Anime e Cartoni

Miyo, un amore felino: un nuovo anime Netflix su amore, magia e… Gatti! (TRAILER)

Trailer a fine articolo

Siete sempre in cerca di nuovi film in arrivo su Netflix e siete amanti dei film romantici o dell’animazione giapponese? Potreste essere molto contenti dell’annuncio di Miyo – un amore felino, soprattutto se amate i gatti (esiste qualcuno che non ama i gatti?).

Miyo – un amore felino: sinossi e data di rilascio

Dal regista di Sailor Moon, Junichi Satoh, e dalla sceneggiatrice di Anohana, Mari Okada, arriva Miyo – un amore felino, un film che parla di amore, magia e gatti. In arrivo in tutto io mondo il 18 giugno. 

La sinossi, già disponibile sulla pagina di Netflix dedicata al titolo, dice che

una ragazza particolare si trasforma in una gatta per attirare l’attenzione del ragazzo che le piace, ma presto la distinzione tra umana e animale inizia a svanire.

E se già queste poche parole vi hanno incuriositi, che ne dite di dare un’occhiata al trailer, disponibile su YouTube? 

La trama

Il film racconterà la storia di Miyo Sasaki, una giovane piena di energia che è innamorata di Kento Hinode, un suo compagno di classe del quale però non riesce a catturare l’attenzione.

Dopo innumerevoli tentativi privi di successo, però, troverà una maschera che è in grado di trasformarla in una gattina e deciderà di utilizzarla per entrare nelle grazie di Kento. Il problema? Pare che tornare nella sua forma originale non sia semplice come pensava. 

La voce di Miyo sarà quella di Mirai Shida (My Hero Academia: Two Heroes, The Secret World of Arrietty’s Arrietty) mentre Kento sarà doppiato da Natsuki Hanae (Demon Slayer, The Disastrous Life of Saiki K.)

Volendo essere puntigliosi non si possono non notare alcune similitudini con La ricompensa del Gatto dello Studio Ghibli ma la trama sembra comunque molto diversa, abbastanza da non far sembrare il titolo un plagio e sinceramente, anche abbastanza interessante da poter dichiarare che questa nuova uscita sia un titolo imperdibile per chi ama l’animazione giapponese, il romanticismo, ed i gatti. 

Back to top button