Videogiochi e Gaming

Gamestop chiude altri 100 punti vendita nel mondo

A causa di quelli che sembrano essere problemi finanziari, questo Marzo era arrivata la notizia ufficiale che Gamestop avrebbe chiuso più di 300 negozi per esigenza di costo.
Quel numero sembra compreso ora tra i 400 ed i 450 a causa di nuove chiusure. Cerchiamo di capire il perché.

Gamestop chiude ancora: perché?

Come riportato dalla CNN, la società ha annunciato ciò la scorsa settimana, dove il CFO (capo consulente finanziario) di Gamestop, Jim Bell, ha affermato che le chiusure gli consentiranno di fornire un servizio più efficiente e redditizio ai loro clienti, prima di aggiungere che oltre alle 400-450 chiusure di quest’anno, ce ne saranno sicuramente di nuove per il prossimo.

Sono anni che Gamestop è in lotta contro un mercato che predilige sempre più i videogiochi in digital delivery rispetto quelli in versione fisica.

gamestop

Basti vedere i continui sconti presenti sugli store di Nintendo, PlayStation ed Xbox oltre al servizio game pass di quest’ultima, sempre più efficiente e conveniente.

Gli store di Gamestop si sono aggiornati ampliando i prodotti da loro venduti con merchandising ispirato ai titoli videoludici, ma questo è successo prima che una pandemia globale tenesse milioni di persone lontani dai loro negozi.

Forse non è un caso che Microsoft e Sony abbiano annunciato sul mercato console “unicamente digitali”, magari preparando ad una prematura dipartita del principale franchise di vendita nel campo videoludico.

L’arrivo di console solo digitali non uccide solo la vendita dei giochi fisici, che comunque vanno benissimo sia su Amazon, sia su qualunque altro sito di vendita online, ma colpisce uno dei principali sistemi di vendita di Gamestop: il mercato sull’usato riportato in negozio.

Gamestop ha tuttavia ancora più di 5100 negozi sparsi in tutto il mondo, e non siamo qui a speculare sulla chiusura dell’azienda, ne giocheremo sul perché questo possa succedere, vogliamo solo analizzare la situazione odierna, che al momento non sembra così rosea.

Ma diteci la vostra: siete clienti Gamestop? Vi dispiace la chiusura? Fatecelo sapere nei commenti.

Leggi anche:
L’ultimo Blockbuster diventa un AirBNB per qualche notte di nostalgia… E Pigiama party!
Steam: nuova policy per contrastare le esclusive
Amazon.it diventa l’official e-commerce di Lucca Changes
Microtransazioni: la sottile linea tra azzardo e videogiochi

Back to top button