Videogiochi e Gaming

Gaming, la centralità dei demo in un mercato sempre più sviluppato

Gaming, la centralità dei demo in un mercato sempre più sviluppato

In un universo complesso e articolato come quello del gioco niente può essere lasciato al caso. Non sarebbe altrimenti, in un contesto che genera ogni anno milioni di introiti e un giro d’affari che va dall’Europa all’Asia, passando per l’America del Nord e quella Latina. Il gaming infatti ha vissuto uno dei periodi di crescita più brillanti di sempre, proprio durante la pandemia da Covid 19.

In questo articolo proveremo a capire come ci sia riuscito guardando a una serie di aspetti che, generalmente, vengono considerati minoritari: le demo, i test sui prodotti e i bonus.

COSA SONO LE DEMO

Partiamo dalle basi: per “demo” di un gioco, di un videogame o di una slot si intende un piccolo pezzo di quel prodotto che viene, in genere, distribuiti sotto forma gratuita. L’idea è infatti molto semplice: si tratta di una prima messa sul mercato di un titolo, in maniera tale da vedere la reazione degli utenti e per aiutare i consumatori a farsi un’idea del gioco prima dell’acquisto della versione completa.

Le demo si dividono in due grandi varianti: quelle giocabili, ovvero versioni ridotte del gioco completo come quelle fornite dalla PlayStation, limitate semmai ad alcuni livelli o con alcune funzionalità, oppure non riproducibili, chiamate anche “demo a rotazione”, ovvero delle semplici registrazioni del gameplay, per mostrare il prodotto finale. L’idea quindi è di creare una piccola prova del prodotto finale e anche di testarlo sull’utenza in forma preliminare. I test sul prodotto sono infatti un’altra grande caratteristica del mercato del gaming, capace di curare le proprie produzioni nei minimi dettagli per assicurarsi un grande successo di pubblico.

SAPER PARLARE ALL’UTENTE

Dopo aver messo in evidenza pregi e difetti di un titolo, dopo aver saggiato gli apprezzamenti dell’utenza e capiti i loro desiderata, si arriva al videogioco o slot finale. Adesso però si deve arrivare ad un nuovo passaggio: quello del rapporto con l’utenza. Il mercato del gambling ha ad esempio costruito una grande rete di utenti basandosi su bonus che permettono di testare delle slot. In questa maniera infatti i neo-giocatori sono attratti sul sito o sulla piattaforma, agevolati nell’iscrizione o nella prova del gioco e infine conquistati con la forza del prodotto stesso, con la qualità del gameplay, con l’efficacia della funzionalità create.

Piccoli tasselli per un grande progetto: quello della crescita del gioco.

LEGGI ANCHE:
Grande traguardo per il mondo dei videogiochi: riconosciuti come forma d’arte
La console più pulita? Stavolta non vincono né Playstation né Xbox

Back to top button