Kelleran Beq: perché l’introduzione di Ahmed Best in The Mandalorian è così importante

Prima di iniziare, è doveroso avvertire che questo articolo potrebbe contenere spoiler della serie TV “The Mandalorian“. Nello specifico faremo riferimento al quarto episodio della terza stagione (ovvero il Capitolo 20: Il Trovatello). Dunque se non lo avete ancora visto, non consigliamo di proseguire la lettura. Se invece siete curiosi di sapere cosa vogliamo dirvi, continuate pure. Parliamo di un Jedi ai molti sconosciuto, ovvero Kelleran Beq. Ci concentreremo però sull’attore che lo interpreta. Pronti? Via!

L’attore che interpreta Kelleran Beq in The Mandalorian è il medesimo di Jar Jar Binks nella trilogia prequel. PER FORTUNA è tornato

Nel quarto episodio della terza serie di The Mandalorian, appare a sorpresa il maestro Jedi Kelleran Beq. Prima di tutto è doverosa un’introduzione al personaggio. La sua prima apparizione risale al 2020 nella serie TV “Star Wars: Jedi Temple Challenge“, uno show per bambini e famiglie trasmesso inizialmente sul canale YouTube Star Wars Kids e successivamente su Disney+. Ahmed Best (l’attore) oltre ad aver interpretato il personaggio, è anche il produttore e conduttore del programma. Sebbene Kelleran Beq non sia apparso in film o serie TV precedenti di Star Wars, la sua introduzione in “Jedi Temple Challenge” ha portato un nuovo elemento all’universo di Star Wars, focalizzandosi sulla formazione dei futuri Jedi e sulle lezioni di coraggio, forza e determinazione.

Il maestro Jedi appare in un flashback del piccolo Grogu. Quest’ultimo, ricorda l’epurazione Jedi da parte dell’Impero (ricorderete il famoso Ordine 66) e a quanto pare il maestro in questione è riuscito a salvarlo portandolo altrove. Bene, qui finisce la parte degli spoiler e inizia quello per cui siamo qui veramente.

Ahmed Best è Jar Jar Binks

Per chi non lo sapesse, l’attore Ahmed Best è colui che interpretò Jar Jar Binks nella trilogia prequel. Come molti di voi sapranno, Jar Jar Binks è un personaggio controverso tra i fan della saga, e molti lo hanno duramente criticato. Chi lo ama per la sua simpatia, chi lo odia per la sua indole a cacciare tutti nei guai. Chi dice che in realtà sia un Maestro Sith sotto mentite spoglie… Insomma, a causa di queste critiche il personaggio non gode di una bella fama. E purtroppo, a causa delle critiche al personaggio, Best ha dovuto affrontare un notevole contraccolpo personale e un’intensa negatività da parte del pubblico.

Nel 2018, Ahmed Best ha rivelato su Twitter che le critiche e l’ostilità ricevute per il suo ruolo di Jar Jar Binks lo avevano portato sull’orlo del suicidio. Ha condiviso un’immagine di se stesso e di suo figlio su un ponte, spiegando che 20 anni prima era stato su quel ponte, pensando di mettere fine alla sua vita a causa della tempesta mediatica che lo aveva travolto. Fortunatamente, Best ha superato quel difficile periodo della sua vita e ora utilizza la sua esperienza per sensibilizzare sulle questioni di salute mentale e benessere.

Nel corso degli anni, Ahmed Best ha continuato a lavorare nell’industria cinematografica e televisiva, prestando la sua voce a diversi personaggi e partecipando a vari progetti. Ha anche ricevuto il sostegno di molti fan e colleghi che lo hanno incoraggiato e apprezzato per il suo lavoro.

Perché la sua presenza è importante?

Il ritorno di Ahmed nell’universo di Star Wars è importantissimo sotto molti punti di vista:

  • quello personale: la sua presenza è la conferma che l’attore sia riuscito a superare il momento più brutto della sua vita. Questo però, è importante per molti motivi. Prima di tutto ha prestato il ruolo ad un personaggio esclusivamente positivo, un Maestro Jedi che salva un piccolo apprendista. Già questo lo deve aver riempito di orgoglio. Inoltre, come possiamo vedere dai social, l’attore è stato molto apprezzato e ben voluto:
  • quello lavorativo: vestire i panni di un personaggio così importante, porterà sicuramente la sua immagine a una “nuova vita”. Conoscendo come si muove l’universo Disney, non è assolutamente escluso (ma queste sono solo illazioni) che il personaggio di Kelleran Beq verrà sviluppato in altre occasioni. Voglio dire, è stato lui a mettere in salvo Grogu dall’epurazione Jedi… Vorrà pur dire qualcosa, no? In ogni caso questo dipende da come il pubblico deciderà di prendere la sua ri-comparsa.

Leggi anche:
Arriva Ordine 66, uno spettacolare fan film di Star Wars (VIDEO)
L’Impero Si Spoglia Ancora: lo spettacolo burlesque dedicato a Star Wars (non adatto ai minori)

Gianluca Cobucci

"Se c’è in giro una cosa più importante del mio IO, dimmelo che le sparo subito"
Pulsante per tornare all'inizio