Eventi e Fiere

Il Cosenza Comics parte in quarta (articolo + pictures galore)

Wow!

No, non il videogioco. E… si, è l’espressione che mi è uscita di bocca alla fine di questa prima edizione del Cosenza Comics.

Sul serio, ho difficoltà a impostare l’articolo talmente numerose sono le cose belle che abbiamo visto alla Città dei Ragazzi in questo magnifico weekend di fine marzo.

Che dire, quei ‘poracci dello staff ci sono riusciti veramente. Allegria, divertimento ma soprattutto tanta competenza e organizzazione. Inutile ripetere che l’evento avrà una cadenza annuale forte del successo di questa prima edizione dove i numeri parlano ben chiaro:
stiamo parlando di oltre 20 mila ingressi registrati e una vocina “bassa bassa” ha sussurrato: fiera del fumetto più grande del meridione!

Oh cavolo, il mio rivelatore di orgoglio sta impazzendo…

Il video rende più o meno l’idea della mia elucubrazione mentale.

E gli ospiti… che ospiti!
Vogliamo parlare di Giorgia Vecchini? Bellissima e ottima la sua performance come presentatrice del contest cosplay!
G.O.P.S e Final Fantasy Italian Project hanno dato il colpo di grazia alle serate di, rispettivamente, sabato e domenica con i loro concerti. Fantastici!
Ma Pasquale Anselmo?? Quanta stima per quest’uomo!

Proprio su di lui ci soffermiamo perchè, a mio modo di vedere, il suo intervento è stato quello più memorabile.
Durante l’incontro con il doppiatore cosentino, infatti, si è parlato tanto del suo “mestiere” (come a lui piace definirlo).
Si è parlato di come si possa diventare un doppiatore, come funziona questa frangia del cinema e, soprattutto, si è parlato delle difficoltà del settore.

A questo proposito, la voce nostrana di Nicolas “Recito tutto io” Cage, ha dato una risposta alquanto esauriente circa la domanda:<<qual’è la reale necessità del doppiaggio se i film in lingua originale sono più ARTISTICAMENTE APPREZZABILI (data la massiccia presenza di pirateria e sottotitolaggio)?>>

Ora, siccome la domanda in questione non l’ha fatta certamente il pubblico, bensì si è fatta strada da sola durante il dibattito, è giusto citare la polemica che quel zuzzurellone di Gabriele Muccino ha tirato fuori qualche mesetto fa.
Il simpaticone, infatti, in un post su Facebook, ha espresso la sua contrarietà al doppiaggio italiano (definendolo “mortificante”… fonte) e si è ritrovato ben presto intasato dai messaggi dei ViP in disaccordo.

FormatFactoryP1000019

Ma, siccome, Muccino, i suoi film li fa doppiare… allora Pasquale Anselmo, tirato in ballo nella faccenda come rappresentante del doppiaggio, replica semplicemente con i fatti.
E lo fa facendo capire al giovane pubblico che il doppiaggio è parte integrante della produzione di un film. Tutte le produzioni internazionali prevedono la selezione del cast di doppiaggio, paese per paese. E questo perchè succede? Ma perchè al cinema non si va per leggere un dialogo, altrimenti sareste rimasti a casa a sfogliarvi Novella 2000sciocchini voi!

Al cinema si va per assistere a una performance di professionisti, dove sono inclusi i doppiatori che con tanta dedizione ci trasmettono le emozioni che questi attori non possono esprimerci nella nostra lingua… e che con i sottotitoli continuerebbero a non farlo perchè, dannazione, state leggendo, non state godendo del film nella sua interezza!
E inoltre, chi andrebbe al cinema per vedere un film con i sottotitoli? Io no…

Il discorso non fa una piega e chi lo sa se in quella sala, sabato pomeriggio, Pasquale Anselmo sia riuscito a reclutare l’interesse di qualche futuro doppiatore cosentino. Io lo spero perchè quello del doppiaggio è un mondo veramente bello e vale la pena avere persone che sappiano difenderlo con lo stesso entusiasmo con cui mi ha contagiato l’ospite numero uno del Comics!

Bene, siamo riusciti a parlare di cose serie anche nell’articolo del Cosenza Comics! YAY!

Dunque, adesso passiamo alle mie solite cavole. Qua sotto vi aspetta niente poco di meno che la PICTURES GALORE della fiera!!!

Le immagini migliori che siamo riusciti a prendere da questa meravigliosa esperienza. Da bravi, rifacciamo i complimenti allo staff e al prossimo anno per un’altra fantastica edizione!
Ah e quasi dimenticavo… in arrivo il video, dunque, continuate a seguirci!

FormatFactoryP1000003
L’ingresso alla Città dei Ragazzi!
FormatFactoryP1000007
Quello… quello è un dinosauro!
FormatFactoryP1000011
Pasquale Anselmo inizia la sua “tavola rotonda”
FormatFactoryP1000028
Lo staff in azione!
FormatFactoryP1000030
Da quelle parti la security era abbastanza… oscura.
FormatFactoryP1000033
The Steroids Brothers!
FormatFactoryP1000039
Cosplay sexyness!
FormatFactoryP1000046
Pronti alla battaglia!
FormatFactoryP1000051
Vi piace la poesia? Date un’occhiata al gruppo di questi ragazzi: www.nucleokublakhan.it
FormatFactoryP1000068
Si giocava anche a D&D!
FormatFactoryP1000056
Qua si parlava di Tolkien con Paolo Gulisano.
FormatFactoryP1000069
Il mio barbiere di fiducia… o forse no.
FormatFactoryP1000070
D&D e non solo!
FormatFactoryP1000072
ETCIU!
FormatFactoryP1000078
Intanto un imbecille rubava i microfoni di Ponteradio…
FormatFactoryP1000084
Pasquale Anselmo con Vader!
FormatFactoryP1000049
Scuola di trucco!
FormatFactoryP1000088
E ancora… Pasquale Anselmo con alcuni idraulici della Sicilia. Hey, ma io li conosco!
FormatFactoryP1000093
Anche i supereroi fanno la fila per il bagno… certo che se gli idraulici siciliani facessero il loro dovere…
FormatFactoryP1000096
Momento sexy! mmhh
P1000111
Questa foto ha un significato…
IMG-20150329-WA0003
In giro c’era un fastidiosissimo photobomber… che imbecille!
CAM01103
Il cane… Mayo?

FormatFactoryP1000042 FormatFactoryP1000043 FormatFactoryP1000044 FormatFactoryP1000045 P1000113 FormatFactoryP1000050 FormatFactoryP1000063 FormatFactoryP1000064 FormatFactoryP1000065 FormatFactoryP1000067 FormatFactoryP1000080 FormatFactoryP1000094 FormatFactoryP1000095

Se volete vedere le foto in alta risoluzione non avete che da chiedere nei commenti.
Seguiteci su Facebook, nei prossimi giorni pubblicheremo altre “chicche”.

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.
Back to top button