Scienza

Gli scienziati hanno scoperto che il geco palmato brilla di un verde neon al chiaro di luna

Un geco palmato del deserto della Namibia ha mostrato brillanti segni luminosi al buio che risplendono di un verde neon al contatto con la luce della luna.

Il meccanismo che produce questo bagliore non è mai stato osservato prima negli animali terrestri con spina dorsale e questa, è stata una scoperta interessante sotto diversi aspetti.

Un geco palmato che risplende al buio

I gechi palmati (Pachydactylus rangei) hanno una pelle traslucida con grandi segni giallastri: strisce sui lati e anelli che circondano i loro occhi. Questo era risaputo, ma nessuno sapeva invece che questi segni si illuminano intensamente quando assorbono la luce della luna.

Questa capacità di fluorescenza – quando cioè la luce viene assorbita e quindi emessa a una lunghezza d’onda maggiore – è stata trovata in altri rettili e anfibi, prodotta dalle loro ossa o dalle secrezioni chimiche nella loro pelle. Tuttavia, i gechi palmati generano la loro luce utilizzando cellule del pigmento della pelle riempite con cristalli di guanina. Queste cellule, chiamate iridofori, sono state precedentemente collegate alla visualizzazione a colori di gechi e lucertole, ma questa è la prima prova che gli consentono anche brillare al buio.

Secondo la Animal Diversity Web (ADW), un database di fauna selvatica gestito dall’Università del Michigan, i gechi palmati che vivono in alvei asciutti e dune nel deserto del Namib, misurano da 10 a 15 centimetri di lunghezza ed usano i loro grandi piedi palmati per scavare nella sabbia fine e sono per lo più attivi di notte.

geco palmato

Nel 2018, gli autori dello studio, avevano scoperto che i camaleonti sono dotati di ossa che “brillano”, la cui luminescenza si vede attraverso la pelle. Questa scoperta ha spinto gli scienziati a cercare bagliori nascosti in altri rettili e anfibi, ha detto il coautore dello studio Mark Scherz, ricercatore postdottorato con Adaptive Genomics Group presso l’Universitat Potsdam in Germania.

David Prötzel, autore principale di questo studio e candidato al dottorato presso la Bavarian State Collection of Zoology (ZSM) di Monaco, ha tenuto a casa i gechi Pachydactylus rangei ed ha scoperto questa capacità quando ha proiettato una luce UV su di loro: ha scoperto che brillavano di un verde neon, e Scherz ha fatto partecipi tutti della sua scoperta su WordsSideKick.com diffondendo i risultati via e-amil.

I ricercatori hanno quindi testato 55 campioni di Pachydactylus rangei da ZSM alla luce UV, trovando prove di fluorescenza negli adulti di entrambi i sessi e nei giovani.

In altri anfibi fluorescenti, come la raganella a pois (Boana punctata), il bagliore proviene da una sostanza chimica che circola attraverso il suo sistema linfatico. E i rettili come i camaleonti e i rospi della sella nel genere Brachycephalus mostrano ossa fluorescenti attraverso le regioni del corpo dove la loro pelle è molto sottile.

geco

Scherz ha affermato che:

In realtà risulta che alcune specie differenti, inclusi i gechi, hanno una pelle sufficientemente trasparente da poter vedere la fluorescenza delle loro ossa attraverso di essa sotto una luce UV sufficientemente forte

Ma nei gechi palmati, il bagliore luminoso proveniva dagli iridofori. Sebbene gli iridofori non fossero precedentemente associati alla fluorescenza nei gechi, sono noti per la fluorescenza in alcune specie di pesci di barriera. Il geco palmato è il primo geco noto a possedere due tipi di iridofori: uno fluorescente e uno che non lo è.

Il bagliore prodotto da queste cellule è più luminoso del bagliore che emanano dalle ossa i camaleonti ed è tra gli esempi più visivi di fluorescenza negli animali terrestri, hanno riferito gli autori dello studio. Tali segni luminosi lungo la parte inferiore del corpo e intorno all’occhio sarebbero altamente visibili agli altri gechi, ma sarebbero nascosti ai predatori con punti di osservazione più alti, come gufi o sciacalli secondo Scherz.

Sebbene gli scienziati non sappiano come la maggior parte di questi animali usino la loro fluorescenza, la posizione e la luminosità di questi segni, così come la loro visibilità nell’arido ambiente desertico dei gechi, dove non c’è molta vegetazione, suggerisce che la fluorescenza giochi un ruolo nell’interazione sociale.

Abbiamo osservato in cattività che, sebbene questi animali siano in gran parte solitari, corrono l’uno verso l’altro per salutarsi dopo un breve periodo di separazione“, ha detto Scherz. “Si leccano anche la condensa dai corpi, quindi ci sono molte ragioni per cui potersi vedere a lunghe distanze sarebbe utile per questi gechi“, ha detto.

Leggi anche:
Scoperta nuova specie di vipera: il nome è un omaggio al mondo di Harry Potter
Nuova barriera corallina scoperta in Australia: è più grande della Torre Eiffel
Scoperto nuovo disegno tra le Linee di Nazca, gli archeologi trovano un enorme gatto
Scoperto il ragno Joker: la nuova specie è un tributo a Joaquin Phoenix (FOTO)
Spinosauro: una scoperta riscrive la storia del più grande predatore

Back to top button