Natura e Ambiente

Joaquin Phoenix si lega a un ponte durante una protesta a difesa degli animali

Joaquin Phoenix, attore brillante e appassionato, ma anche uomo consapevole e sensibile alle problematiche ambientali e legate ai diritti dei più deboli.

A differenza di molti suoi colleghi che spesso si limitano a lanciare appelli e donare fondi, Phoenix è da tempo impegnato in prima persona come attivista, senza paura di scendere in strada e alle volte, rimanere coinvolto nelle azioni di messa in sicurezza delle forze dell’ordine.

Joaquin Phoenix e le sue battaglie

L’attore, apprezzato dal pubblico e dalla critica per la sua recente interpretazione di Joker nel film omonimo, ha partecipato a una protesta anche nella giornata di sabato, appena poche ore prima di ricevere il premio Bafta come miglior attore protagonista in un film drammatico.

Nel corso della manifestazione, volta a difendere i diritti degli animali, Joaquin Phoenix si è legato al Tower Bridge di Londra, per sensibilizzare i passanti sull’impatto ambientale e non del consumo quotidiano di carne. L’attore è, infatti, vegetariano fin dalla tenera età e ha abbracciato, negli anni, lo sforzo attivista per informare e motivare altri a intraprendere una dieta più sostenibile a salvaguardia dell’ecosistema.

joaquin phoenix tower bridge
Joaquin Phoenix durante la manifestazione

In proposito, Joaquin ha dichiarato:

Penso che abbiamo la responsabilità personale di agire in questo momento. Un modo per mitigare i cambiamenti climatici è regolare i nostri consumi e andando verso le piante. A volte mi sembra che non si parli abbastanza. Quindi sto solo incoraggiando le persone a saperne di più su come mangiare su una base vegetale e fare la differenza per fare qualsiasi impatto personale possibile sull’emergenza climatica.

Nel giro di poche ore, ha smesso i panni dell’attivista e la sua felpa nera per indossare uno smoking. Alla cerimonia di premiazione BAFTA, non ha perso occasione di condannare il “razzismo sistemico” che sembra ancora oggi permeare l’industria del cinema.

Le previsioni lo vogliono vincitore anche del premio Oscar, la cui premiazione è fissata per il 9 febbraio. Lo vedremo brandire la statuetta dorata?

Martina Cappello

Da studentessa non esattamente modello di Ingegneria dell'informazione, passo il mio tempo tra libri della facoltà, film d'autore e serie tv. Tra i miei interessi si distingue l'amore per l'universo di Twin Peaks, di Lynch in generale, della musica e della filosofia.
Back to top button