Gli emulatori hanno salvato la mia anima da gamer

Purtroppo durante la mia adolescenza non ho potuto contare su molte console per giocare. Ne ho avute alcune, come la PlayStation di prima generazione o diversi Game Boy (a partire dal Pocket, quello bianco e nero in miniatura). Grazie proprio a quest’ultimo che ho scoperto quella parte di me che oggi possiamo chiamare “nerd”. Forse sono stati i Pokémon a risvegliare questo angolo recondito della mia anima. Ma oggi? Non è cambiato nulla grazie agli emulatori.

Gli emulatori fanno sopravvivere alcuni ricordi e rendono i giochi immortali

Quando si parla di emulatori credo che vada fatta una distinzione. Esistono emulatori assolutamente legali e quelli no. Tra i primi una menzione speciale per le console ufficiali che ripropongono dei titoli giocabili sono con console molto vecchie. Un esempio a me vicino Final Fantasy 7 per Nintendo Switch (che ho iniziato e finito platinandolo ben 4 volte in 3 anni).

Poi ci sono gli emulatori per smartphone, o per altre console, che prevedono il download delle cosiddette ROM. Questi possono essere piuttosto rischiosi da scaricare e da utilizzare ma a volte ne vale davvero la pena.

L’emulazione ha trasformato il modo in cui interagiamo con i videogiochi del passato, offrendo una seconda vita a console ormai fuori produzione come l’Atari 2600, il Sega Genesis e il Neo Geo. Grazie a emulatori come MAME, RetroArch e Kega Fusion, è possibile rivivere le avventure che hanno segnato l’infanzia di molti, con una fedeltà sorprendente rispetto all’esperienza originale. Questi strumenti digitali non solo permettono di giocare titoli che altrimenti sarebbero rimasti relegati nell’oblio, ma agiscono anche come custodi della storia videoludica, assicurando che il patrimonio ludico sia accessibile alle nuove generazioni.

Diverse versioni, dall’originale alla più moddata, di Final Fantasy 7

Voglio dire: chi gioca più a Pokémon Giallo sul Game Boy? Meglio farlo sullo smartphone!

Ma al di là della pura nostalgia, l’emulazione apporta miglioramenti significativi all’esperienza di gioco, attraverso funzionalità come i “save-states” che permettono di salvare il progresso in qualsiasi momento, eliminando la frustrazione di dover ricominciare da capo a causa di un imprevisto. Inoltre, la comunità di modder sfrutta questa tecnologia per arricchire i giochi classici con correzioni di bug, miglioramenti grafici e addirittura contenuti inediti, offrendo una nuova vita a titoli amati da decenni.

L’emulazione si rivela inoltre un fertile terreno di sperimentazione per gli appassionati di “speedrunning“, che utilizzano questa tecnologia per affinare le proprie tecniche e stabilire nuovi record mondiali. Gli hackers del gaming, dal canto loro, modificano i giochi per creare versioni modificate che spaziano da semplici aggiustamenti di difficoltà a vere e proprie narrazioni alternative, dimostrando come la passione per i videogiochi possa spingere i confini dell’innovazione.

Guardando al futuro, l’emulazione continua a evolversi, con lo sviluppo di nuovi software che promettono maggiore precisione, compatibilità e funzionalità avanzate. La comunità degli emulatori, animata da un mix di nostalgia e creatività, non mostra segni di rallentamento. Questo dinamismo mi rassicura molto perché assicura che l’eredità videoludica non solo sopravviva ma continui a ispirare, educare e divertire.

Gianluca Cobucci

"Se c’è in giro una cosa più importante del mio IO, dimmelo che le sparo subito"
Pulsante per tornare all'inizio