Libri e Letteratura

J.K. Rowling critica i life coach: ‘le persone affrontano sfide di cui non sapete niente’

Essere produttivi nonostante si debba rimanere a casa è una di quelle cose che in questo momento di pandemia passa per la bocca di tutti. Quante pagine avrete letto che vi incitavano a imparare cose nuove ed usare il vostro tempo per portare a termine progetti o quant’altro?
J.K. Rowling non ha apprezzato alcuni messaggi di questo genere, ed ha voluto dire la sua opinione a riguardo. Una serie di tweet della nota scrittrice britannica, infatti, vanno a dire la sua riguardo a tutti quegli utenti che nei social media mettono pressione agli altri con la scusa del “bisogna essere produttivi”.

J.K. Rowling tra potere e dovere

Questi sedicenti “life coach”, infatti, tendono a far passare il messaggio che chi non si sta dando da fare abbia meno valore degli altri.

Se siete dei ‘life coach’ che stanno qui a implicare che quelli che non stanno imparando qualcosa o facendo nascere un nuovo brand durante la quarantena, siano dei perdenti, magari smettetela!

Ha infatti scritto l’attrice nel suo primo tweet.

Le persone affrontano sfide di cui non sapete niente. A volte anche solo attraversare un periodo è più che abbastanza.

A questo però non ha perso tempo ad aggiungere un secondo tweet.

Sostenere che le persone siano pigre o prive di motivazione se non stanno creando capolavori quotidianamente non è ispirare, è una forma di shaming (NdR – far vergognare qualcuno della propria condizione).

Se la distrazione infinita curasse la depressione nessuno stacanovista, come nessuno con abbastanza denaro, si sarebbe mai ucciso. La tristezza e l’ansia non sono debolezze, sono una normale risposta umana a difficoltà e pericoli.

Permettere a noi stessi di accettare le nostre sensazioni e riconoscere che abbiamo delle buone ragioni per sentirci in quel modo è una strada che porta più facilmente a tornare ad una buona condizione di salute mentale, piuttosto che farci del male perché non siamo superuomini.

Per quanto mi riguarda, non posso che essere d’accordo con la scrittrice. E se volete sapere i miei due spicci su cosa sia importante da un punto di vista di produttività in questo periodo, date un’occhiata qui

Back to top button