Eventi e Fiere

Komics Reggio Calabria (TOP 5 + Pictures Galore)

Qualche giorno fa i nostri eroi si sono imbarcati in un’impresa epica: andare al Komics Reggio Calabria.

Gli ingredienti dell’avventura epica c’erano tutti: il mostro da superare (l’autostrada A3 non ha bisogno di presentazioni), condizioni climatiche avverse (un caldo che si moriva), ma soprattutto la ricompensa e la gloria; infatti, una volta superati indenni i “pericoli” e arrivati a destinazione abbiamo potuto godere di qualcosa di molto bello.

P1000244P1000279P1000255

Parliamo sia della città in sé (e del suo lungomare, il “chilometro più bello d’Italia”), sia della location scelta quest’anno per il Komics: la villa comunale Umberto I che ha accolto in un ambiente riposante e familiare i “superstiti” del nostro viaggio infernale.

È stato bello rivedere qualche faccia amica ma anche incontrarne qualcuna nuova che ha insaporito l’esperienza. E poi, diciamolo francamente: trovare un attimo di ristoro nel verde, all’ombra di un albero e vicino al laghetto delle paperelle, magari vedendo Vegeta o Deadpool sulla panchina accanto è una certa esperienza.

P1000310P1000334

Ma oltre alle pennichelle migliori della nostra vita, abbiamo avuto anche il piacere di chiacchierare con i vari standisti e ospiti della giornata.
I nostri lettori più assidui avranno già capito che con “chiacchierare”, in realtà, intendiamo infastidire…
Ecco una nostra personalissima TOP 5 (in ordine cronologico) delle irritazioni migliori che abbiamo provocato ai partecipanti del Komics!

5. Fraffrog
Immagine Appena arrivati, il nostro solito inviato, quell’imbecille vestito da muratore, si è avvicinato allo stand di niente poco meno che Francesca Presentini.
Se avete la medesima ignoranza del reporter sappiate solo che questa ragazza ha un canale di Youtube con migliaia di iscritti (lo trovate qua).
E infatti, l’imbecille, dopo essersi approssimato con fare da tonno sottolio, esordisce con un tragico e non meno tristissimo “tu chi sei”.
Solo assistendo alla fuga disperata dei suoi colleghi, quella specie di intervistatore, si rende conto di aver commesso un qualche tipo di gaffe… Ma riesce comunque a non farsi prendere a schiaffi e scoprire che Fraffrog si trovava lì per promuovere il suo libro: Il fantastico pianeta che sta nel sistema solare ma nessuno lo sa perchè nessuno l’ha mai visto.
Sembra che vi stia prendendo per i fondelli ma no, questo è veramente il titolo dell’opera. Una storia molto originale quanto accattivante che l’autrice ha definito come un “video su carta”.

4. Accademia di Spada Laser e Cosplay: Midichlorians
Immagine Come non bastasse, qualche minuto dopo, abbiamo rischiato di dover raccogliere da terra i pezzettini di quel cretino a causa delle sciabolate dei maestri Timothy Dakin e Marco Stramondo.
Questi ragazzi, spinti da una forte passione per tutto quello che riguarda Star Wars, hanno messo su un’associazione che si prefigge di insegnare l’arte marziale della Spada Laser.
Nel pentolone di questa iniziativa abbiamo potuto osservare tante belle cose come, per esempio, coreografie e riproduzioni di oggettistica ispirate al film.
Ma essenzialmente, l’obiettivo dell’accademia è quello di proporre la spada laser come disciplina sportiva. Cosa molto importante perché da qui derivano elementi fondamentali come l’accettazione di concetti morali ben radicati e sani principi sportivi.
Date un’occhiata alla loro pagina Facebook qua!

3. Ghostbusters Sicilia
Immagine Chiacchierata molto ghiotta quella fatta con Simone Nicotra, fondatore insieme a Federico Giuffrida, che ci parla della nascita della sua associazione compiutasi tre anni fa dopo un colpo di fulmine avvenuto tra i due durante una fiera.
Per chi non sapesse di cosa si tratta, sappiate che i Ghostbusters Sicilia sono un vero e proprio gruppo-cosplay auto-organizzato che fa parte integrante delle manifestazioni (tra l’altro sono riconosciuti nientepopodimenoché da Dan Aykroyd).
Comunque, a un certo punto, l’oggetto della conversazione cade inevitabilmente sull’arrivo del nuovo film di Ghostbusters.
“Male, molto male” è la risposta di Simone accompagnata da una marcata espressione di sdegno e disapprovazione, cosa da associare, secondo lui, alla sempre più crescente crisi di idee di Hollywood.
Pagina degli idraulici siciliani, qui!

2. Like me, Like a Joker
Immagine Una web-serie tutta catanese incentrata sul cattivone di Batman!
Nello specifico, abbiamo sentito l’autore e interprete di Joker, Bruno Mirabella che ci ha parlato della realizzazione di questo sceneggiato completamente autosostenuto e nato dopo l’idea di un monologo teatrale da cui si è giunti a realizzare che non sarebbe bastato per mostrare le sfaccettature psicologiche di questo carismatico personaggio.
Come era successo in precedenza, anche questa volta l’argomento cade sull’arrivo di un film.
Stiamo parlando di Suicide Squad ovviamente e il parere di Bruno è stato un “stiamo a vedere”, pur citando qualche perplessità circa il design di Joker e Arley Quinn.
Correte a vedere il loro canale di youtube, qui!

1. Smile & Cosplay
Immagine Intervista che rischia di cadere nella rissa sin da subito siccome tra il nostro Gomez e Francesco Scarfone dell’associazione SM.A.C.k non scorre buon sangue.
E’ risaputo, infatti, che durante i raduni cosplay, i due siano soliti rubarsi le idee per il costume finendo col presentarsi, ogni volta, con lo stesso personaggio.
A parte questo, abbiamo appreso tante belle cose sul gruppo di Francesco che dal 2011 si prodiga nel volontariato con la terapia del sorriso, in cosplay, presso i reparti pediatrici degli ospedali a portata geografica (Catanzaro per il momento).
Fantastico, vero?
E a sua detta, anche molto ma molto gratificante.
Se non visitate la pagina facebook dell’associazione, qui, siete dei… ehm… birichini !

E ora, menzioni speciali per:

– Àntica, romanzo fantasy a opera di alcuni ragazzi lametini (Antonio Cittadino e Agostino Mano, rispettivamente illustratore e scrittore). Una storia ambientata nelle terre fantastiche dei “Cavalieri della luce“, ordine leggendario a cui il protagonista si sente misteriosamente legato…
Date un’occhiata alla pagina Facebook per ulteriori informazioni, qua.

Umberto Giampà, disegnatore di fumetti e autore del manifesto ufficiale della fiera che ci ha parlato di alcuni suoi progetti come Roma, la stirpe di Marte e il recente The steams.

Bon. Come ogni fiera che si rispetti, il Komics ha avuto anche un contest cosplay molto gustoso con tanti bei premi.
Ecco i vincitori:

Miglior realizzazione: Elisa PaduanoHarley Quinn (“Batman: Arkham asylum”)
P1000364

Miglior  coreografia: Giovanna PaduanoRias Gremory (“High school DxD”)
P1000365

Premio simpatia: Chiara Castelli, Andrea Maltese, Mirko Toscano – Gruppo Marvel: Deadpool, Punisher, Wolverine)
P1000369

Premio interpretazione: Giuseppe Aricò, Mariagrazia Bolignano, Gianluca Costa – Gruppo Hunger Games: Peeta Mellark, Katniss Everdeen, Finnick Odair)
P1000376

The best: Gianmarco BonaccorsoJafar (Aladdin)
P1000366

Premio speciale Komics RC: Giuseppe Aricò, Mariagrazia Bolignano, Gianluca Costa – Gruppo Hunger Games: Peeta Mellark, Katniss Everdeen, Finnick Odair)

E per concludere, PICTURES GALOOORE! (per vedere il resto delle foto seguiteci sulla nostra pagina di Facebook).
E mi raccomando, se vi è piaciuto quello che avete letto in questo articolo, seguite il KOMICS Reggio Calabria su sito ufficiale oppure su questo LINKBELLO

P1000266
Il magnifico anfiteatro affacciato sul mare
P1000306
Duello all’ultimo sangue con le spade laser!
P1000371
Silent Hill… Bei costumi ma hanno traumatizzato diversi bambini!
P1000361
Qui se le davano di santa ragione a colpi di spadone medievale
P1000355
Leo Ortolani in persona!!!111!!!!11!!!1111
P1000343
Due poveracci attendono sconsolati l’imminente inizio della conferenza sui Vampiri che sarebbe dovuta iniziare alle 15:00… E’ stata spostata alle 21:00.
P1000324
Giochi di ruolo!!!
P1000257
Questo posto era assolutamente fantastico!

P1000250 P1000281 P1000295 P1000296 P1000370 P1000372 P1000374 P1000368 P1000367 P1000358 P1000357 P1000341

Mario Iaquinta

Nato da sua madre “dritto pe’ dritto” circa un quarto di secolo fa, passa i suoi anni a maledire il comunissimo nome che ha ricevuto in dote. Tuttavia, ringrazia il cielo di non avere Rossi come cognome, altrimenti la sua firma apparirebbe in ogni pubblicità dell’8×1000. Dopo questa epifania impara a leggere e scrivere e con queste attività riempie i suoi giorni, legge cose serie ma scrive fesserie: le sue storie e i suoi articoli sono la migliore dimostrazione di ciò. In tutto questo trova anche il tempo di parlare al microfono di una web-radio per potersi spacciare per persona intelligente senza però far vedere la sua faccia. Il soprannome “Gomez” è il regalo di un amico, nomignolo nato il giorno in cui decise di farsi crescere dei ridicoli baffetti. Ridicoli, certo, ma anche tremendamente sexy, if you know what I mean…
Back to top button