Videogiochi e Gaming

La chitarra di Ellie in The Last of Us 2 ora esiste nella realtà

Tutti gli appassionati di videogame adesso parlano del titolo del momento: The Last of Us Parte 2, il nuovo prodotto targato Naughty Dog e giunto in esclusiva per PlayStation 4.

Per chi non lo sapesse, nel gioco si può impersonare una giovane ragazza di nome Ellie. Nelle fasi in cui si ha il suo ruolo si può avere accesso a un minigioco in cui impara a suonare la chitarra. I suoni dello strumento sono provenienti da una chitarra reale della marca Taylor. La chitarra, per dovizia di particolari, è una Taylor Grand Auditorium 314ce.

La Chitarra di Ellie in The Last of Us 2

Taylor e Naughty Dog, la software house che ha sviluppato il franchise The Last of Us, hanno lavorato a stretto contatto per realizzare, nella realtà, lo strumento ispirato all’universo di The Last Of Us.

La chitarra è adesso in vendita sullo store ufficiale per il merchandising dei prodotti PlayStation e viene proposta al prezzo di 2299 dollari, corrispondenti a circa 2000 euro.

Lo strumento ha un top in abete sitka su fasce e fondo in sapele. Sulla tastiera in ebano, all’altezza del terzo tasto, compare l’inconfondibile profilo di una falena, animale simbolo del gioco.

Disponibile anche la chitarra con personalizzazioni che però aumentano di circa 300 dollari il prezzo di vendita rispetto al modello standard.

Il nuovo titolo Naughty Dog è stato accolto molto positivamente dalla critica aggiudicandosi nel frattempo anche due primati.

Il primo è come produzione Sony fastest selling in Europa (vendendo più copie e più rapidamente di qualsiasi altro videogioco Sony); il secondo è come miglior lancio fisico nel Regno Unito del 2020, con vendite superiori del 76% rispetto a quelle del primo The Last of Us.

Nel frattempo anche altri tributi al gioco compaiono sugli scaffali: il Nendoroid dedicato ad Ellie e l’immancabile Funko Pop ufficiale.
I fan del franchise non hanno che l’imbarazzo della scelta.

Leggi anche:
Come e perché si ascolta musica diversa in un momento di crisi: la scienza risponde

Back to top button