso e sul corpo, visibili quando alza la maglietta per dimostrare che non indossa una trasmittente. Come nell’ultima stagione di Breaking Bad, la decenza di base di Jesse è in contrasto con la disinvolta (e spesso inquietantemente infantile) amoralità del giovane nipote del suo rapitore, Todd Alquist (Jesse Plemons).

Mentre Jesse ha sofferto, El Camino chiarisce che ha ancora debiti da ripagare. Implora il venditore di aspirapolvere locale Ed Galbraith (Robert Forster) di aiutarlo a scomparire, condividendo la sua triste storia. “Se credi di poter tirare su le corde del cuore delle persone, dovresti rischiare con la polizia“, ​​risponde Galbraith. “Da dove mi siedo, hai fatto la tua fortuna, così come il tuo ex partner, così come il tuo avvocato“. Invece, Galbraith – un uomo di parola – insiste affinché Jesse paghi i suoi debiti.

Questo è simile a come gli episodi finali di Better Call Saul trattano Jimmy McGill. McGill usa Galbraith per scomparire alla fine di Breaking Bad, e quindi è il raro personaggio che evita conseguenze davvero significative per le sue scelte. Il tratto conclusivo di Better Call Saul chiarisce che Jimmy non ha imparato nulla, perché non gli è costato nulla di sostanziale. Trasferitosi in Nebraska con lo pseudonimo di “Gene Takovic“, Jimmy ricade nelle sue vecchie truffe, con l’incoscienza che ha portato al suo arresto.

L’arco narrativo di Jimmy è parallelo a quello della sua ex moglie, Kim Wexler (Rhea Seehorn). Inorridita dall’omicidio del loro vecchio socio comune Howard Hamlin (Patrick Fabian), Kim fugge in Florida e scompare in una vita tranquilla e modesta. Anche se questo contrasta con il rifiuto di Jimmy di affrontare la morte di Howard, non è un atto di redenzione. Come lo descrive Seehorn, è il risultato di “molto disprezzo di sé e molta disperazione“. La redenzione di Kim arriva più tardi, sollecitata da una chiamata di “Gene”.

Quando Kim suggerisce a Jimmy di costituirsi, lui la spinge sarcasticamente a fare lo stesso. Kim risponde tornando ad Albuquerque. Confessa la sua complicità nella morte di Howard sia alle forze dell’ordine che alla vedova di Howard, Cheryl (Sandrine Holt). È un calvario, ma è anche catartico. Kim scoppia a piangere durante il viaggio di ritorno a casa , come se fosse stato sollevato un peso. In “Saul Gone”, Kim si offre volontaria in una clinica gratuita di assistenza legale, suggerendo un ritorno alla carriera legale che ha abbandonato dopo la morte di Howard.

C’è la sensazione che la guarigione possa iniziare e che lei possa rimettere in sesto la sua vita. “Speriamo che il pubblico possa fare due più due e rendersi conto che non sarà soddisfatta di rispondere ai telefoni in quell’ufficio per molto tempo“, ha spiegato Gould della scena . Gould sembra credere che ci sia speranza per Kim:

Penso che redenzione sia una parola grossa, ma penso che stia cercando di rimediare alle cose che ha fatto di sbagliato e di vivere in modo diverso.

Quando Jimmy viene arrestato, è sfacciato e impenitente. Quando il suo co-avvocato Bill Oakley (Peter Diseth) gli chiede come si aspetta che finirà l’accusa, Jimmy risponde: “Dove vedo che finirà? Con me in cima, come sempre”. Jimmy è abbastanza scaltro da negoziare l’accusa passando da un’offerta iniziale di 30 anni a una più modesta condanna di sette anni e mezzo. A un certo punto, Oakley chiede a Jimmy:

Cos’altro hai intenzione di ottenere? Cos’è rimasto?

Alla fine, dopo aver saputo dell’accettazione da parte di Kim delle conseguenze delle sue azioni, Jimmy è spinto a fare la sua unica confessione pubblica. Rompe il suo accordo. “Ero più che un partecipante volontario“, ammette Jimmy del suo coinvolgimento nell’impero della droga di Walter: “Walter White non avrebbe potuto farlo senza di me“. Tuttavia, si spinge oltre e accetta la propria colpevolezza nel suicidio di suo fratello Chuck (Michael McKean). La cinematografia in bianco e nero corrisponde alla moralità in bianco e nero.

Come Kim, Jimmy si assume la responsabilità nel modo in cui Walter non avrebbe mai potuto.

Sia El Camino che “Saul Gone” tornano all’idea che il passato non può essere cambiato e che le persone devono convivere con le loro decisioni. Parlando dell’influenza di Walter, Mike consiglia a Jesse: “Solo tu puoi decidere cosa è meglio per te, Jesse. Non lui, non io“. Mike suggerisce l’Alaska a Jesse: “Lassù potresti essere tutto ciò che vuoi“. Quando Jesse coglie la possibilità di “ricominciare da capo” e “sistemare le cose”, Mike lo avverte severamente: “No. Scusa, ragazzo, questa è l’unica cosa che non puoi mai fare”.

Entrambe le storie si concludono con i loro protagonisti in un ambiente innevato che contrasta piacevolmente con il deserto di Albuquerque. Jesse fugge in Alaska, mentre Jimmy finisce con 87 anni nell’ADX Montrose, “l’Alcatraz delle Montagne Rocciose”. Forse la neve è una tela bianca. I personaggi non possono riscrivere il loro passato, ma possono rimodellare il loro futuro. Non possono riprendersi i propri errori ma possono fare nuove scelte. C’è un caloroso umanesimo in questa fine, che contrasta piacevolmente con la brutalità di Breaking Bad.

Il potenziale di speranza per Better Call Saul è che non deve necessariamente finire così triste o così male come ha fatto Breaking Bad, per il personaggio principale e la sua famiglia“, ha riflettuto Gilligan nell’agosto 2017: “c’è una possibilità per una sorta di momento di redenzione“. È vero. “Non so se è riscattabile“, ha riflettuto Gould su Jimmy dopo il finale:

Ma ha riavuto la sua anima. E Kim ha riavuto la sua agenzia. E questo è abbastanza bello. Alla fine c’è almeno la speranza della redenzione.

Leggi anche:
Breaking Bad aiuta gli scienziati con la caccia ai bracconieri di Tartarughe

Back to top button