Cultura e Società

Guadagnare online: i metodi più remunerativi (ma non sempre i migliori)

Sul web ricorre spesso e con una pandemia non ancora domata, come guadagnare online è sicuramente ciò che vorrebbero sapere migliaia di persone. Gli stravolgimenti sociali che ha portato il Covid, infatti, hanno plasmato anche le abitudini lavorative di milioni di italiani che improvvisamente, si sono ritrovati a fare i conti con l’ormai celebre smart working.

Ma è lo stesso anche per chi un impiego non ce l’ha? Di sicuro, chi vuole iniziare a creare una propria rendita, adesso, può trovare nel web una maggiore probabilità di ingaggio o come spesso succede, di poter condurre una propria attività indipendente.

Questa evoluzione dettata dall’emergenza sanitaria, ha accelerato un processo che si stava già gradualmente diramando verso le potenzialità del mondo online. Abbiamo assistito, nel corso dell’ultima decade, all’avvento di trend particolarmente interessanti. Si veda per esempio le celebrità lanciate da Youtube, Instagram e TikTok, parliamo ovviamente dei cosiddetti influencer i quali ricoprono tra le posizioni più agognate dai giovani neofiti. Per non parlare delle piattaforme stesse, adesso multi-milionarie e in grado di far concorrenza alle corporazioni mondiali più potenti.

In questo calderone di potenzialità, tuttavia, sono poche quelle mansioni che ancora potrebbero rappresentare un punto di svolta immediato per l’utente medio e infatti, chi è alla ricerca del top (in termini di guadagno), deve vedersela con un mercato abbastanza saturo e pieno di competizione. Tuttavia, c’è ancora qualche soluzione in grado di rivelarsi profittevole e non sempre, sarà idilliaca come invece è stata per chi ha agito durante gli anni d’oro dell’ascesa del web. Vediamo una breve lista di possibilità.

Fare trading

Partiamo con il dire che questo non è un consiglio di investimento ma solo un’opinione maturata in seguito alla propria esperienza personale. Non disporre di particolari talenti, probabilmente è il talento stesso necessario all’ottenimento di una cultura finanziaria adeguata.

La nostra società ci forma per essere il tassello mancante delle aziende e delle istituzioni e tuttavia, c’è e ci saranno sempre società guidate da una minoranza di singoli o gruppi di individui e su queste, è possibile investire senza doversi per forza sedere nei vari consigli di amministrazione.

L’esigenza del risparmiatore, infatti, è quella di trovare un senso al proprio capitale e fare in modo che questo possa svilupparsi piuttosto che estinguersi su un conto bancario inattivo. Tale necessità, mescolata all’utilizzo mainstream del web, ha portato diverse piattaforme di trading a diventare un vero e proprio trend.

La cosa positiva di questo settore è che non è necessario essere i migliori, in una classifica immaginaria, pur di addentare la parte più buona della bistecca. Quindi, arricchirsi non significa farlo a discapito di qualcun altro. Ne consegue che guadagnare con il trading, è quasi un metodo di accesso libero e senza particolari criteri di ammissione.

Il termine “quasi” è dovuto al fatto che come in tutte le cose, non è possibile approcciarsi a un lavoro senza studiarne approfonditamente la teoria. Non è un caso che questi siti web, in cui è possibile acquistare azioni e quant’altro, mettano al corrente i propri visitatori del rischio insito nell’uso del proprio patrimonio. E’ bene, dunque, prima di iniziare, comprendere se si in grado di perdere parte del proprio capitale senza compromettere tutte le proprie riserve economiche. Al contrario, se non si dispongono di fondi, non si pone neanche la domanda.

In sintesi, pur essendo popolare, il trading è qualcosa che si riserva meglio a coloro che possiedono già dei risparmi.

Occupazioni a luci rosse

L’industria pornografica è sicuramente tra quelle più profittevoli dell’ultima decade ed è inutile ribadire quanto internet abbia giocato un ruolo fondamentale nella veicolazione dei questi contenuti. Ma in realtà, questo paragrafo è dedicato a tutte quelle attività parallele che non fanno propriamente parte delle grandi case di distribuzione video.

L’avvento di OnlyFans ha dimostrato la possibilità di sostenere un modello di business indipendente, dove è possibile vendere i propri contenuti senza dover per forza disporre di un contratto o di particolare visibilità. Chiaramente, OnlyFans è solo la punta dell’Iceberg e forse, non rappresenta neanche il metodo più remunerativo. Con le webcam, modelle e modelli provenienti da tutto il mondo, segnalano guadagni da capogiro in un solo giorno.

Su Zazoom.it leggiamo di Sofia, una ragazza di Milano che sembrerebbe aver guadagnato circa 8500 euro su BongaCams, un conosciuto sito di streaming in cam dove gli utenti possono avviare sessioni a pagamento con le operatrici, o gli operatori.

Questo servizio è tra quelli che rientrano in quella sfera un po’ grigia, pur essendo indubbiamente molto remunerativo, e richiede dei requisiti molto esosi come per esempio disporre di un bell’aspetto e il fegato giusto per disinibitamente mostrarsi in video.

Tuttavia, c’è da dire che piattaforme come BongaCams, mettono a disposizione diversi suggerimenti per proteggere la propria privacy e impedire che i propri contenuti siano visti nella località geografica di appartenenza – per quello che serve. Infine, se da un lato ci sono persone come Sofia che hanno riportato un’esperienza positiva, bisogna considerare questa al pari di qualsiasi altra opportunità lavorativa: ovvero, solo se ci piace davvero.

Criptovalute

Bitcoin, Ethereum, Cardano e altri nomi importanti del settore, non a caso sono estremamente popolari in questo periodo. Individui che nel 2010 possedevano poche centinaia di euro in Bitcoin, oggi sono multi-milionari. Sembra troppo facile per crederci ma purtroppo descrive abbastanza bene l’interesse che questa tecnologia esercita sui piccoli e medi risparmatori.

Come nel caso del trading, anche qui abbiamo decine di piattaforme promulgatrici del trend e delle possibilità ad esso annesse. Ma non è solo una questione di possedere delle valute o dei token. Quando ci addentriamo in questo mondo, ci rendiamo conto di quanto sia profonda la tana del Bian Coniglio.

Nft, asset digitali, possibilità di earn passivo sono solo alcuni dei metodi con cui è possibile guadagnare attraverso la blockchain. Approcciarsi a questo mondo, oggi, potrebbe rivelarsi una scommessa in grado di cambiare la vita del consumatore nei prossimi anni. Questo, a detta di molti, è il momento storico giusto per addentrarsi in questa bolla. Senza però abbandonarsi completamente alle promesse di guru e fantomatici esperti. Anche qui, l’attenzione è importante per non ritrovarsi faccia a faccia con spiacevoli esperienze.

In conclusione

Arrivando al termine di questo articolo non possiamo fare altro che arrivare alla seguente somma dei fatti: fare soldi facili con internet non è affatto facile, anche nel 2021. Ognuna di queste opportunità presenta dei pro e dei contro ed è quindi il motivo stesso per cui, forse, anche in questo caso è consigliabile puntare su delle mansioni meno remunerative ma comunque accessibili dopo periodi di adeguata formazione.

Per esempio, fare il freelancer è ancora qualcosa di possibile pur essendo un mercato che è caratterizzato da estrema competizione; per vivere bene, senza diventare schiavi della propria avidità, però, basta concentrarsi e ritagliarsi una propria nicchia di clientela. Discorso analogo per tutti gli impieghi professionali che ad oggi godono di una finestra aperta sul mondo virtuale. Solo con un po’ di impegno in più.

Leggi anche:
Come trovare lavoro online nel 2021
Come si configurerà il mondo del lavoro nel prossimo futuro? Alcune previsioni tra smart working e digitale
Animali domestici al lavoro, ecco alcuni consigli per tenerli con noi
Come diventare book-blogger: muovere i primi passi per guadagnare con creatività
Guadagnare con i bitcoin, i consigli da tenere a mente
Guadagnare con Youtube: perché è quasi impossibile?

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.
Back to top button