Libri e Letteratura

I cavalieri del nord

copertina i cavalieri del nord
Copertina del libro, edito da Multiplayer.

A volte ti capita di avere piacevoli sorprese.

Cerchi una cosa e ne trovi un’altra, completamente diversa da quella che cercavi inizialmente e che ti lascia la sensazione di aver scoperto qualcosa di bello.

E’ stato così con “I cavalieri del nord” di Matteo Strukul, classe ’73, non nuovo di certo alla scrittura, ma alla sua prima nel genere.
“I cavalieri del nord” è un fantasy storico ambientato nel 1240 che parla delle avventure di Wolf ed i suoi compagni, cavalieri Teutonici (da non confondersi con i Templari) con le loro rigide regole.

“Salvato, ancora bambino, in una notte di luna e lupi, Wolf è diventato un giovane cavaliere Teutone. Cresciuto sotto la guida di Kaspar von Feuchtwangen, suo mentore e maestro, il ragazzo intraprende insieme ad altri settanta cavalieri crociati, un lungo viaggio dalla Russia alla Transilvania per raggiungere e difendere il castello di Dietrichstein, ultimo avamposto della fede cristiana in una terra ormai in preda a orde di barbari e diaboliche forze oscure.”

Questa la sinossi del libro. Non aggiungerò alcuno spoiler, sebbene sia tentata di parlarvi del personaggio femminile, ma vorrei piuttosto dirvi come sono letteralmente “inciampata” in quest’opera.

Illustrazione interna del libro "I cavalieri del nord"
Illustrazione interna del libro.

Cercavo delle immagini fantasy e mi sono imbattuta nei disegni di Valeria Brevigliero. E’ lei la giovane vincitrice del contest organizzato dalla casa editrice, la Multiplayer, e suoi sono la copertina e le illustrazioni del libro, che, inutile dirlo, mi hanno colpito davvero tanto.

Dunque, se amate il genere e vi fate catturare (come me) dalle illustrazioni, questo libro potrebbe davvero essere il vostro prossimo libro.

Moryan La Nana

Nata, cresciuta ed abbondantemente pasciuta in quel di Cosenza, inseguendo creature fantastiche lascia spesso la valle del Crati, per perdersi nei meandri di immaginarie foreste nel mondo del fantasy, di cui scrive. Nana e guerriera, sempre armata del suo fedele martello, di penna e calamaio. Di lei stessa dice: Io esisto. Ed è un lavoraccio essere me!
Back to top button