Cinema, Film e Serie Tv

La catena di cinema AMC rischia il tracollo entro pochi mesi

AMC Theatres, la più grande catena di cinema negli Stati Uniti, si trova in una situazione economica disastrosa. La società ha confermato che probabilmente saranno al verde entro l’inizio del 2021. Questo conferma ciò che gli analisti avevano previsto e, salvo un’inaspettata inversione di tendenza al botteghino, la catena potrebbe trovarsi in un tracollo finanziario a breve.

Secondo Deadline AMC ha affermato che prevede il disastro entro pochi mesi. La colpa viene attribuita alla mancanza di nuovi grandi film in arrivo insieme alla chiusura prolungata delle sale all’inizio dell’anno.

Data la riduzione del programma cinematografico per il quarto trimestre, in assenza di aumenti significativi di presenze dai livelli attuali o da fonti incrementali di liquidità, al tasso di cash burn esistente, la società prevede che le risorse esistenti sarebbero in gran parte esaurite entro la fine del 2020 o all’inizio del 2021. Successivamente, per adempiere ai propri obblighi alla scadenza, la società richiederà ulteriori fonti di liquidità o aumenti dei livelli di partecipazione. Si prevede che gli importi richiesti di liquidità aggiuntiva saranno significativi.

Tenet non ha riacceso il botteghino nel modo in cui molti, nel mondo del cinema, avevano sperato. AMC in realtà sta perdendo più soldi proprio perché molti dei suoi cinema sono aperti piuttosto di quanto non farebbe tenendoli chiusi. La catena ha aperto 494 delle sue 598 sale. Ma i cinema di New York e Los Angeles, due dei più grandi mercati cinematografici, restano ancora chiusi. La società sta esplorando ulteriori opzioni per ottenere un po’ di liquidità, come la vendita di attività o possibili joint venture.

Esiste un rischio significativo che queste potenziali fonti di liquidità non vengano realizzate o che non siano sufficienti per generare le quantità significative di liquidità aggiuntiva che sarebbero necessarie fino a quando la società non sarà in grado di raggiungere livelli più normalizzati di ricavi operativi.

Insomma, quella che poteva essere solo una sensazione o l’ennesima chiacchiera da bar, riguardo le difficoltà economiche delle catene di cinema, sembra essere una triste realtà.
Incrociamo le dita per il mondo della cinematografia.

Leggi anche:
Disney: riorganizzazione epocale, favorirà lo streaming al cinema
Sony rifiuta di rilasciare Film nei cinema fin quando non sarà finita la pandemia
Disney snobba il cinema, Mulan esce su Disney Plus e un esercente distrugge il poster nel suo cinema: la protesta

Back to top button