Videogiochi e Gaming

Life is Strange: True Colours ha grandi potenzialità ed arriverà quest’anno

Life is Strange: True Colours, il prossimo capitolo della serie di giochi di avventura di Square Enix, uscirà il 10 settembre 2021. E verrà rilasciato per PC, Xbox One, Xbox Series X|S, PlayStation 4, PlayStation 5 e Stadia. Sarà disponibile in tre diverse edizioni: quella classica, la Deluxe (include vestiti extra e un episodio prequel chiamato Life is Strange: Waveleghts) e la Ultimate Edition. Ed è tutto ufficiale adesso.

Durante la presentazione digitale Square Enix Presents (che ha mostrato anche molte altre succose novità) lo sviluppatore Deck Nine (lo studio dietro lo spin-off del 2017 Before the Storm) ha rivelato il suo prossimo titolo. Il nuovo capitolo rappresenta l’abbandono della pubblicazione ad episodi, vero e proprio tratto distintivo di Life is Strange, almeno fino ad oggi.

life is strange true colors

True Colors presenta un nuovo cast di personaggi, guidato dalla protagonista asiatica-americana Alex Chen, una giovane ragazza appassionata di musica e dotata di un potere speciale, che si riunisce con suo fratello Gabe nella città di Haven Springs dopo otto anni nel sistema di affidamento. Il potere di Alex ruota attorno alla capacità di percepire e manipolare le emozioni delle persone intorno a lei, qualcosa che è stata in grado di fare fin dall’infanzia, ma che deve tenere saldamente sotto controllo per non essere sopraffatta da quei sentimenti.

Deck Nine descrive True Colours come l’inizio di una ‘audace nuova era’ di Life is Strange: il nuovo gioco trarrà vantaggio dal motion capture come elemento fondante della ‘prossima generazione’. Inoltre non siamo davanti ad un titolo completamente open world, ma Deck Nine ha puntato ad offrire un’esperienza meno guidata delle precedenti. Potremo anche scegliere uno dei due partner disponibili (Ryan e Steph, amici di Gabe) ed avviare una storia romantica con loro.

Life is Strange: True Colours sembra essere un titolo da tenere decisamente d’occhio, insomma.

Leggi anche:
Perché The Last Of Us 2 è la rappresentazione LGBTQIA+ di cui avevamo bisogno
Per il TG4 Assassin’s Creed “simula” l’ISIS

Back to top button