Cinema, Film e Serie Tv

Il gusto cyberpunk sposa la vita rurale sovietica in questo cortometraggio

Video a fine articolo

Se avete amato la  serie animata antologica Love, Death & Robots di Netflix, creata da Tim Miller, allora potreste trovare delle analogie nel breve cortometraggio diffuso in questi giorni dal formidabile studio Birchpunk, team russo di artisti decisamente in gamba.
Se in generale vi intrigano lo sci-fi e la letteratura distopica sicuramente farà al caso vostro e non rimarrete delusi.

Caratterizzato dal taglio da docufiction, il breve video scritto e diretto da Sergey Vasiliev racconta con brevi scene il futuro di una fattoria russa. Non una fattoria come le altre del nostro tempo, appunto, ma una che unisce perfettamente la vita rurale russa contemporanea alla tecnologia cyberpunk.

Il video, che ha ottenuto quasi tre milioni di visualizzazioni su YouTube in meno di due giorni, ha come protagonista Nikolay, il proprietario della fattoria in cui la manodopera è costituita da robot e droni dall’aspetto un po’ fatiscente, ma sicuramente fedeli e instancabili.

Nikolay ci presenta i suoi collaboratori, ci mostra le migliorie tecnologiche che ha adottato e confuta il mito che vuole la Russia come un paese arretrato. Il suo mezzo agricolo vola, la posta viene consegnata da un mezzo dotato di razzi e le pecore vengono governate da droni pastori. Tra le altre cose Nikolay è in cerca di personale umano da aggiungere all’organico, per cui se siete interessati fatevi avanti!

Prima però vi conviene guardare il video fino in fondo, perché nei secondi conclusivi c’è un importante colpo di scena che potrebbe invogliarvi ancora di più a mandare un curriculum oppure invece scoraggiarvi un po’!

Ad ogni modo potete trovare qui il canale YouTube del team Birchpunk e qui la loro pagina sul social russo VK.

Leggi anche:
Corto Circuito: in arrivo un remake del film degli anni 80
The Tunnel, l’incredibile corto scifi di André Øvredal è disponibile online (VIDEO)
Applausi per Hermann, il primo cortometraggio ispirato al Covid19

Back to top button