Fumetti, Comics e Manga

“La leonessa di Dordona”. Graphic novel ispirata a ”Orlando furioso”

Esce oggi 15 aprile 2021, per la casa editrice Tunuè, la graphic novel “La leonessa di Dordona”, di Orlandi e Cardinali. Il fumetto è liberamente tratto dall’opera “Orlando furioso” di Ariosto, ed è dedicato alla figura di Bradamante.

In un mondo in cui l’onore e le imprese di valore spettano agli uomini, una fanciulla rifiuta il matrimonio combinato che il padre vorrebbe imporle. La guerra tra Saraceni e Cristiani infuria, e la giovane si reca dall’imperatore Carlo Magno in persona. Chiede di ricevere l’Investitura e poi parte all’avventura.

“La leonessa di Dordona”. Graphic novel ispirata a ”Orlando furioso”
Dalla pagina Facebook di Tunué

Così inizia la storia di Bradamante, paladina balzata fuori in questo folle anno dall’epica cavalleresca, cugina del famoso Orlando ariostesco.

Ma sul campo di battaglia accade qualcosa: scoppia l’amore tra Bradamante ed uno dei più valorosi soldati saraceni, Ruggero. Il resto della storia, scopritela leggendo…

Illustrazioni e grafica

Poche volte nelle graphic novel ho visto un uso delle gradazioni del colore rosa tanto ben riuscito. Già dalla copertina si nota una preponderanza di questo tono, che caratterizza alcuni passaggi fondamentali del fumetto. La voce interiore di Bradamante è un demone dalle sfumature rosate; le pagine dedicate alle meditazioni interiori dell’eroina sono caratterizzate da questo netto passaggio ai toni del rosa. Toni che, in altre parti del romanzo, sfumano paesaggi e personaggi in modo deciso. Il colore rosa, in tutte le sue sfumature, è una sorta di filtro che corre lungo tutta la storia, una lente attraverso la quale guardare il mondo.

“La leonessa di Dordona”. Graphic novel ispirata a ”Orlando furioso”
Dalla pagina Facebook di Tunué

Più di una storia d’amore

“La leonessa di Dordona” è qualcosa di più di una storia d’amore tra avversi schieramenti. E’ la narrazione di una donna che lotta per la propria libertà, in un mondo creato dagli uomini ed intriso di convenzioni sociali.

La Bradamante de “La leonessa di Dordona” è un mix ben riuscito tra Xena principessa guerriera, Brienne di Tarth e Saber di Fate/stay night.

“La leonessa di Dordona”. Graphic novel ispirata a ”Orlando furioso”

Personaggio a tutto tondo, chiaro e scuro allo stesso tempo: grande coraggio controbilanciato da forte timore di perdere il senno per amore come il cugino. Alla fine, Bradamante capirà che il sentimento per Ruggero non è che il primo passo per “uscire dal labirinto”. Che la vera conquista, è la conquista dell’identità.

Possono dirci quello che dobbiamo fare, ma non come essere e cosa sentire. Quello spazio dentro di noi è solo nostro. E se anche tutto questo fosse un errore, allora sarebbe il nostro errore. […] Si è sempre trattato solo di questo. Fiorire o morire.

Quarta di copertina di “La leonessa di Dordona”

Ovvero, citando Bradley Cooper in “A star is born”: “se non dici la verità sei fottuta”. La vera battaglia di Bradamante, come quella di ognuno di noi che in lei si rispecchia, è quella contro se stessa. Contro la nostra parte inconscia che cerca di sabotare anche il più coraggioso anelito di felicità, e con la quale tante volte dobbiamo combattere.

Consiglio caldamente a chi ama le imprese dei cavalieri, e le trasposizioni a fumetti delle opere letterarie. Io non sono mai stata una fan dell’epica cavalleresca, ma ho adorato questa graphic. Tra l’altro, non è la prima graphic novel tratta da un romanzo edita da Tunué di cui vi parliamo.

Ah, consigliato anche a chi cerca se stess*.

Leggi anche:
Nonostante tutto: una graphic novel senza tempo
Una graphic novel ispirata a Streghe di Roald Dahl

Giulia Faggioli

Aligiu: 50% romanticismo, 50% baggianate. Ci sono poche cose da sapere su di me: amo il caffè, i gatti, i libri e gli anni Ottanta. Il mio cuore è verde come l’Irlanda, e nero come la canzone dei Punkreas. Per essere miei amici, rispettate queste semplici regole: la mattina non si parla prima di un’ora dal risveglio, e soprattutto, non fate mai spoiler!
Back to top button